• Donna
  • 47 anni
  • Pavia (PV)
  • Ultima Visita

    Più di un mese fa

Su di me

  • Compleanno
    9 Luglio
  • Situazione sentimentale
    Single
  • Altezza
    165 cm
  • Occhi
    Marroni
  • Capelli
    Biondi
  • Figli
    No
  • Segno Zodiacale
    Cancro

Mi piace un sacco

Sport Libri Cinema Musica Tv e Serie Tv Cucina Viaggi Running Calcetto Ballo Yoga Arte Moda Fotografia HI-Tech Natura e Animali Videogiochi

Visite recenti

8998 visite al Profilo

Chi seguo Vedi tutti

Forum Box

  1. Ciao fiordiloto, piacere di conoscerti.

  2. Ciao piacere Giuseppe

    1. luci6500

      luci6500

      ciao piacere Luciano

  3. Se è vero

    Che ancor m’accetti

    Quale amante e sposo

    Indissolubilmente a te congiunto,

    E’ vero anche

    Che la tua fiducia traballa

    E ti rode la gelosìa latente

    • Credimi – immotivata.

      Quali prove ancora

      Ti attendi?

      T’amo ancora…

      come sempre

      E mai potrei…

      Fare a meno di te!

  4.  

     

    Oh, la gioia di apporre

     

        un bacio sulle tue

     

           affusolate

     

    mani, che grondano,

                                     

    quando esci dal lavacro

     

        delle ionie onde,

     

    e ti trattieni sulla battigia

     

    a strizzare il denso crine,

     

    arcuando il dorso quel

     

    tanto che basta, quasi in

     

         moto di danza!

  5. Cosa sei…tu per me?

    Ecco cosa sei:

    Sei la magìa del Natale.

    Sei l’incanto

    Dei cristalli di neve

    Che lenti s’adagiano

    Sulla bianca coltre

    Della terra nera.

    Sei il calore del ceppo

    Che nel camino

    Sprigiona faville di fuoco.

    Sei lo stupore dell’Attesa

    Che inebria il cuore

    Dei bambini sognanti.

    Sei la rosa che d’inverno

    Profuma le mie notti.

    Sei tutta…

    La ragione della vita mia.

    Sei la luce

    Del mio faticoso cammino.

    Sei tutte le cose belle

    Che porta seco il Natale.

     

     

     

     

  6. Non invecchiano mai

    Le tue labbra

    Di caldo velluto.

    Che accendono i miei sensi

    Ogni volta che

    Si schiudono

    Ed effondono

    Il tuo spirito d’amore.

    Che riscaldano la mia anima

    Se d’impeto si posano

    Sulla mia bocca.

    Se come rugiada del mattino

    Placano l’ardore

    Della mia passione.

    Se emettono parole di miele

    Che toccano le corde

    Dei miei precordi.

     

     

     

  7. ciao. guardo la tua immagine e penso: tu il mare e il sole, perché desiderare altro? ciao

  8. BALDESAR  CASTIGLIONE

    Dalle “ Rime “

    III

    Ecco la bella fronte e il dolce nodo,

    gli occhi e le labbra formate in paradiso,

    e il mento dolcemente diviso in sé,

    per mano di Amore composto in dolce modo.

     

    O vivo mio bel sole, perché non odo

    le soavi parole e il dolce riso,

    come chiaro vedo il sacro viso

    per cui sempre pur piango e mai non godo?

     

     

    E voi, cari, beati  e dolci occhi,

    per fare più chiari gli oscuri miei giorni,

    avete passato tanti monti e fiumi;

     

    or qui nel duro esilio, in pianti amari

    sostenete che, ardendo, io mi consumi,

    più che mai scarsi e avari verso di me.

     

     

     

    IV

     

    Gentile Euro, che i crespi nodi d’oro

    fai  girare per il bel volto or di qui or di lì,

    fa’ in modo che, mentre spiri bramoso,

    non intrichi le ali nei capelli, né le snodi mai;

     

    chè se già tuo fratello Borea potè usare prodi

    per porre fine agli ardenti suoi desideri,

    il cielo non vuole che qui si aspiri per voi,

    né mai si goda di tanta bellezza.

     

    Potrai ben dire, se torni al tuo soggiorno,

    né brami restar preso , con mille altri,

    come il nostro levante fa scorno al tuo.

     

    Ahimè, che penso? Già ti sentivo acceso,

    chè aura non sei, ma fuoco, che d’intorno

    voli ai capelli che Amore mi ha teso come laccio.

     

     

     

     

     

    Dal “ Tirsi “

    Il lamento del pastore Iola

     

     

     

     

     

    VI – Fatto hanno ormai gli occhi miei una fontana

    col pianto, ove si può spegnere la sete.

    Venite, o fiere, giù da questo monte

    a bere senza timore di laccio o rete;

    e benché mi cada dalla fronte un fiume,

    pastori, avrete fuoco dal petto;

    chè neppure una piccolissima parte c’è del mio cuore

    che ormai non sia trasformata in fuoco e fiamma.

     

    VII – E tu, ninfa crudele, sei solo causa

    della mia trasformazione in così strana figura;

    chè così bella di fuori ti hanno fatta gli dei

    e dentro poi crudele, acerba e dura.

    Ma perché m’ingannassero i miei occhi,

    contro ragione ti fece tale la natura.

    Le fiere hanno un aspetto spaventoso e strano,

    e tu l’animo fiero e il volto umano.

     

    VIII – Umano è il volto tuo? Anzi divino,

    chè dentro vi sono anche due chiare stelle.

    Le fresche rose colte nel giardino

     

     

     

    fanno d’amore le guance tenerelle,

    la bocca sparge odor di gelsomino,

    due fiori vermigli son le labbra belle,

    la gola, il mento e il delicato petto

    sono di candida neve e latte coagulato.

     

    X – Le fiere ai boschi pur tornan la sera,

    dove hanno riposo dalle loro fatiche;

    i boschi a primavera si rivestono di foglie,

    mentre erano ignudi nel tempo nevoso.

    L’autunno fa l’uva matura e nera

    e ogni  albero coperto di novelli frutti;

    il mio dolore, invece, non muta mai la sua tempra,

    e le mie pene sono sempre acerbe.

     

    XI – Ma i giorni oscuri diverrebbero sereni,

    se la pietà ti pungesse un poco il cuore.

    Allora sarebbero ameni i boschi e le fonti,

    se tu fossi con me, o ninfa, in questo luogo.

    Andrebbero pieni di dolce latte i fiumi,

    se Amore per me ponesse in fuoco il tuo cuore;

     

     

     

    e così sonori i miei versi sarebbero,

    che invidia ne avrebbero ancora Orfeo e Lino.

     

    XII- Corrimi, dunque, in braccio, o Galatea,

    né ti sdegnar dei boschi, o d’esser mia.

    Venere nei boschi accompagnar soleva

    Il suo amante Adone, e lì spesso si addormentava.

    La luna, che è su in cielo così bella dea,

    seguiva un pastorello per amore;

    e venne da lui nel bosco a una fontana,

    perché le donò un velo di bianca lana.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

  9. Buonasera fiordiloto....sono Luigi da Bologna...piacere

  10. la mia classe di oggi! 

    buona serata ragazzuoliRisultati immagini per classe di yoga

    1. cosso72davide

      cosso72davide

      Ciao e Grazie  9_9 mai fato yoga ma mai dire mai eh eh ...

  11. Penso tu possa apprezzare...

  12.  

    1. blackghost01

      blackghost01

      relax e follia