• Donna
  • Verona (VR)
  • Ultima Visita

Su di me

  • Compleanno
    12 marzo
  • Situazione sentimentale
    Single
  • Altezza
    168 cm
  • Occhi
    Marroni
  • Capelli
    Castano scuro
  • Figli
    1 figlio
  • Segno Zodiacale
    Pesci

Mi piace un sacco

Sport Libri Cinema Musica Tv e Serie Tv Cucina Viaggi Running Calcetto Ballo Yoga Arte Moda Fotografia HI-Tech Natura e Animali Videogiochi

Visite recenti

19607 visite al Profilo

Chi seguo Vedi tutti

MyBlog

Crea gratis il tuo blog in Wordpress e guadagna con Google AdSense

Apri il tuo Blog

I miei Blog

    Gestisci blog

    Genio

    Ad ogni domanda una risposta.
    Cosa desideri sapere?

    Fai una domanda

    Le mie domande

    Le mie risposte

      Vedi tutto

      Forum

      Lancia il tuo Forum condividi informazioni idee e opinioni

      Apri forum

      Le mie discussioni

        I miei post

          Vedi tutto

          Siti

          Scegli il tema che preferisci,
          personalizzalo come vuoi e sei subito online!

          Crea il tuo sito gratis

          Il mio sito

            Forum Box

            1. Il soffitto. 

              Le travi. 

              Me. 

              Le mie mutande. 

              Pelle nuda. 

              Un letto disfatto. 

              Lenzuola bianche.

              Peli di gatto. 

              Caldo. 

              Un’apparenza da strappare. 

              Fuori cantano le rondini. 

              Sono così. 

              Mi sono fatta tutta da sola. Pensa un po’...

              EF73667F-EAAF-432F-85F0-EEF968B446CA.jpeg

            2. Es amants 

              Nuotavano in amore ed era festa, 

              l’erba cresceva rapida sui colli 
              
e il succo della pesca era maturo.

               

               

              DD61AC39-72CB-430F-A83E-ACF40040D12E.jpeg

            3. Odessa il tuo profilo è così completo, interessante e piacevole, brava!

            4. Due amiche ai giardini

               

              Con il sole che troneggia 
              
le due amiche vanno a spasso
              
pei giardini della reggia 
              
di Cianesco a Campobasso.

              Sono allegre e stanno a dire 

              degli amori che hanno avuto 

              un po’ allegri un po’ a soffrire 
              
com’è giusto e risaputo.

              Ora pensano al futuro 

              che le aspetta lì davanti, 
              
assomiglia forse a un muro 
              
ma lo affrontan tutti quanti.

              Noi siam donne, dice Ornella,
              
Siamo audaci e siamo forti.

              I mariti, questa è bella,  
              
a quest’ora son già morti.

              Con le bocce e la canasta 
              
non si vive a lungo sai  

              l’hanno preso proprio in tasca, 

              l’han voluta, non son guai. 

              Noi sian libere e creative, 

              tutto il tempo abbian per noi, 

              siamo belle, siamo vive, 

              godi e ridi fin che puoi.

              Forse è meglio che il sistema 

              dalle donne sia guidato, 

              questi maschi fanno pena, 

              sono mosci, non han fiato.

              IMG_5296+2.JPG

            5. la conosci questa? la stavo ascoltando poco fa...ha un bel testo 

            6. Tutta l'energia del temporale

               

              Ad ascoltare meglio, con la finestra aperta, le sorprese del tempo, questo luglio, ad ascoltare meglio, a volte, sono stata incantata dall’energia potente del temporale, e della pioggia, e dei colori vividi, assai carichi – il verde delle piante, il rosso dei gerani – e quel rumore d’organo, continuo, che pare una carezza sul plesso solare, e il tuono e il lampo improvviso, e la minaccia sospesa a mezz’aria, e poi lo slancio delle potenze che abitano il pianeta…
              Ho pensato che la vitalità del temporale è quella dei poemi epici, quella di Achille sotto le mura di Troia, o di Giasone, o di Teseo, e anche quella di Medea nella sua folle spietata disperazione.
              C’è potenza nell’epico.
              Il cuore si spaventa, ma poi diventa audace e può immaginare imprese che la bella stagione non suggerisce.

