• Donna
  • 32 anni
  • Ultima Visita

Contenuti pubblicati da unacomete89

  1. CARISSIMI E INZIATO SANREMOOOO ,,,,,,,COSA NE PENSATE ???

     

    VOGLIO SAPERE I VOSTRI GUSTI,,,,,QUALI CANZONI VI HANNO ATTRATTO

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. gerbera0

      gerbera0

      bravi tutti!

    3. ciribi72

      ciribi72

      a me piace!

    4. fashionista0

      fashionista0

      io ho amato!! ho votato per aiello ma si sa che fine ha fatto :(

  2.  

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. theoldandthesea

      theoldandthesea

      quando si vuole giocare ;)

    3. gerbera0

      gerbera0

      ahah

    4. ciribi72

      ciribi72

      io non sono mica capace!

  3.  

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. theoldandthesea

      theoldandthesea

      che bravura!

    3. gerbera0

      gerbera0

      vero, testo veritiero

    4. ciribi72

      ciribi72

      anche nancy mipiace molto!

  4.  

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. fashionista0

      fashionista0

      la sua mano nelle canzoni di altri si sente sempre!! lo amo

    3. tacchialti94

      tacchialti94

      grandissima autore|!

    4. daliahnera

      daliahnera

      magnifico!

  5. La vera preghiera è il motore del mondo, perché lo tiene aperto a Dio. Per questo senza preghiera non c'è speranza, ma solo illusione. Lo ha detto il Papa, presiedendo questo pomeriggio nella basilica di S. Sabina il rito dell'imposizione delle Ceneri, che segna l'inizio della Quaresima. Secondo Benedetto XVI, non è la presenza di Dio ad alienare l'uomo, ma la sua assenza: senza il vero Dio, Padre del Signore Gesù Cristo, le speranze diventano illusioni che inducono ad evadere dalla realtà. Proprio per questo, ha proseguito il Pontefice, parlare con Dio, rimanere alla sua presenza, lasciarsi illuminare e purificare dalla sua Parola, ci introduce invece nel cuore della realtà, nell'intimo Motore del divenire cosmico, ci introduce per così dire nel cuore pulsante dell'universo. La preghiera, dunque, come antidoto a menzogne nascoste, compromessi e diverse forme di egoismo: Senza la dimensione della preghiera ha ammonito il Santo Padre - l'io umano finisce per chiudersi in se stesso, e la coscienza, che dovrebbe essere eco della voce di Dio, rischia di ridursi a specchio dell'io, così che il colloquio interiore diventa un monologo dando adito a mille auto giustificazioni.

    In questa prospettiva, la preghiera è garanzia di apertura agli altri: chi si fa libero per Dio e le sue esigenze, si apre contemporaneamente all'altro, al fratello che bussa alla porta del suo cuore e chiede ascolto, attenzione, perdono, talvolta correzione ma sempre nella carità fraterna. La vera preghiera non è mai egocentrica, ma sempre centrata sull'altro, ha assicurato il Pontefice, e come tale esercita l'orante all''estasi' della carità, alla capacità di uscire da sé per farsi prossimo all'altro nel servizio umile e disinteressato. In armonica connessione con la preghiera, ha proseguito il Papa riferendosi alle altre due pratiche quaresimali tradizionali, anche il digiuno e l'elemosina possono essere considerati luoghi di apprendimento ed esercizio della speranza cristiana. I Padri e gli scrittori antichi amano sottolineare che queste tre dimensioni della vita evangelica sono inseparabili, si fecondano reciprocamente e portano tanto maggior frutto quanto più si corroborano a vicenda. Grazie, quindi, all'azione congiunta della preghiera, del digiuno e dell'elemosina, ha osservato Benedetto XVI, la Quaresima nel suo insieme forma i cristiani ad essere uomini e donne di speranza, sull'esempio dei santi.

