• Donna
  • Verona (VR)
  • Ultima Visita

Aggiornamenti di stato pubblicati da odessa1920

  1. La vita è imperfetta e piena di macchie d'unto

    Voglio che la mia parte che pensa, che parla, che scrive, che usa le parole, raggiunga veramente ed esattamente me stessa. Che non giochi a fare l’intellettuale, ma che pensi in maniera audace e intelligente a ciò che vivo concretamente, nei dettagli.
    Che non pensi immettendomi nella prospettiva di salvare il mondo, di trovare proposte e progetti politici, sociali, culturali, economici, per dare le dritte alla storia della società umana.
    Non è alla mia portata. Io posso solo dire quello che il contesto sociale provoca in me. Posso solo rivelare i mie sentimenti, le mie paure, i miei desideri, in relazione al mondo e alla storia. Ma so benissimo che non sono all’altezza di pensare il mondo, e di portare sulle mie spalle la responsabilità del mondo.
    Vorrei che il modo in cui io riesco a vivere fosse un contributo, anche piccolo, a che il mondo diventasse un giardino disponibile alla creatività e alla ricerca della felicità degli uomini.
    Non sono così intelligente da capire in che misura le conseguenze remote delle mie decisioni e delle mie azioni siano in linea con questo desiderio.
    So, tuttavia, che c’è un piccolo spazio – che in sé contiene a sua volta un mondo immenso – dove le mie azioni possono sortire effetti che in una certa misura posso controllare, o sono alla portata delle mie mani.
    Mi piace chiamare questa piccola geografia “il mio giardino! E vedo che qui dentro c’è spazio per creatività, slancio, coraggio, superamento di sé, espansione, amore, passione, creazione di senso e di bellezza.
    La bellezza di questo mondo consiste anche nel fatto che, qui, non è importante che io competa con altri, che mostri quanto sono colta, intelligente, virtuosa, coraggiosa, audace. Qui è importante come mi vedo io, cosa sento io, e mi misuri con un istanza che porto nel più profondo di me. Un’istanza, di fronte alla quale, non contano tanto le parole con cui cerco di pensare e orientarmi all’azione. Ma contano le azioni e la mia presenza in esse, lo slancio del cuore e la vitalità che mi viene restituita dalla vita stessa. La fiducia che riconquisto ogni mattina. E quel senso di piacere intimo che potrei tradurre anche con la stupida espressione: mi piaccio, mi piace tutto ciò!

    IMG_9139.JPG

    1. theoldandthesea

      theoldandthesea

      la tua solarità mi colpisce ogni volta, grazie

    2. odessa1920

      odessa1920

      Grazie a te

  2. Orgasmo
     
    È accaduto. Ho perso la cognizione e la consapevolezza dei miei sensi, dopo che questi si sono tesi e poi tesi ancora, fino a spezzarsi e deframmentarsi a tal punto da smarrire ogni congiunzione con la realtà (che strano effetto sentire il vento fischiare ed insinuarsi nelle sottili e taglienti fessure della tensione): udito, tatto, olfatto, gusto e vista si sono annullati in una sorta di corto circuito.
    L’interfaccia con il mondo esterno ha cessato di esistere attraverso un black-out del sistema neuronale: la mente è diventata scura ed inconsistente, si è spenta ogni luce dentro e fuori, ed allora sono diventata un opaco e molle grumo di pensiero senza forma, né spazio, né tempo, prigioniera di un dolce annientamento attratto verso il basso da una primordiale forza di gravità. Ed io non ho opposto alcuna resistenza.
    Le mie orecchie strette e occluse da una morsa fatale di ovatta che smembra ogni suono ricucendo echi mai sentiti che rimbalzano tra verdi valli coperte da foreste impenetrabili e bianche invalicabili vette all’orizzonte, la mia pelle schiusa e spiegata al sole come ali di farfalla appena uscita dalla crisalide, le mie narici chiuse in uno scrigno con infinite serrature le cui chiavi sono state gettate via lontano nel centro della terra dove ogni odore evapora e si disperde tra rivoli di magma rosso e incandescende, la mia lingua persa tra labirintici ed umidi antri che nessun uomo ha mai percorso.
    Ed io ridotta a respiro, solo il respiro è rimasto, respiro volatile e inesorabile, respiro che sembra sempre l’ultimo… solo aria che si mescola con aria procedendo a tentoni per gradiente di densità.
     

