• Donna
  • Verona (VR)
  • Ultima Visita

Su di me

  • Compleanno
    12 marzo
  • Situazione sentimentale
    Single
  • Altezza
    168 cm
  • Occhi
    Marroni
  • Capelli
    Castano scuro
  • Figli
    1 figlio
  • Segno Zodiacale
    Pesci

Mi piace un sacco

Sport Libri Cinema Musica Tv e Serie Tv Cucina Viaggi Running Calcetto Ballo Yoga Arte Moda Fotografia HI-Tech Natura e Animali Videogiochi

Visite recenti

1293 visite al Profilo

Chi seguo Vedi tutti

MyBlog

Crea gratis il tuo blog in Wordpress e guadagna con Google AdSense

Apri il tuo Blog

I miei Blog

    Gestisci blog

    Genio

    Ad ogni domanda una risposta.
    Cosa desideri sapere?

    Fai una domanda

    Le mie domande

    Le mie risposte

      Vedi tutto

      Forum

      Lancia il tuo Forum condividi informazioni idee e opinioni

      Apri forum

      Le mie discussioni

        I miei post

          Vedi tutto

          Siti

          Scegli il tema che preferisci,
          personalizzalo come vuoi e sei subito online!

          Crea il tuo sito gratis

          Il mio sito

            Forum Box

            1. Lasciare fluire e respirare. Fluire e respirare, questo forse è lo stile, il modo che dovrei sviluppare in me.

              Fluire è il contrario di bloccare, fluire implica assecondare il flusso degli eventi, senza usare troppa forza per condizionarli, fluire è muoversi indipendentemente dalla volontà, non esercitare la volontà per cambiare le cose perché le cose cambiate con la forza non cambiamo davvero, tendono a riappropriarsi di se stesse e a diventare ciò che dovevano diventare.

              Respirare è seguire un ritmo, sentire il flusso e seguirne il ritmo, respiro dopo respiro, fermarsi se necessario e lasciare che ciò che ci deve lasciare ci lasci senza opporre troppa resistenza, respirare è sopportare l’assenza, il vuoto, riempirsi i polmoni d’aria e andare avanti.

              Quindi sì… fluire e respirare. Basta solo questo.


              IMG_0105.JPG.ee99ce577d630ea75eac36fd192c276a.JPG

              1. fleurdelys00

                fleurdelys00

                totale.

                Il testo e l'immagine.

            2. Non m’importava che cosa fosse il mondo. Volevo soltanto sapere come viverci. Forse, se scoprivi come viverci, imparavi anche che cos’era.

              Ernest Hemingway

               

              DSC_1766.JPG.5d26b3dadc60e62eb94ef8d9388d3ea9.JPGDSC_1680.JPG.73f8d897946cec2a033b6f34b5925136.JPGIMG_9812.JPG.b9b24826b6cb78b107210643a72ada5e.JPG5c427c9183fe5_IMG_97792.JPG.70665e38aa1da8591bc9163191b9b0ab.JPG

            3. Le nostre valigie erano di nuovo ammucchiate sul marciapiede; avevamo molta strada da fare. Ma non importava, la strada è la vita.

               

              Jack Kerouac IMG_9692.JPG.9bba2e15006314dd70a4d58b098d7fc9.JPG

              DSC_1619.JPG

              DSC_1654.JPG

              1. beautifullmind0

                beautifullmind0

                Kerouac...un'ispirazione continua.

                 

              2. londoncalling6

                londoncalling6

                • Beat, è il beat da tenere, è il beat del cuore, è l'essere beat e malmessi al mondo e come l'essere a terra ai vecchi tempi e come nelle antiche civiltà gli schiavi ai remi che spingevano le galere a un beat e i servi che facevano vasi a un beat.

                Cuore.

            4. Il mattino riporta il fiato alle mie narici e questo mi uccide perché sporca i miei desideri.

              001.png

              1. nuncepenza6

                nuncepenza6

                bellissimo ritratto 9_9

                il mattino "sporca" anche i sogni, talvolta..per questo non mi piace il momento del risveglio...oltre al fatto che ho sempre un sonno tremendo ¬¬

                 

                Buongiorno Odessa!

