• Donna
  • Verona (VR)
  • Ultima Visita

Contenuti pubblicati da odessa1920

  1. Mi piacerebbe essere felice per tutta la vita ma, come ogni cosa, la felicità esiste in quando esiste l'infelicità e viceversa. E spesso la seconda prevale sulla prima, come il disordine prevale naturalmente sull'ordine.
     
    Hai mai pensato a fare tutto ciò che ti rende felice? Ogni azione volta solo ed esclusivamente alla tua felicità. Pensa un po'.
     
    Il fatto è che ogni azione implica sempre delle conseguenze, muove le cose e le persone intorno a noi e il più delle volte non riusciamo a valutarle con obiettività. Le conseguenze poi lasciano sempre degli strascichi, spesso irreversibili o almeno reversibili nella loro materialità ma inevitabilmente inamovibili da dentro di noi che fanno da contrappeso negativo ad ogni potenziale felicità. 

    IMG_5227.JPG

    1. theoldandthesea

      theoldandthesea

      non è proprio come la filosofia orientale del Tao, ma il tuo pensiero ha qualcosa in comune con la teoria dello Yin e dello Yang :)

  2. Mi sveglio sempre in forma e mi deformo attraverso gli altri.

    Alda Merini

     

     

    https://youtu.be/eAL6EXsmUtI

    24.JPG

    1. altomororicco

      altomororicco

      non conoscevo questo pezzo di De Gregori...bellissimo!

  3. Scena finale di “Gocce d’acqua su pietre roventi” di F. Ozon: il cadavere di Franz giace per terra con addosso solo il cappotto di Vera. Vera ha bisogno d’aria, cerca in ogni modo di aprire la finestra. Insiste. Vanamente. Non ce la fa. Sembra bloccata da qualche oscuro incantesimo. È un limite invalicabile.
    "Io non ho bisogno di te. Tu hai bisogno di me"
    E allora rimane ansimante come un bestia in gabbia con i palmi delle mani appoggiati al vetro guardando fuori: occhi sciolti, vuoti e persi, nel buio. 
    Poi, impotente e rassegnata, abbassa lo sguardo. 
    La macchina da presa lentamente si allontana e lei diviene sempre più piccola ed insignificante, prigioniera di quell’elegante appartamento. 
     
    Una devastante sensazione di claustrofobia mi assale. 
    E quella finestra bloccata, quelle mura, quell’arredamento cosi ricercato non sono solo un luogo fisico ma un luogo mentale, una metafora di qualcos’altro. 
    Indubbiamente è più facile fuggire da un luogo fisico piuttosto che da un luogo mentale che ti segue e ti persegue sempre, comunque e dovunque.
     
    Il mio luogo mentale ha mura molto spesse, porte blindate, finestre sigillate, il citofono rotto e non ho ancora trovato un varco, un passaggio segreto per uscire completamente fuori, una botola magica. Certe volte sento delle voci disarticolate e sconnesse, dei labili rumori all’esterno, sento il fischio di treni che passano ma non conosco gli orari e non li voglio conoscere, certe volte vorrei stabilirmi qui, crearmi i miei spazi, le mie comodità, ed uscire solo per fare frugali spese come i pastori che scendono dalla montagna per andare al paese una volta ogni tanto, certe volte… si, certe volte progetto la fuga da qui, sarebbe una grande impresa, tipo fuga da Alcatraz, non so… ma come dice E. De Luca “nelle imprese la grandezza sta nell’avere in mente tutt’altro”. E poi in fondo non mi piace neppure la parola “fuga”: ero e sono sempre io, e sono qui ed ora pure grazie a ciò che ero. 
    E allora si, adesso me ne voglio stare così… “sotto le stelle sparse in cielo come un chilo di farina”.

    IMG_5654.JPG

  4. Quando combatti qualcosa, non fai che renderla più forte. Non fare quello che vuoi. Fai quello che non vuoi. Fai quello che sei allenata a non volere. Il contrario della ricerca della felicità. Fai le cose che ti spaventano di più.