    Lettoverde2.jpg

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. odessa1920

      odessa1920

      Grazie dei complimenti

    3. torealghero

      torealghero

      DEVI ESSERE UNA DONNA AFFASCINANTE, CALDA E SENTIMENTALE.....

    4. theoldandthesea

      theoldandthesea

      sei serenissima in questa immagine, comunichi tantissimo1

  3. Il soffitto. 

    Le travi. 

    Me. 

    Le mie mutande. 

    Pelle nuda. 

    Un letto disfatto. 

    Lenzuola bianche.

    Peli di gatto. 

    Caldo. 

    Un’apparenza da strappare. 

    Fuori cantano le rondini. 

    Sono così. 

    Mi sono fatta tutta da sola. Pensa un po’...

    EF73667F-EAAF-432F-85F0-EEF968B446CA.jpeg

    1. daliahnera

      daliahnera

      sempre sul pezzo

    2. theoldandthesea

      theoldandthesea

      bellissimo il tatuaggio, cosa rappresenta?

    3. odessa1920

      odessa1920

      Una frase di Rimbaud

  4. Es amants 

    Nuotavano in amore ed era festa, 

    l’erba cresceva rapida sui colli 
    
e il succo della pesca era maturo.

     

     

    DD61AC39-72CB-430F-A83E-ACF40040D12E.jpeg

    1. daliahnera

      daliahnera

      sei entusiasmante!

  5. Due amiche ai giardini

     

    Con il sole che troneggia 
    
le due amiche vanno a spasso
    
pei giardini della reggia 
    
di Cianesco a Campobasso.

    Sono allegre e stanno a dire 

    degli amori che hanno avuto 

    un po’ allegri un po’ a soffrire 
    
com’è giusto e risaputo.

    Ora pensano al futuro 

    che le aspetta lì davanti, 
    
assomiglia forse a un muro 
    
ma lo affrontan tutti quanti.

    Noi siam donne, dice Ornella,
    
Siamo audaci e siamo forti.

    I mariti, questa è bella,  
    
a quest’ora son già morti.

    Con le bocce e la canasta 
    
non si vive a lungo sai  

    l’hanno preso proprio in tasca, 

    l’han voluta, non son guai. 

    Noi sian libere e creative, 

    tutto il tempo abbian per noi, 

    siamo belle, siamo vive, 

    godi e ridi fin che puoi.

    Forse è meglio che il sistema 

    dalle donne sia guidato, 

    questi maschi fanno pena, 

    sono mosci, non han fiato.

    IMG_5296+2.JPG

  6. Tutta l'energia del temporale

     

    Ad ascoltare meglio, con la finestra aperta, le sorprese del tempo, questo luglio, ad ascoltare meglio, a volte, sono stata incantata dall’energia potente del temporale, e della pioggia, e dei colori vividi, assai carichi – il verde delle piante, il rosso dei gerani – e quel rumore d’organo, continuo, che pare una carezza sul plesso solare, e il tuono e il lampo improvviso, e la minaccia sospesa a mezz’aria, e poi lo slancio delle potenze che abitano il pianeta…
    Ho pensato che la vitalità del temporale è quella dei poemi epici, quella di Achille sotto le mura di Troia, o di Giasone, o di Teseo, e anche quella di Medea nella sua folle spietata disperazione.
    C’è potenza nell’epico.
    Il cuore si spaventa, ma poi diventa audace e può immaginare imprese che la bella stagione non suggerisce.