              2. carlo9876541

                carlo9876541

                buona sera a te Carlo

              3. altomororicco

                altomororicco

                bellissimo scatto...intenso.

            5. Uccidere è come tagliarsi le unghie dei piedi: all’inizio solo il pensiero ti rende pigro, ma quando cominci a tagliarle ti accorgi che fai molto più in fretta di quello che avevi pensato. Poi credi che passerà parecchio tempo prima di rifarlo, ma quando meno te lo aspetti sono ricresciute.


              Da Kika, Pedro Almodovar

              001.jpg

            6. Sto rileggendo “L’insostenibile leggerezza dell’essere”. Rifletto sulle coincidenze, quelle di cui Kundera scrive a proposito
              dell’incontro tra Tomas e Tereza. Un incontro è tanto più importante quanto più è mosso dalle coincidenze, ovvero da eventi che ci fanno convergere verso una persona in modo ineluttabile. Sono le coincidenze che dovrebbero muovere tutto, non la necessità.
              La necessità è banale, scontata, prevedibile, meccanica. Le coincidenze invece hanno a che fare con il destino, quando noi ce ne accorgiamo esse si manifestano. Sì, perché spesso non ce ne accorgiamo, non ci facciamo caso e non allora succede nulla.
              Tomas è andato in un piccolo paese della Boemia per lavoro, in verità doveva andarci il suo capo ma a causa della sciatica ha mandato lui. Poche ore prima di prendere il treno per tornare a Praga si ferma a bere un cognac in un locale dove lavora Tereza. Lei vede che ha un libro sul tavolo e questo fa scattare in lei una sorta di affinità elettiva nei confronti di Tomas (raramente in quel locale i clienti hanno un libro aperto sul tavolo). Mentre lei chiede cosa desidera a Tomas la radio suona un quartetto di Beethoven (anni fa Tereza ha ascoltato dal vivo quel brano e quella sera al concerto erano presenti lei, il farmacista del paesee la moglie. Tre spettatori per quattro musicisti. Quella musica per lei da quel momento ha rappresentato l’accesso ad un mondo superiore rispetto alla mediocrità ed alla grettezza della propria famiglia). Insomma tutte queste coincidenze fanno scattare qualcosa
              in lei. Quella cosa strana e indefinibile che si chiama amore, forse.

               

              IMG_5598.JPG

              1. altomororicco

                altomororicco

                ho letto questo libro molti, moltissimi anni fa...

                lo riaprirò presto, mi sei stata d'ispirazione!

                 

                Buon pomeriggio,

                Marco.

            7. Quell'angolo di lago dove ti baciai

              Capita che, viaggiando in auto certi luoghi in cui arrivi pensando ad altro ti richiamino alla mente persone ed eventi del passato.

              “Lì è successo qualcosa che ci riguarda, ricordi?”, potresti dire se quella persona fosse presente.

              Romanticismo?

              Un po’ di commozione.

              Poi la mente ridiventa fredda, il ragionamento si fa distaccato. È la coscienza “che sì, ma alla fine…”: è cosa passata.

              Nessuna nostalgia.

              È la consapevolezza che c’è uno spessore nelle cose che fai nel presente.

              Che non tutto si riduce a quello che vedi scorrendo rapidamente in corso d’opera.

              L’emozione è forse qui: nello scoprire che sei tu, la stessa, ma non più la stessa.

              “Un'altra” e “la stessa" convivono nel discorso che ti riguarda.

              E questo riporta lo sguardo verso il futuro. Forse è questo che apre un futuro.

              cc0180bb-1cee-463b-91cb-af71209f5e4d.jpg

              1. weddingdresses8

                weddingdresses8

                Parole profonde... Complimenti! :)

              2. vecchialenza6

                vecchialenza6

                Complimenti, davvero!

              3. londoncalling6

                londoncalling6

                i viaggi interiori,

                quelli più importanti per lo spirito.

                 

                Belle parole e piacere di conoscerti!