    Gesù ha sofferto per la verità e la giustizia, portando nella storia degli uomini il vangelo della sofferenza, che è l'altra faccia del vangelo dell'amore. Oltre al tema della preghiera, durante il rito delle imposizione delle Ceneri il Papa ha trattato il tema della sofferenza, partendo dalla consapevolezza che la misura dell'umanità si determina essenzialmente nel rapporto con la sofferenza e col sofferente. Dio non può patire, ma può e vuole com-patire, ha ricordato il Santo Padre: dalla passione di Cristo può entrare in ogni sofferenza umana la consolazione dell'amore partecipe di Dio. La Pasqua, verso cui la Quaresima è protesa, è il mistero che dà senso alla sofferenza umana, le parole del Papa, secondo cui il cammino quaresimale, ci fa rivivere quanto avvenne nel cuore divino-umano di Cristo mentre saliva a Gerusalemme per l'ultima volta, per offrire se stesso in espiazione. La sofferenza e la morte sono calate come tenebre via via che Egli si avvicinava alla croce, ma viva si è fatta anche la fiamma dell'amore. Questo perché, ha spiegato il Pontefice, la sofferenza di Cristo è tutta permeata dalla luce dell'amore del Padre, che permette al Figlio di andare incontro con fiducia al suo ultimo battesimo', culmine della sua missione. Quel battesimo di dolore e d'amore, Gesù lo ha ricevuto per noi, per tutta l'umanità.

    1. fleurdelys00

      fleurdelys00

      scritto ben

    2. londoncalling6

      londoncalling6

      belle parole!

    3. fashionista0
  6. ARTE CONTEMPORANEA

     

    immagine_2021-02-15_151711.png

  7. Oggi lunedì 15 febbraio 2021 (15:06)


    E' il 46° giorno dell'anno, 8ª settimana. Alla fine del 2021 mancano 319 giorni.
    •  
    farfalla.pngSanti del Giorno
    Santi Faustino e Giovita (Martiri)
    San Claudio de la Colombiere (Religioso)

    San Decoroso di Capua (Vescovo)
    San Quinidio (Vescovo di Vaison-La-Romaine)
    San Sigfrido di Vaxjo (Vescovo)
    San Wilfrido (Walfredo) della Gherardesca (Abate fondatore di Palazzolo)
    Sant'Euseo di Serravalle-Sesia (Eremita)
    Sant'Onesimo (Martire)
    Santa Giorgia (Vergine)
    farfalla.pngAccadde Oggi
    youtube.jpg 2005 - Nasce YouTube (16 anni fa): Con lo slogan «Brodcast yourself», "trasmetti te stesso", fa il suo esordio sul web YouTube, uno dei primi siti di video sharing che in pochi anni arriva a meritarsi la fama di...
    farfalla.pngNati in questo giorno
    toto.jpg 1898 - Totò (123 anni fa): Gli aggettivi per il principe della risata si sprecano ed è impossibile riassumere in poche parole la preziosa eredità che ha lasciato nel mondo dell'arte, del costume e del linguaggio....
    galileo.jpg 1564 - Galileo Galilei (457 anni fa): Universalmente noto come il padre della scienza moderna, sancì attraverso i suoi studi l'universalità del rapporto causa-effetto nella ricerca scientifica. Tra i più grandi...
    farfalla.pngNati... sportivi
    carlo_molfetta.jpg 1984 - Carlo Molfetta (37 anni fa): Nato a Mesagne (in provincia di Brindisi) è un ex campione olimpico di taekwondo alle Olimpiadi di Londra 2012 nella categoria +80 kg, quando ha battuto in finale Anthony Obame, atleta del...
    paletta.jpg 1986 - Gabriel Paletta (35 anni fa): Nato a Buenos Aires, è un calciatore argentino ma naturalizzato italiano, grazie ai bisnonni che sono originari del comune di Savelli (in provincia di Crotone). Prima di arrivare in Italia,...
    carlotta_ferlito.jpg 1995 - Carlotta Ferlito (26 anni fa): Nata a Catania, è una ginnasta, medaglia d'argento nella gara alla trave agli Europei di Berlino 2011. Ha contribuito al settimo posto finale della squadra azzurra di ginnastica ai Giochi...
    farfalla.pngEventi Sportivi
    innsbruck_1976.jpg 1976 - Olimpiadi invernali 1976 (45 anni fa): I XII Giochi Olimpici invernali, svoltisi a Innsbruck (Austria), si concludono con l'ormai consueto predominio sovietico. L'URSS, infatti, primeggia con 27 medaglie (di cui 13 ori), conquistate nelle...
    evento.jpg 2010 - Alla Juve il 62° Torneo di Viareggio (11 anni fa): Per la settima volta la Juventus ha vinto il Torneo di Viareggio, giunto alla sessantaduesima edizione, battendo in finale l'Empoli per 4 a 2. Al torneo, riservato alle formazioni giovanili, hanno...
    1. tacchialti94

      tacchialti94

      wow

  8. Certe volte mi succede di sentirmi invisibile, di pensare di non poter fare la differenza nella vita degli altri, di non esistere. Mi viene qualche dubbio soltanto quando passo davanti ad uno specchio e vedo la mia faccia stanca che mi fissa con aria contrariata.