     

    Foto+del+7990307-05-2456063+alle+02%3A13.jpg

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. odessa1920

      odessa1920

      Sono io in tutte le foto 

    3. scompaiomatorno

      scompaiomatorno

      sei cosi profonda, un genio incompreso

    4. odessa1920

      odessa1920

      Qualcuno che mi comprende c’è 😊

  7. Sei una forma di desiderio inespresso, ammezzato, mozzato;
    un desiderio senza nome, affondato nelle parole,
    un desiderio senza tempo, né spazio.
    Una forma d’amore non contemplata nei manuali d’amore.
    Uno di quegli amori che ci vergogniamo a raccontare in giro,
    un amore che ci teniamo dentro, che non possiamo manifestare,
    un amore senza appigli, senza radici,
    un amore nato in luogo di cui neppure noi conosciamo l’esistenza,
    un amore flebile come un guaito di un cane nella notte.
    Un amore dove non c’è nulla da imparare o da sfogliare
    un amore scuro, senza caratteri.
    Un amore che secondo i più incarna la negazione dell’amore.

     

     

     

    IMG_8179.JPG

    1. ciribi72

      ciribi72

      bellissima gonna, l'hai comprata su asos?

    2. odessa1920
    3. scompaiomatorno

      scompaiomatorno

      mi confonde quello che scrivi, sei una scrittrice speciale1

  8. A scuola di teatro

     

    A Noi, qui, sul palcoscenico, facciamo bene quelle stesse cose che fuori la gente recita male.
     
    E E questo che mi ha spinta a entrare nella scuola di teatro: imparare a recitare bene la vita.

    A I dialoghi per esempio. Là fuori, sono sempre impacciati, infelici, senza brio e mordente… Qui, impariamo a farli bene… 

    E Qui impariamo a prenderci cura delle nostre espressioni.

    A Il teatro è una scuola di vita. Impariamo a dare alle nostre emozioni un’espressione adeguata. 

    E Soprattutto, impariamo a sognare. I sogni sono illusioni, ma le illusioni sono per l’anima come le ali per gli uccelli: la sostengono, la fanno volare.

    67815504_10217956239564865_5942295280756981760_o.jpg

    1. nuncepenza6

      nuncepenza6

      parole di innocenza e verità

       

    2. ciribi72

      ciribi72

      il bacio, quel gesto che è così pure da uccidere

    3. odessa1920

      odessa1920

      Un bacio solo teatrale in questo caso

  9. Gli alberi, si gli alberi.
    
Ci sta bene vicino.
 Fanno parte di me.
 Quante cose ho pensato e sentito in loro compagnia! 
La vita è viva.

     

    IMG_7934.JPG

    1. theoldandthesea

      theoldandthesea

      l'autunno è tornato, anche da te ha iniziato il freddo?

    2. odessa1920

      odessa1920

      Freddo no, diciamo fresco la sera...

    3. nuncepenza6

      nuncepenza6

      i radiohead sono i radiohead!

  10. Ecco una bell'avventura. 
    Enrica aveva deciso di collezionare una lunga lista di cose belle ed errava per le le città e le campagne a fotografare ciò che nutriva la sua gioia di esistere.
    "Voglio prendermi cura della vita che mi è stata regalata", diceva, "perché dovrei lasciarla inquinare dalle brutture? Il fatto che esistano non comporta che io me ne debba nutrire. Quando vado a funghi nel bosco, scelgo quelli buoni e lascio perdere quelli velenosi".
    Lei ragionava così.