            8. Ora che l'orizzonte
              è in fiamme
              noi rincasiamo
              serriamo in fretta le imposte
              mettiamo in ordine i fogli
              le provviste
              i vestiti smessi dell'estate
              in attesa dei barbari

              Massimo Volume

              Schermata 2018-12-13 alle 02.30.38.png

              1. fromtheashes93

                fromtheashes93

                A volte è proprio così che mi sento..

            9. Ogni tanto mi viene voglia di scriverti poi non lo faccio mai. Giusto per sapere come stai, dove vai, cosa cucini, quando fai la pipì, come ti perdi… So che non si può più giocare con i giocattoli rotti, intristiscono pure i bambini, ma qualche mio neurone e due o tre rughe della mia faccia succede che ti ricordano ancora, allora sento un indefinito brusio come quello degli storni di notte tra i cipressi della chiesa che si sentono ma non si vedono, poi un finto stridio di un falco, e cala il silenzio, ma è un silenzio irreale, lo stridio era solo uno stupido dissuasore, che vuoi farci… bello settembre però.34.thumb.JPG.5f2250f6d05f1140244a31ff6cca177a.JPG

            10. A volte la gioia è semplicemente stare.

               

              IMG_0788.thumb.jpg.f9f1f32f151d48fa1f51dc6f58768516.jpg

              1. dancia

                dancia

                credo esista anche una gioia nel fare

                 

            11. Quando dobbiamo cambiare qualcosa da dove dobbiamo iniziare?
              Dall’inizio, si inizia sempre dall’inizio.
              5bfb3fc3586c3_IMG_57932.thumb.JPG.647c9cdc616fabf0a6ac4d47077cda1f.JPG

            12. Non ho smesso di pensarti,

              vorrei tanto dirtelo.

              Vorrei scriverti che mi piacerebbe tornare,

              che mi manchi

              e che ti penso.

              Ma non ti cerco.

              Non ti scrivo neppure ciao.

              Non so come stai.

              E mi manca saperlo.

              Hai progetti?

              Hai sorriso oggi?

              Cos’hai sognato?

              Esci?

              Dove vai?

              Hai dei sogni?

              Hai mangiato?

              Mi piacerebbe riuscire a cercarti.

              Ma non ne ho la forza.

              E neanche tu ne hai.

              Ed allora restiamo ad aspettarci invano.

              E pensiamoci.

              E ricordami.

              E ricordati che ti penso,

              che non lo sai ma ti vivo ogni giorno,

              che scrivo di te.

              E ricordati che cercare e pensare son due cose diverse.

              Ed io ti penso

              ma non ti cerco


              “Non ho smesso di pensarti”, Charles Bukowski

              IMG_9458.JPG

            13. Dove devo andare?

              E come posso sapere tutto fin dall'inizio?
              E sono sicura di desiderarlo davvero?

              Il tempo sarà un'illusione - come vuole Einstein - ma io ci devo passare attraverso.
              Mi capita d'incontrare vie di fuga, momenti di tempo senza tempo. Dove intravedere quella pienezza che mi chiama.
              Ma solo intravedere. Frammenti di luce.

              E il tempo non è solo l'orologio.
              Il tempo è il mio sentiero, il mio viaggio, nella geografia che mi viene incontro.

              È andando che imparai dove dovevo andare.

              Schermata_2018-11-22_alle_20_39_19.png

            14. Sono morta per un incantesimo e un principe su un cavallo bianco mi verrà a trovare, bacerà la mia bocca, il torsolo della mela avvelenata sarà rimosso e io mi sveglierò principessa.
               
              5bf70552e17d9_Schermata2018-11-22alle20_36_34.thumb.png.36f112b3fd7bba06528c2528b0fe338c.png
            15. Chiedete a un rospo cos’è la bellezza, il bello assoluto, il to kalòn. Vi risponderà che è la sua femmina, con i suoi due grossi occhi rotondi sporgenti dalla piccola testa, la gola larga e piatta, il ventre giallo, il dorso bruno.
              (Voltaire)

              IMG_8887.JPG.d3a9e71052d8d6ef29601960abb8caec.JPG