    Chuck Palahniuk, “Invisible Monsters”

     

     

    IMG_0427.JPG

    1. chiaraoscura4

      chiaraoscura4

      Una delle mie citazioni preferite. Complimenti per la scelta! :) 

    2. theoldandthesea
  5. Amare qualcuno per i propri difetti. Amare ed innamorarsi dei difetti dell'oggetto del nostro amore. Oltre ogni cognizione razionale. Non capirci nulla eppure amare. Quando non ci capiamo nulla è sempre un buon segno. Invece noi capiamo tutto e non amiamo.

     

    20181110_033504_321.JPG.dc20e42c293258411631800b524479b8.JPG

  6. Federica: ho dei rapporti con lui… sto con lui, io mangio, dormo, penso con lui…
     
    Confessore: rapporti?
     
    Federica: si… senza essere sicura, senza sapere…
     
    Confessore: sicura di che cosa?
     
    Federica: d’altra parte so… so che approfitto di lui, della sua… della sua intelligenza, del suo calore, del suo… di tutto lui…
     
    Confessore: della vita…
     
    Federica: sì…
     
    Confessore: beh… approfitta della vita…
     
    Federica: sì…
     
    Confessore: ma dov’è il male?
     
    Federica: sì, è vero… ma non… non riesco a respirare e… ho paura di invecchiare così… senza mai più respirare… quando invece mi sento ancora un po’ giovane…
     
    Flashback:
    Federica bambina: che i miei capelli siano molto lunghi, anche quando qualcuno me li taglia, che ricrescono subito, che questo zucchero filato non finisca mai, che io non abbia mai più paura di niente…
     
    Mamma: Federica lo sai che non ti devi allontanare… dammi la mano, dammi la mano
     
    Federica bambina: dove vanno i palloncini quando salgono in alto? E poi quando arrivano dove ci sono le nuvole? Scoppiano! E poi ricadono… ma in testa di chi? Hai già conosciuto qualcuno che ha ricevuto un giorno un palloncino sgonfiato in testa!?
     
    Da “È più facile per un cammello” di Valeria Bruni Tedeschi

    IMG_4119.JPG

  7. I colori, se non supportati dall'immaginazione, lentamente svaniscono e non riusciamo più a vederli. Questo vale anche nei confronti di chi ci è estremamente vicino. 

     

    IMG_5554.JPG

  8. Noi d'altra parte sappiamo benissimo che non possiamo tornare indietro. La nostra vita ci appare nel bene e nel male come una entità rivelata come un dogma a cui noi dobbiamo e sentiamo di dover obbedire. 
    Anche gli amori per certi aspetti sono cosi. All'inizio la scoperta di un mondo nuovo, una giungla piena di creature sconosciute. La nostra curiosità ci fa avanzare. Passo dopo passo lentamente ci affezioniamo alle cose, ai gesti, agli odori. Quando quelle cose quei gesti quegli odori diventano inaspettatamente abituali e risaputi è troppo tardi per tornare indietro indenni. Il prezzo dell'abbandono è il dolore.

     

     

    IMG_2516.JPG.81eb21c0dfd414165eb24749a0b84a5d.JPG

  9. Le conseguenze inarrestabili dello svelarsi.
    È un (triste e angosciante) paradosso ma quando ci togliamo i veli poi non ci vediamo più.
    Magritte con i suoi amanti ha colto nel segno.
    Per certe anime è difficile sopportarne le conseguenze.

    IMG_5716.JPG

  10. Sulla tomba di Bukowsky l’epitaffio dice: Don’t try, non cercare, non provarci.
    È una sua poesia che si riferisce all’eventualità di fare lo scrittore, in sostanza se non sei convinto di una cosa non farla, se non ti ruggisce dentro non farla, inutile cercare, inutile sforzarsi di farla, riuscirà male, in ogni caso. 
    Questo principio credo vada applicato anche in altri campi, non solo alla scrittura. Amore compreso. 
    Non cercare, non cercare, no… rassegnati, può succedere, può non succedere, nulla cambia, inutile cercare, bisogna rassegnarsi al destino delle stelle, ascoltarle mentre bruciano, sentire i pianeti che girano intorno a noi, limitarsi a questo, senza alcuno sforzo. 

     

    Don’t try!
     
     

    20181030_015425_440.JPG

    1. fleurdelys00

      fleurdelys00

      amo Bukoski, forse è il mio scrittore preferito; ma non conoscevo questo particolare...che ovviamente me lo fa amare ancora di più.