    IMG_4507+2.JPG

  11. Seduta al bar, cos’aveva ordinato? Scelse di fissare le nuvole senza pensare a niente, lasciandosi assorbire dal gioco del tempo. Cos’aveva ordinato? Andrea ormai se n’era andato. E lei non voleva soffrirne. Non voleva per nessuna ragione al mondo soffrire nuovamente quelle stupide pene d’amore. Cos’aveva ordinato? A me piace scrivere, pensava, e immaginava di battere con destrezza e ritmo giusto sulla tastiera del suo Mac. Cos’aveva ordinato? Il dehors del locale era grazioso, attraversato da una luce naturale soffusa, filtrata da tendine bianche. S’intravedevano i tigli adulti e posati che sbucavano da grosse ferite circolari dell’asfalto, lungo il viale. Cos’aveva ordinato? Pensava di consolarsi con il piacere della scrittura. In fondo, l’unico amore costante di tutta la sua vita. Andrea, beh, come gli altri, poteva restare un passeggero del suo cuore. Che, come gli altri, l’aveva calpestato come uno zerbino. Cos’aveva ordinato?

    IMG_92922.jpg

    1. nancy19821

      nancy19821

      La foto è bellissima,  degna della una scena di un film

    2. odessa1920

      odessa1920

      Grazie, apprezzo molto il complimento

       

    3. theoldandthesea

      theoldandthesea

      bellissime parole, tue?

  12. Immersa nel sogno
     
    Forse è dai nostri sogni che scaturisce il mondo. 
    Le cose e gli eventi non sono che inviti a continuare a sognare.
    Il desiderio sostava tra i tuoi abbracci, nelle lusinghe del tramonto. 
    Un’onda anomala d’energia rinnova lo sguardo. 
    I piedi danzano impazienti.

    Spogliarmi di tutte le dottrine e ritrovare il linguaggio vergine, fanciullo. 
    Sostare nelle terre di confine. 

    Respiro con gli occhi il profumo delle tue forme e sono subito ebbra. 
    Sulla tua bocca, sapore d’albicocca nel momento in cui si schiude al sole.

    IMG_0643.JPG

    1. scompaiomatorno

      scompaiomatorno

      la realtà onirica è sempre così bella...ma cosa succede quando ci si sveglia? la realtà è ciò che ci rimane e dobbiamo gestirla per quello che è. 

  13. Ricordo una notte d’estate nera nera. Io distesa sul letto con il mio pigiama. Io, il mio pigiama ed un ronzio più nero della notte. Fuori un silenzio quasi da camera anecoica. Un silenzio mai udito, ammesso che il silenzio si possa udire.Una zanzara era entrata nella mia camera, volava invisibile intorno a me, le sue ali come carta vetra sfregavano contro quel silenzio e lo affilavano e sentivo le lame taglienti di quella notte adagiarsi sulle mie vene.Dovevo togliere di mezzo quella zanzara, ma come? Ne avevo solo una percezione lontana, nonostante quasi mi sfiorasse non ero in grado di vederla. Improvvisamente il ronzio cessa, si era posata da qualche parte sul mio corpo ma non avevo la più pallida idea di dove fosse. Era troppo delicata, volatile ed impalpabile.Eppure proprio in quell’istante stava affilando il suo pungiglione pronto a trapassare la mia pelle e succhiare il mio sangue. In fondo faceva il suo sporco mestiere di zanzara ed io dovevo necessariamente schiacciarla.La mia mano si sposta lentamente verso l’interruttore, lei è ancora lì, la sento. Un lampo. Abbasso gli occhi sul mio corpo, quella notte indifeso come mai.Eccola, la vedo. Appena il tempo di sollevare il braccio e la zanzara riapre la sue ali, di nuovo quel ronzio. I miei movimenti erano troppo goffi e pesanti per contrastare tanta leggerezza.

    Volto21.jpg

    1. altomororicco
    2. scompaiomatorno

      scompaiomatorno

      Le notti estive sono le più belle...ma quando torna l'autunno?

    3. odessa1920

      odessa1920

      Amo l'autunno, triste stagione che si addice ai ricordi.

  14. Lei diceva: non accontentarti! 

    Sii felice di viaggiare, felice della tua avventura. E sii ambizioso. Non rinunciare mai a ciò che tu sogni.
    Lo diceva al tramonto.

    Voleva che restasse dentro la carne.
     

