• Uomo
  • 80 anni
  • Ultima Visita

Su di me

  • Compleanno
    3 Maggio

Mi piace un sacco

Sport Libri Cinema Musica Tv e Serie Tv Cucina Viaggi Running Calcetto Ballo Yoga Arte Moda Fotografia HI-Tech Natura e Animali Videogiochi

Visite recenti

2678 visite al Profilo

Chi seguo Vedi tutti

MyBlog

Crea gratis il tuo blog in Wordpress e guadagna con Google AdSense

Apri il tuo Blog

I miei Blog

    Gestisci blog

    Genio

    Ad ogni domanda una risposta.
    Cosa desideri sapere?

    Fai una domanda

    Le mie domande

    Le mie risposte

      Vedi tutto

      Forum

      Lancia il tuo Forum condividi informazioni idee e opinioni

      Apri forum

      Le mie discussioni

        I miei post

          Vedi tutto

          Siti

          Scegli il tema che preferisci,
          personalizzalo come vuoi e sei subito online!

          Crea il tuo sito gratis

          Il mio sito

            Forum Box

            1. Dimmelo tu quanto mi

               

              vuoi bene. Io te ne voglio

               

              tanto, tanto di più, e poi

               

              ancora tanto, luce dei

               

              miei occhi.

               

               

               

               

            2. MONTALE

              Previsioni

               

              Ci rifugiammo nel giardino ( pensile se non sbaglio )

              per metterci al riparo dalle fanfaluche

              erotiche di un pensionante di fresco arrivo

              e tu parlavi delle donne dei poeti

              fatte per imbottire illeggibili carmi.

              Così sarà di me aggiungesti di sottecchi.

              Restai di sasso. Poi dissi dimentichi

              che la pallottola ignora chi la spara

              e ignora il suo bersaglio.

              Ma non siamo

                                                         disse C. ai baracconi. E poi non credo

              che tu abbia armi da fuoco nel tuo bagaglio.

               

            3. Volerti ad ogni costo non

               

              è capriccio, ma amore

               

              sincero e totale.

               

              E’incantesimo quotidiano

               

              che mi strappa alla realtà

               

              e mi colma di infantile

               

                                 

                         felicità.

               

               

               

               

               

            4. Come sirena su scoglio

               

              lontano mi attiri e mi

               

              ammalii. Come in sogno,

               

              cammino tra i flutti, per

               

              perdermi con te negli

               

              abissi del mare. Morte

               

              più bella non vorrei.

            5. QUASIMODO

               

              A me discesa

                                                                      per nuova innocenza.

              Era beata stanotte la tua voce

                                                           a me discesa per nuova innocenza

              nel tempo che patisco un nascimento

              d’accorate letizie.

               

              Tremavi bianca,

              le braccia sollevate;

              e io giacevo in te

              con la mia vita

              in poco sangue raccolta,

              dimentico del canto

              che già m’ha fatto estrema,

              con la donna che mi tolse in disparte,

               

              la mia tristezza

              d’albero malnato.

            6.  

              QUASIMODO

              Foce del fiume Roja

               

              Un vento grave d’ottoni

              mortifica il mio canto,

              e tu soffri a grembo aperto

              la voce disumana.

               

              Da me divisa s’autunna

              ai moti estremi giovinezza

              e dichina.

               

              La sera è qui, venuta ultima,

              uno strazio d’albatri;

              il greto ha tonfi, sulla foce,

              amari, contagio d’acque desolate.

               

              Lievita la mia vita di caduto,

              esilio morituro.

               

               

            7. Una poesia diversa per te, grazie

            8.  

              poesia_poetry

              Non cercate di prendere i poeti perché vi scapperanno tra le dita.
              (Alda Merini)

            9. Ogni pena ti dirò, ogni

               

              filo di speranza, ogni

               

              progetto per l’avvenire.

               

              Nella gioia saremo in

               

                          due,

               

              e così anche nel dolore.

               

              Stringimi più forte – ti

               

              dirò – Stammi più vicino.

               

              Non lasciarmi mai,

               

              amore, se non vuoi la

               

               morte del mio cuore.

                           Per sempre, per sempre –

                           mi dirai – ti amerò per

                           sempre, anche se i giorni

              a noi concessi non sono

               

              ormai tantissimi. Sei tu

               

              l’unica gioia, sei tu

               

              l’ultima speranza, il mio

               

              pensiero costante.

               

               

            10.  

              QUASIMODO

              Di fresca donna                                                                                                                                            riversa in mezzo ai fiori

               

              S’indovinava la stagione occulta

              dall’ansia delle piogge notturne,

              dal variar nei cieli delle nuvole,

              ondose lievi culle;

              ed ero morto.

               

              Una città a mezz’aria sospesa

              m’era ultimo esilio,

              e mi chiamavano intorno

              le soavi donne d’un tempo,

              e la madre, fatta nuova dagli anni,

              la dolce mano scegliendo dalle rose

              con le più bianche mi cingeva il capo.

               

              Fuori era notte

              e gli astri seguivano precisi

              ignoti cammini in curve d’oro

              e le cose fatte fuggitive

              mi traevano in angoli segreti

              per dirmi di giardini spalancati

              e del senso di vita;

              ma a me doleva ultimo sorriso

                                                      di fresca donna riversa in mezzo ai fiori.

              1. lullabyblue0

                lullabyblue0

                bellissime parole!

            11.  Pensiero dominante,

               

                         ansia

               

              struggente, attesa senza

               

              fine. E’ quel ch’io provo.

               

              Però il sogno d’amore

               

                          che

               

              condivido con te mi

               

              rasserena l’anima e mi

               

                                

              placa i bollenti spiriti, mi

               

              dà la pazienza che

               

              occorre per attendere di      

               

                     gustare il

                           miele della vita, con te!

               

               

               

              1. lullabyblue0

                lullabyblue0

                avrei proprio bisogno di sentire queste parole

            12.  

               

              Nella mente spunti al

               

              primo mattino come stella

               

              rilucente. Tale è il tuo

               

              dolce sembiante, che il

               

              cuore impazzisce di gioia,

               

              come pianeta che riceve i

               

              primi raggi del sole e

               

              passa dalle tenebre della

               

              notte alla luce splendente

               

              del giorno. Gran diletto

               

                                    

              prova tutto il mio essere

               

              al solo pensarti e a

               

              nutrirsi della nuova linfa

               

              che apporta il tuo

               

              apparire, rinnovando la

               

              voglia di vivere e di agire.

            13. U. SABA

              La gatta

               

              La tua gattina è diventata magra.

              Altro male non è il suo che d’amore :

              male che alle tue cure la consacra.

               

              Non provi un’accorata tenerezza?

              Non la senti vibrare come un cuore

              sotto alla tua carezza?

              Ai miei occhi è perfetta

              come te questa tua selvaggia gatta,

              ma come te ragazza

              e innamorata, che sempre cercavi,

              che senza pace qua e là t’aggiravi,

              che tutti dicevano : “ E’ pazza “.

               

              E’ come te ragazza.

               

               

            14. Hai mai pensato di raccogliere le tue poesie in un libro?

            15. Amo pensarti come

               

              fuggitiva ninfa che fende

               

              col bianco petto l’onda

               

              oceanina. Tale galleggi,

               

              di tanto in tanto, quasi a

                           

              darmi il tempo di

               

              raggiungerti e

               

              avvinghiarmi al tuo

               

              flessuoso corpo, sol per

               

              bere dalle tue sfavillanti

                                   

              labbra l’ambrosia marina

               

              e baciare la tua fronte

                                                           

              vaga e stellante.