       

       

  11. Dopo aver scalato i quarantanove scalini della saggezza
    alla ricerca di un indizio
    Dopo aver rubato le battute migliori
    nascosto dietro le quinte di un palcoscenico
    Dopo aver indossato ogni tipo di maschera
    Dopo essermi strappato la pelle
    Dopo averti fatto ubriacare
    Dopo avere immolato i miei giorni per te
    Dopo essere entrato fino alle ginocchia nell'acqua gelida
    per vederti ridere
    Dopo aver ballato musica di merda
    credendo di farti ridere
    Dopo essermi illuso che alla fine mi avresti amato
    Dopo aver progettato viaggi
    Dopo averti letto i miei racconti inediti
    Dopo averne accettato le tue critiche arbitrarie
    Dopo averti fatto spazio nel mio letto
    Dopo averti fatto spazio nelle mie vene
    Dopo averti risparmiato quando ero già pronto ad ucciderti
    Dopo aver preso a morsi i mobili della mia stanza
    per non ucciderti
    Dopo aver visto morire inosservate le mie battute migliori
    Dopo averti amato
    Avuto conferma di vento a favore
    tolgo gli ormeggi

    Massimo Volume

     

     

     

    IMG_1574.jpg

  12. Dentro di me sento forze che neppure io riesco a decifrare. Fisiche e metafisiche.
    Voci mi dicono che non devo costruire e strutturare la mia vita, bensì destrutturarla e decomporla, scinderla nei singoli componenti.
    La fisicità: quel vortice che mi investe impetuoso e che nelle storie che ho vissuto ho visto svanire e mescolarsi con la consuetudine e la ripetitività senza che io abbia trovato nessun appiglio per preservarla.
    Forse è questa la molla che mi spinge verso la decomposizione della mia esistenza, non riesco a contrastare l'entropia che naturalmente mi accerchia. Troppo lavoro, troppa energia, troppa dedizione. A che pro?

     

    20181028_025352_318.JPG
  13. Quando non so che direzione prendere mi concentro sui miei piedi.5c5649dd7c253_Schermata2018-10-27alle01_43_24.png.8fff1cae6fb508699d5ae17f49ca90e2.png

  14. L'altrove in una persona che ci piace inevitabilmente ci attrae fino al parossismo anche se sappiamo che niente avrà un seguito. È la mancanza di seguito che dà intensità e profondità all'amore. La consapevolezza del seguito invece attutisce e ovatta ogni emozione.

    IMG_5353.jpg

  15. Ieri sera non ho visto la luna. Peccato... ma è quando c'è la luce del sole che vorrei vederla, compreso il suo lato oscuro.

    IMG_5025.jpg.bed402d3f1edb4f33a95873255d44b60.jpg

     

     

    1. gerbera0

      gerbera0

      musiche bellissime...

  16. Non vedo, non sento, non parlo. Annullamento dei sensi in sequenza. E intorno che cosa rimane?

    Una ovattata sicurezza? Una ancora sentimentale? Un appiglio? No, rimane il buio. La mortificazione del desiderio.

    Schermata+2018-10-24+alle+02.10.11.png

  17. — Perché, mia piccola regina,
    mi fate morire di freddo?
    Il re dorme, potrei, quasi,
    cantarvi una canzone,
    ché non udrebbe! Oh, fatemi
    salire sul balcone!
    — Mio grazioso amico,
    il balcone è di cartapesta,
    non ci sopporterebbe!
    Volete farmi morire
    senza testa?
    — Oh, piccola regina, sciogliete
    i lunghi capelli d’oro!
    — Poeta! non vedete
    che i miei capelli sono
    di stoppa?
    — Oh, perdonate!
    — Perdono.
    — Così?
    — Così...?
    — Non mi dite una parola,
    io morirò...
    — Come? per questa sola
    ragione?
    — Siete ironica... addio!
    — Vi sembra?
    — Oh, non avete rimpianti
    per l’ultimo nostro convegno
    nella foresta di cartone?
    — Io non ricordo, mio
    dolce amore... Ve ne andate...
    Per sempre? Oh, come
    vorrei piangere! Ma che posso farci
    se il mio piccolo cuore
    è di legno?