    DSC_0452.JPG

    DSC_0289.JPG

    DSC_0407.JPG

    DSC_0347.JPG

    DSC_0352.JPG

    1. theoldandthesea

      theoldandthesea

      Accontentarsi fa male, bisogna imparare ad aevolvere il proprio pensiero verso una nuova dimensione di noi

    2. scompaiomatorno

      scompaiomatorno

      Bellissime opere alla vista!

  15. Il senso della vita
     
    Jodorowsky dice che la vita non ha senso. La ricerca del senso della vita è una faccenda intellettuale. La vita è tutto fuor che intellettuale. La vita bisogna viverla. 
     
    Io penso che la domanda sul senso della vita abbia anch’essa il suo posto importante nel vivere la vita. Per questo motivo non ci si deve sbarazzare così frettolosamente di una domanda che ha le radici nel più profondo di noi.
    Si può cercare di capire il senso di questa domanda, che non si accontenta certo di una risposta concettuale.
    Quella domanda vuole sentire (il “senso”) la presenza di qualcosa che rende la vita veramente vivibile. Vuole sentire che la vita è buona, che l’ama, che la nutre, la sostiene ed è pronta a sconfiggere tutte le sue paure. Qualcosa che è in grado d’infondere fiducia e slancio creativo, invitando alla creazione quotidiana dell’essere.
    Poiché questa garanzia non è immediatamente presente, poiché si presenta di primo acchito come un’Assenza, ecco la domanda, che non è solo domanda di sapere, è domanda di avere, di ricevere, di sentire dentro. È Desiderio.
    E allora questa domanda, alla fine, è un invito a cercare (non solo con l’intelletto) il Santo Graal.
     
    Ed è questa ricerca stessa, la sfida che pone alla fiducia, il coraggio che richiede, lo slancio per certi versi folle cui si affida, che fa “sentire” il senso della vita.
     

    DSC_0063.JPG

    DSC_0042.JPG

    DSC_0275.JPG

    DSC_0156.JPG

    DSC_0975.JPG

    1. nuncepenza6

      nuncepenza6

      belle, veramente belle parole

    2. theoldandthesea

      theoldandthesea

      La vera felictà sta proprio nel percorso personale che facciamo inconsciamente verso di essa. La felicità è un bene utopico. 

  16. La buona morte

     

    Zio Tonino, detto Tati, 

    vi dirò come morì.
    
Un mattino in mezzo ai prati 
    
molto presto lui partì. 

    Con il sole all'orizzonte 

    una musica ascoltò: 

    gli fluiva nella mente ... 

    e con essa se ne andò. 
    
Così quello che alla gente, 

    giustamente, fa temere 
    
per lui, allor, senza far niente, 
    
fu un momento di piacere.

    DSC_0931.JPG

    DSC_0734.JPG

    DSC_0769.JPG

    DSC_0775.JPG

    DSC_0829.JPG

    DSC_0894.JPG

    1. theoldandthesea

      theoldandthesea

      bellissime immagini!

    2. odessa1920
  17. Passeggiare sulle Scotland Highlands guardando il mare.

    Ricordare che il mondo é più grande da qui.
    Lasciare riecheggiare le grandi domande a cui non si ha risposta.
    Lasciarsi sedurre dall'incanto ...

    E rinforzare i polpacci.

     

     

    DSC_0565.JPG

    DSC_0575.JPG

    DSC_0688.JPG

    DSC_0411.JPG

    DSC_0285.JPG

  18. Sognatori sugli scogli

     

    E penso a te, caro amico,
    mai incontrato, mai toccato.

    eppure presente,
    eppure amato.

    Per te furono creati
    tratti di sogno, tratti di colore

    e fosti tu a dare alle gambe
    l'energia del moto

    e al cuore l'audacia di procedere
    senza cadute.