               

              Foto+del+7990307-05-2456063+alle+02%3A13.jpg

              1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
              2. odessa1920

                odessa1920

                Sono io in tutte le foto 

              3. scompaiomatorno

                scompaiomatorno

                sei cosi profonda, un genio incompreso

              4. odessa1920

                odessa1920

                Qualcuno che mi comprende c’è 😊

            7. Sei una forma di desiderio inespresso, ammezzato, mozzato;
              un desiderio senza nome, affondato nelle parole,
              un desiderio senza tempo, né spazio.
              Una forma d’amore non contemplata nei manuali d’amore.
              Uno di quegli amori che ci vergogniamo a raccontare in giro,
              un amore che ci teniamo dentro, che non possiamo manifestare,
              un amore senza appigli, senza radici,
              un amore nato in luogo di cui neppure noi conosciamo l’esistenza,
              un amore flebile come un guaito di un cane nella notte.
              Un amore dove non c’è nulla da imparare o da sfogliare
              un amore scuro, senza caratteri.
              Un amore che secondo i più incarna la negazione dell’amore.

               

               

               

              IMG_8179.JPG

              1. ciribi72

                ciribi72

                bellissima gonna, l'hai comprata su asos?

              2. odessa1920
              3. scompaiomatorno

                scompaiomatorno

                mi confonde quello che scrivi, sei una scrittrice speciale1

            8. Buongiorno, sono Enrico, ti va di fare 2 chiacchiere ?

            9. questa è tua ;)

            10. A scuola di teatro

               

              A Noi, qui, sul palcoscenico, facciamo bene quelle stesse cose che fuori la gente recita male.
               
              E E questo che mi ha spinta a entrare nella scuola di teatro: imparare a recitare bene la vita.

              A I dialoghi per esempio. Là fuori, sono sempre impacciati, infelici, senza brio e mordente… Qui, impariamo a farli bene… 

              E Qui impariamo a prenderci cura delle nostre espressioni.

              A Il teatro è una scuola di vita. Impariamo a dare alle nostre emozioni un’espressione adeguata. 

              E Soprattutto, impariamo a sognare. I sogni sono illusioni, ma le illusioni sono per l’anima come le ali per gli uccelli: la sostengono, la fanno volare.

              67815504_10217956239564865_5942295280756981760_o.jpg

              1. nuncepenza6

                nuncepenza6

                parole di innocenza e verità

                 

              2. ciribi72

                ciribi72

                il bacio, quel gesto che è così pure da uccidere

              3. odessa1920

                odessa1920

                Un bacio solo teatrale in questo caso

            11. Un pensiero per te, spero apprezzerai!

              1. odessa1920

                odessa1920

                Apprezzo molto 

            12. Gli alberi, si gli alberi.
              
Ci sta bene vicino.
 Fanno parte di me.
 Quante cose ho pensato e sentito in loro compagnia! 
La vita è viva.

               

              IMG_7934.JPG

              1. theoldandthesea

                theoldandthesea

                l'autunno è tornato, anche da te ha iniziato il freddo?

              2. odessa1920

                odessa1920

                Freddo no, diciamo fresco la sera...

              3. nuncepenza6

                nuncepenza6

                i radiohead sono i radiohead!

            13. Ecco una bell'avventura. 
              Enrica aveva deciso di collezionare una lunga lista di cose belle ed errava per le le città e le campagne a fotografare ciò che nutriva la sua gioia di esistere.
              "Voglio prendermi cura della vita che mi è stata regalata", diceva, "perché dovrei lasciarla inquinare dalle brutture? Il fatto che esistano non comporta che io me ne debba nutrire. Quando vado a funghi nel bosco, scelgo quelli buoni e lascio perdere quelli velenosi".
              Lei ragionava così.

              IMG_4507+2.JPG

            14. Seduta al bar, cos’aveva ordinato? Scelse di fissare le nuvole senza pensare a niente, lasciandosi assorbire dal gioco del tempo. Cos’aveva ordinato? Andrea ormai se n’era andato. E lei non voleva soffrirne. Non voleva per nessuna ragione al mondo soffrire nuovamente quelle stupide pene d’amore. Cos’aveva ordinato? A me piace scrivere, pensava, e immaginava di battere con destrezza e ritmo giusto sulla tastiera del suo Mac. Cos’aveva ordinato? Il dehors del locale era grazioso, attraversato da una luce naturale soffusa, filtrata da tendine bianche. S’intravedevano i tigli adulti e posati che sbucavano da grosse ferite circolari dell’asfalto, lungo il viale. Cos’aveva ordinato? Pensava di consolarsi con il piacere della scrittura. In fondo, l’unico amore costante di tutta la sua vita. Andrea, beh, come gli altri, poteva restare un passeggero del suo cuore. Che, come gli altri, l’aveva calpestato come uno zerbino. Cos’aveva ordinato?

              IMG_92922.jpg

              1. nancy19821

                nancy19821

                La foto è bellissima,  degna della una scena di un film

              2. odessa1920

                odessa1920

                Grazie, apprezzo molto il complimento

                 

              3. theoldandthesea

                theoldandthesea

                bellissime parole, tue?