    Sergio Corazzini, Dialogo di marionette

    IMG_5636.jpg

  18. Il mio è un desiderio surreale. Anche un desiderio terreno ha bisogno di surrealismo, di accostamenti che nulla hanno a vedere con la realtà, seppur calati nella realtà. È questo aspetto del desiderio che ho perso e vado cercando.

    DSC_3317.jpg

    1. gerbera0

      gerbera0

      wow!

  19. Ci sono grandezze troppo relative e con valichi imponderabili. Io credo nelle coincidenze. Il difficile può diventare facile e viceversa. Anzi, neppure ce lo chiediamo. Ogni muro ha sempre un varco, ogni foresta un sentiero che l'attraversa.

     

     

    IMG_1200.JPG.c337e90e470fc0b9505ca7a077796fca.JPG

    1. juanf

      juanf

      Complimenti al fotografo! Immagine artistica davvero. 

  20. Quando le stive delle mie navi saranno pulite, quando avrò buttato a mare la zavorra, sentirò di procedere leggera, e che il peso più grande da cui mi sarò liberata erano proprio i miei risentimenti.
    DSC_2890.jpg.f06c00ee93b1d2836b01ff6113f54cc5.jpg

    1. nuncepenza6

      nuncepenza6

      immanso l'oceano e bellissimo il testo + l'immagine!

  21. Desidero pensare che c'è sempre una spiaggia nuova da cui ripartire per la grande avventura. Sono ignorante sulle cose della politica e dell'economia. Una spiaggia attende, da qualche parte...

    DSC_2779.jpg.c17800ae7c544a7feb988f303e2625a6.jpg
    DSC_2727.jpg.4573eaf9f46a90a3e3bd0f898f5b5670.jpg

    1. fleurdelys00

      fleurdelys00

      certo, bisogna sempre essere alla ricerca di luoghi dove si possa guardare il mare.

      Non importa dove, non importa il motivo per cui ci siamo arrivati.

      Basta che il mare sia lì, aguardarci mentre noi ci perdiamo nell'infinito.

       

  22. Io, dall'altra parte dell'oceano nei luoghi dei pionieri.
    Tu, tra le tue quattro mura.

     

    IMG_0432.jpg

    DSC_2653.jpg

  23. L'inferno è vuoto... tutti i diavoli stanno qui.

    William Shakespeare, La tempesta

     

     

    DSC_2350.jpg.3f4e092fd4a2df5cecbd5cb541b7e815.jpg

    DSC_2291.jpg.03161cfcc416b27a79057e37be46322a.jpg

  24. Lasciare fluire e respirare. Fluire e respirare, questo forse è lo stile, il modo che dovrei sviluppare in me.

    Fluire è il contrario di bloccare, fluire implica assecondare il flusso degli eventi, senza usare troppa forza per condizionarli, fluire è muoversi indipendentemente dalla volontà, non esercitare la volontà per cambiare le cose perché le cose cambiate con la forza non cambiamo davvero, tendono a riappropriarsi di se stesse e a diventare ciò che dovevano diventare.

    Respirare è seguire un ritmo, sentire il flusso e seguirne il ritmo, respiro dopo respiro, fermarsi se necessario e lasciare che ciò che ci deve lasciare ci lasci senza opporre troppa resistenza, respirare è sopportare l’assenza, il vuoto, riempirsi i polmoni d’aria e andare avanti.

    Quindi sì… fluire e respirare. Basta solo questo.


    IMG_0105.JPG.ee99ce577d630ea75eac36fd192c276a.JPG

    1. fleurdelys00

      fleurdelys00

      totale.

      Il testo e l'immagine.

  25. Non m’importava che cosa fosse il mondo. Volevo soltanto sapere come viverci. Forse, se scoprivi come viverci, imparavi anche che cos’era.

    Ernest Hemingway

     

    DSC_1766.JPG.5d26b3dadc60e62eb94ef8d9388d3ea9.JPGDSC_1680.JPG.73f8d897946cec2a033b6f34b5925136.JPGIMG_9812.JPG.b9b24826b6cb78b107210643a72ada5e.JPG5c427c9183fe5_IMG_97792.JPG.70665e38aa1da8591bc9163191b9b0ab.JPG

    1. londoncalling6

      londoncalling6

      Che meraviglioso reportage!

      Dove sei?

      Il posto è assurdo..

    2. odessa1920

      odessa1920

      Marfa Texas