    DSC_0519.JPG

    DSC_0561.JPG

    DSC_0566.JPG

    DSC_0540.JPG

    DSC_0903.JPG

    1. hocuradite

      hocuradite

      DA UN SOGNO VERO, CIRCA LE 17.00 DEL 30 AGOSTO 2019, DA QUALCHE PARTE IN LOMBARDIA. 

      Eri in una scuola Odessa, contemporaneamente adulta e bambina, ero lì anch'io e sentivo che dovevo avere cura di te, perché eri smarrita ma al tempo stesso geniale come gli autistici, eri orfana, senza più genitori. Ti proteggevo anche dagli altri, perché curiosi volevano il tuo genio; c'erano anche altre cose, ma al risveglio i ricordi si sono dissolti. Solo ora che leggendoti scrivi di sogni, io ti parlo del mio e di questa strana coincidenza, altrimenti avrei taciuto. Forse già oggi, al far della notte sarò di ritorno  nella mia sopportata città. Il piano A è ormai abbandonato.

    2. odessa1920

      odessa1920

      È bello ricordare i sogni. Ultimamente sogno molto, ma i dettagli svaniscono dopo qualche minuto dal risveglio. Rimangono le sensazioni e a volte le emozioni che il sogno regala. A volte anche negative. Ahimè.

  19. Bufali al pascolo

    Brucano ignari nella docile tranquillità del pascolo, affidati alle risposte d’istinti antichi, semmai un rumore improvviso desti loro il sospetto.

    DSC_0309.JPG

    DSC_0326.JPG

    DSC_0041.JPG

    DSC_0114.JPG

    DSC_0413.JPG

    DSC_0207.JPG

    DSC_0200.JPG

    1. chiaraoscura4

      chiaraoscura4

      ma che bei montoni! dove li hai trovati? non sembra un paesaggio italiano!!

    2. odessa1920

      odessa1920

      Scozia :-)

  20. Bisogno di natura. 
    Bisogno di un’esistenza sostenibile. 
    Bisogno di una mente non inquinata. Di un pensiero ecologico. 
    Bisogno di un modo di vivere piacevole. Di un modo di costruire gioioso e pulito. 
    Bisogno di avventura da bambini, leggera e avvincente. 
    Bisogno del piacere della consapevolezza.

     

    DSC_0883.JPG

    DSC_0960.JPG

    DSC_0961.JPG

    DSC_0664.JPG

    DSC_0873.JPG

    1. last.wave

      last.wave

      diciamo anche "bisogno di un nuovo umanesimo"

    2. chiaraoscura4

      chiaraoscura4

      ma che stupendo! è un ariete? che bellezza, ne sono innamorata

  21. E, prima di sera, il castello, dove riecheggiava il canto del vento e si levavano sogni d'avventura, a sorvolare il mondo.

     

     

     

    DSC_0730.JPG

    DSC_0745.JPG

    DSC_0758.JPG

    DSC_0776.JPG

    DSC_0803.JPG

    DSC_0720.JPG

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. odessa1920

      odessa1920

      Vero... ci sono paesaggi e atmosfere che restano dentro per sempre.

    3. chiaraoscura4

      chiaraoscura4

      spero di poter leggere presto un tuo bel resoconto di questo viaggio!!

    4. odessa1920

      odessa1920

      Non ne ho mai fatti, in genere scrivo di emozioni momentanee

       

  22. Io penso tutto il giorno a ciò che voglio, a ciò che desidero. E lancio la mia immaginazione a esplorare i sentieri possibili. Le pietre di guado che mi consentano il passaggio.

    DSC_0480.JPG

    DSC_0467.JPG

    DSC_0485_2.JPG

    DSC_0522_2.jpg

    DSC_0488.JPG

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. odessa1920

      odessa1920

      Apprezzo sia chi ascolta che chi si esprime. L'importante è non forzare e non essere forzati. Ho scelto questa piattaforma per i miei pensieri e quindi non disdegno (del tutto) la comunicazione. Diciamo che sono una solitaria che sta bene in compagnia.

