• Uomo
  • 80 anni
  • Ultima Visita

Su di me

  • Compleanno
    3 Maggio

Mi piace un sacco

Sport Libri Cinema Musica Tv e Serie Tv Cucina Viaggi Running Calcetto Ballo Yoga Arte Moda Fotografia HI-Tech Natura e Animali Videogiochi

Visite recenti

3470 visite al Profilo

Chi seguo Vedi tutti

MyBlog

Crea gratis il tuo blog in Wordpress e guadagna con Google AdSense

Apri il tuo Blog

I miei Blog

    Gestisci blog

    Genio

    Ad ogni domanda una risposta.
    Cosa desideri sapere?

    Fai una domanda

    Le mie domande

    Le mie risposte

      Vedi tutto

      Forum

      Lancia il tuo Forum condividi informazioni idee e opinioni

      Apri forum

      Le mie discussioni

        I miei post

          Vedi tutto

          Siti

          Scegli il tema che preferisci,
          personalizzalo come vuoi e sei subito online!

          Crea il tuo sito gratis

          Il mio sito

            Forum Box

            1. Fel ma come stai? sarebbe bello vedere i tuoi testi accompagnati da qualche immaine illustrativa!

            2. È il crepuscolo mattutino

              e tu, cara, saluti di buon'ora Lucifero,

              il messo del giorno, che rinnova

              il dono della vita a noi concesso.

              Con impazienza attendi lo sguardo di Febo,

              il principe del cielo.

              Ma cari a me siete voi, occhi di cielo della mia amata,

              quando, messi del nuovo giorno,

              mi portate il sole del risveglio.

               

               

               

            3. spero che la vita di dia sempre la forza di continuare con la pubblicazione di questi tuoi pensieri puri

            4. Così mi tieni in bilico,

              come barca sull'onda.

              Per tutta la notte mi rigiro e sobbalzo nel letto,

              ora preda dello sconforto, ora in volo di speranza

              con la mente e col cuore.

              All'alba, col moto della ragione passo in rassegna

              i più proficui modi di abbattere ad una ad una

              le cagioni delle tue titubanze,

              quale paziente maestro contro muro diroccato.

               

               

              1. ciribi72

                ciribi72

                sei innamorato fel? ti sento più innamorato negli ultimi post

              2. scompaiomatorno

                scompaiomatorno

                è bello stare in bilico ma anche bello perdere il controllo a volte, no?

            5. Vorrei brillare in te come il blu fa con le Hawaii
              Come una strofa di Lou Reed come Pale Blue Eyes
              Sentire solo la tua voce quando non ci sei
              Vedere solo la tua luce come fossi Blake
              Tu, principe della festa
              Tiri da goleador
              Neve che sale in pista
              Cantavi...
              Stai con me oltre il sole
              Coca Cola e amore
              Non andartene, no

              [Santamanu]

            6. Ad altro rivolgere non potrei

              Il mio quotidiano pensare,

              ché ardo di ferventissimo amore

              e tanto vorrei riscaldare

              il tuo freddissimo petto.

              Mi rode fieramente il cuore

              una sorta di amoroso verme.

              Ma quanto più dura e ritrosa

              ti mostri, tanto più

              m'accendo e brucio.

               Invano m'affatico

              di renderti pieghevole

              al mio bisogno d'amore.

              Lusinghevoli parole a nulla giovano,

              fermo rimane il tuo proposito,

              ed io sono il più disperato fra gli uomini.

              Né so immaginarmi di rinunziare a te

              se solo lo penso, mi sento morire!

              Ma tu sei ancora più dura e più rigida

              di uno scoglio marino

              e mostri di sì poco gradire

              il mio fervido e caparbio amore.

               

               

              1. tacchialti94

                tacchialti94

                hey poeta, quando smetterai di farci emozionare?

              2. ciribi72

                ciribi72

                sei sempre un'emozione unica, ha ragione tacchi alti

              3. scompaiomatorno

                scompaiomatorno

                quando mi dedicherai qualche poesia?

            7. quando leggo le poesie che condividi, sento sempre questo suono rilassante

            8. OVIDIO

                                                                                                                                                         Dall’” Ars amatoria “ : 1, 135- 166

               

              Né le corse dei nobili cavalli

              trascurar tu dovrai: con le sue dense

              folle molti vantaggi offre anche il Circo.

               

              Ivi non delle dita hai tu bisogno

              per dir l’animo tuo, non già per mezzo

              di cenni devi attendere risposte;

               

              ma ben vicino ( nulla ti trattenga )

              siedi alla bella; stringiti col fianco

              più presso che tu puoi contro il suo fianco.

               

              E ben potrai; chè, s’anche ella non voglia,

              tutto lo spazio ivi costringe; il luogo

              stesso là vuol che tu la donna tocchi.

               

              Cerca un motivo allor per avviare

               

               

               

               

              Il discorso con lei, e siano pure

              detti comuni le parole prime.

               

              Chiedile di chi siano i cavalli

              che si avanzano, e pronto il tuo favore

              a quello da’ ch’è favorito suo.

               

              E quando poi verrà la lunga pompa

              dei Numi eburni, a Venere tu plaudi,

              patrona tua, con fervorosa mano.

               

              Se, come avviene, alla fanciulla in seno

              è per caso un pulviscolo caduto,

              pronto col dito scuoterlo dovrai,

               

                                                                          e se nessun pulviscolo vi cada,

              pur tu scuoti quel nulla; ogni pretesto

              buono ti sia per renderlo servigio.

               

              Se troppo le si strascica la veste,

               

               

               

               

              per terra, e tu sollevala, con pronta

              man che dal suolo immondo la preservi,

               

              e tosto allora, premio del tuo zelo,

              potranno gli occhi tuoi alla fanciulla

              consenziente rimirar le gambe.

               

              E bada poi, chiunque sia seduto

              dietro di lei, che il delicato dorso

              ei non le prema con le sue ginocchia.

               

              Piccoli offici adescano codeste

              anime lievi;  utile fu per molti

              disporre con sagace arte un cuscino;

               

                                                                       anche agitar  giovò una tabelletta

              per un po’ di frescura, e sottoporre

              a due piedini un concavo sgabello.

               

              Codesti approcci spesso in tali arene il figlio

               

               

               

               

              di Venere, e colui che l’altrui piaghe

              stava a guardar piagato fu egli stesso.

              …………………………………………………………..

              ( Trad. di G. vitali )

               

            9. Qui, sur un letto di verde erba,

              sotto queste svettanti querce centenarie,

              lauri e cipressi ombrosi,

              io t'offrirò bevanda d'ambrosia

              e uva dai dolci grappoli,

              nettare d'amore.

              Sarai per me il frutto più polposo,

              bruciore nell'anima,

              fresca fonte contro l'inestinguibile arsura.

              In breve, bruceranno i nostri corpi,

              stretto l'uno all'altro,

              mormoranti dolci suoni e alate parole.

               

               

              1. ciribi72
              2. tacchialti94

                tacchialti94

                ciribi mi hai tolto le parole di bocca, non saprei che altro dire. 

            10.  

              MONTALE

              Credo

               

               

              Forse per qualche sgarro nella legge

              del contrapasso

              era possibile che uno sternuto Via verdi 6 Firenze

              potesse giungere fino a Bard College N.J.

              Era l’amore? Non quello che ha popolato

              con uno orrendo choc il cielo di stelle e pianeti.

              Non tale la forza del dio con barba e capelli,

              che fu detronizzato dai soci del Rotary Club

              ma degno di sopravvivere alle loro cabale.

              Credo vero il miracolo che tra la vita e la morte

              esista un terzo status che ci trovò tra i suoi.

              Che un dio ( ma con la barba ) ti protegga

              mia divina. Ed il resto, le fandonie

              di cui siamo imbottiti sono meno

              che nulla.

              Ah!

               

              Amavi le screziature le ibridazioni

              gli incroci gli animali

              di cui potesse dirsi mirabil mostro.

               

               

              Non so se nel collège di Annecy

               

              qualcuno abbia esclamato vedendoti e parlandoti

              con meraviglia Ah!  E fu da allora

              che persi le tue tracce.  Dopo anni seppi

              il peggio. Dissi Ah! e tentai di pensare ad altro.