    3. odessa1920

      odessa1920

      Per quanto riguarda il mio mondo immaginario cambia molto con i miei stati d'animo e non ha contorni definiti. Sono piuttosto volubile (non si era capito eh?) spazio dalla nera disperazione al più rosa degli entusiasmi. Se dovessi banalizzare un mondo ideale sarebbe sempre in viaggio, sempre esteticamente bello e molto musicale. Solitario... ma non troppo!

    4. hocuradite

      hocuradite

      Quote

      La tua salomonica e materna risposta ha messo a tacere i cani che litigano. Se percepisci una forzatura se puoi comunicalo, perché spesso non ci si accorge di farla, per quanto si può stare attenti l'entusiasmo spesso ci rende inconsapevolmente invadenti e ricattatori. Intelligente e ironica affermazione la tua, una solitaria che sta bene in compagnia, sei troppo forte.

      Grazie del tuo sogno "reale" che mi hai regalato, mi ha permesso di conoscerti un po' di più. Il tuo sogno è in qualche modo simile al mio, solo che non ho avuto il dono della musicalità, altrimenti la mia vita sarebbe stata diversa, probabilmente più felice. Se pubblichi avvisami! Il saluto lo evito altrimenti in questo momento sarebbe un....

       

  23. Oggi è il tempo in cui ognuno deve costruirsi i propri aquiloni per volare. E volare è necessario per alleggerire il peso del nostro cammino nel mondo. Se non hai il tuo aquilone è dura sopportare la vita. 
    La letteratura si è spesa a lungo su “la fatica del vivere”. Sembra necessario stringere i denti e, al contempo, avere un aquilone che solleva l’animo. La mia vocazione è fabbricare aquiloni. Dopo l’uomo “mulo” che doveva sopportare il basto. E dopo l’uomo “leone” che ruggiva contro i limiti e lo sfruttamento, ora l’uomo “fanciullo” si domanda a cosa dire di sì. Per fare questo ha bisogno di leggerezza. E di aquiloni…

    DSC_0387_2.jpg

    DSC_0233.JPG

    DSC_0271.JPG

    DSC_0306.JPG

    DSC_0365.JPG

    DSC_0610.JPG

    1. beautifullmind0

      beautifullmind0

      Dove hai scattato queste foto? Veramente belle! 

    2. odessa1920

      odessa1920

      In Scozia

       

  24. Un piccolo angolo di mondo. Una piccola tessera di un immenso puzzle.
    Là dentro scorrono quelle storie che da sole costituiscono altrettanti mondi.
    E io sto qui a guardare.

    DSC_0030.JPG

    DSC_0018_2.jpg

    DSC_0009.JPG

    DSC_0020.JPG

    DSC_0153.JPG

    DSC_0087.JPG

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. hocuradite

      hocuradite

      • Sbagliato in pieno, se la foto l'hai scattata tu ovviamente il piede non è tuo, anche se magari rapita dalla scena ti sei amputata un piede per simbiosi. Comunque ti posso dire che jeans e scarpe sportive ti stanno molto bene; con gonnellina e scarpe da ballerina sei deliziosa ma forse troppo Alice.
    3. odessa1920

      odessa1920

      Mi vesto così unicamente in viaggio... e nemmeno troppo spesso :) 

    4. hocuradite

      hocuradite

      Peccato mi saresti piaciuta in stile psicopatico: nel quotidiano con jeans e maglietta, fresca, giovane, divertente, urbana. Ecco che poi in certi momenti, in giardini decadenti, in antiche ville abbandonate, fra viali dannunziani ti trasformi in Alice, un pò eterea, sognante e con risvolti misteriosi e un pò inquietanti in stile "Che fine ha fatto Baby Jeane" o " Viale del tramonto".

  25. Io sono sempre questa, una che cammina attraversando prati pieni di colori e di vita, una sempre in cerca di una città ideale che sta sempre oltre l'orizzonte. Una che cammina... 
    Soprattutto con la testa, con l’immaginazione.

    IMG_3318.JPG