              Rari i tuoi libri, la Bibbia

              e il Cantico dei Cantici,

              un bosco per la tua età

              con tanto di cartello “ cave canem “,

              qualche romanzo del Far West e nulla

              che fosse scritto per l’infanzia e i suoi

              confini così incerti. Tuttavia,

              se tu fossi scomparsa allora, anche a te

              non sarebbe mancato un tenerissimo

              Ah!

              Ma più tardi nessuno

              o soltanto il buon Dio quale che fosse

              accompagnò la tua vacanza con un Ah!

              che dicesse stupore o smarrimento.

              Forse qualcuno si fermò sull’A

              che dura meno e risparmia il fiato.

              Poi fu silenzio. Ora l’infante là

               

               

               

              dove si sopravvive se quella è vita

              legge i miei versi zoppicanti, tenta

              di ricostruire i nostri volti e incerta dice

              Mah?

              1. ciribi72

                ciribi72

                sei speciale tu ;)

            11. "Si muore un pò, per poter vivere" cosa ne pensi di questo aforisma? io lo trovo prettamente vero. 

              1. luissamame

                luissamame

                E triste ma e vero!

                IMG_20190711_143434.jpg

            12. Canto mollemente

              le chiomate Càriti,

              allor che torna primavera,

              e cerco i dolci doni di Afrodite

              nell'intatto giardino delle vergini,

              ove i germogli della vite

              sbocciano sotto i tralci ombrosi.

              Allora Eros per me non si placa,

              ma irrompe con brucianti follie,

              e con oscure dolcezze

              mi spinge nelle reti di Cipride,

              inestricabili.

               

               

               

              1. chiaraoscura4

                chiaraoscura4

                parole pure come la neve

              2. ciribi72

                ciribi72

                dovresti proprio pubblicare un libro, non smetterò mai di dirlo

            13. UNGARETTI

              Giugno

               

              Quando

              mi morirà

              questa notte

              e come un altro

              potrò guardarla

              e mi addormenterò

              al fruscio

              delle onde

              che finiscono

              di avvoltolarsi

              alla cinta di gaggie

              della mia casa

              sul mare

               

              Quando mi risveglierò

              nel tuo corpo

              che si modula

              come la voce dell’usignolo

              che si estenua

              come il colore

              del grano maturo

              nella lucentezza

               

              E nella trasparenza

              dell’acqua

              la tua pelle d’europea

              gentile come le ali delle farfalle

              si brinerà

              di macchioline more

              e mi soffocherai

              come una pantera

              librata

              dalle lastre

              squillanti

              dell’aria

               

              E socchiuderai

              le palpebre

              e vedremo

              il nostro amore

              reclinarsi

              dolce

              come la sera

              mentre sopraggiunge

              e le mie pupille

              si tufferanno

              nell’orizzonte di bitume

              delle tue iridi

               

              E ora il sereno

              è chiuso

              come a quest’ora

              i gelsumini

              nel mio paese

              d’Africa

              lontano

              Tutto

              diluisce

              e scompare

              in questa oscurità

               

              E ho perduto

              Il sonno

              e oscillo

              come una lucciola

              al canto

              di una strada

               

              Quando

              mi morirà

              questa notte

              ( ……) il5 luglio1917

               

               

              1. nuncepenza6

                nuncepenza6

                non la conoscevo, bella, si

              2. chiaraoscura4

                chiaraoscura4

                che brividi, bravissimo

            14. Tra poeti vi capite :) 

              tra poeti.jpg

            15. Felice io sono,

              che posso trascorrere l'oggi

              senza pianto, e cantare,

              ispirato dalla Musa

              che assiste questo poeta dell'amore,

              sia che lodi la luce

              ch'effondono gli occhi dell'amata,

              sia che enumeri i sospiri e le pene

              per la sua lontananza.

               

               

               

              1. tacchialti94

                tacchialti94

                stupenda! MA è tua?

              2. chiaraoscura4

                chiaraoscura4

                stupendo pensiero!

              3. fel55

                fel55

                Sì, è mia.Grazie per l'apprezzamento.