    Certe volte mi convinco che ogni mio gesto sia inutile, che i miei respiri siano soltanto una perdita di tempo e l’indifferenza della maggior parte della gente conferma quasi sempre questa mia teoria.
    Poi però ci sono alcune persone che, anche quando mi sento spenta, riescono a vedere la mia luce.
    Poi però ci sono i giorni in cui qualcuno torna da me soltanto perché io sono stata gentile con lui.
    Poi però ci sono giorni in cui mi dicono “sei bella” e invece io ero convinta di essere un disastro.
    E mi dicono “stai bene così spettinata”, e io pensavo di no. “Stai bene così struccata”, e io pensavo di no. La verità è che non esistono giorni che non servono a niente, perché anche i giorni che si assomigliano, anche i giorni più grigi, sono necessari.
    Non esistono sorrisi che ci potevamo risparmiare, parole gentili che era meglio non dire. Serve tutto. Noi serviamo. Noi brilliamo senza nemmeno saperlo, noi abbiamo un super potere: possiamo cambiare la giornata di una persona. In certi casi addirittura la vita. Non ci viene richiesto chissà che cosa, nessun gesto plateale, niente di sconvolgente: soltanto continuare a lottare senza distruggere gli altri, soltanto continuare a fare qualcosa che ci piace tanto, almeno una cosa piccola, soltanto continuare ad aggrapparsi alle stelle, almeno una notte all’anno, soltanto continuare a provarci, nonostante tutto.

    1. karma19580

      karma19580

      Che bella !!!

    2. tacchialti94

      tacchialti94

      che poeta!!!

    3. fleurdelys00

      fleurdelys00

      dovresti vincere un premio!

  9. GRANDE ROBERTO BOLLE,,,,,ESPEMPIO DI CLASSE E STUDIO

    1. tacchialti94

      tacchialti94

      blasco!!

  10. MONOLOGO DI GIORGIO GABER

    Secondo me all’inizio c’è sempre una donna.
    Secondo me la donna è stato il secondo errore di Dio. Il primo…
    Secondo me una donna è donna da subito. Un uomo è uomo a volte prima, a volte dopo. A volte mai.
    Secondo me una donna è coinvolta sessualmente in tutte le vicende della vita. A volte persino nell’amore.
    Secondo me una donna innamorata imbellisce. Un uomo… rincoglionisce.
    Secondo me in un salotto quando non c’è neanche una donna è come recitare in un teatro vuoto. Se invece non c’è neanche un uomo, tra le donne si crea una complice atmosfera di pace. Appena arriva un uomo è la guerra.
    Secondo me un uomo che si vanta di iniziare le donne ai piaceri dell’amore è come il turista che mostra alla guida le bellezze della città.
    Secondo me per una donna che non ha fortuna in amore non si può usare il termine “sfigata”.
    Secondo me un uomo che dice di una donna “quella lì la dà via” meriterebbe che a lui le donne non gliela dessero proprio mai.
    Secondo me una donna che fa l’amore per interesse è una puttana. Se lo fa invece perché le piace è… non c’è la parola.
    Secondo me una donna che dice a un uomo con cui sta facendo l’amore “Come con te con nessuno” andrebbe comunque arrestata per falsa testimonianza.
    Secondo me le donne quando ci scelgono non amano proprio noi… forse una proiezione, un’immagine, un sogno. Ma quando ci lasciano siamo proprio noi quelli che non amano più.
    Secondo me il primo maschilista è stato Dio che si è fatto uomo. Però io, se fossi stato Dio, non so se la donna l’avrei firmata.
    Secondo me una donna che si offre sessualmente a un uomo ed è respinta rimane sconcertata. Non ci può credere. Il suo primo pensiero è che lui sia omosessuale, ma in genere questa versione non regge. E allora pensa: ‘Eh già, lui si difende… ha paura di essere troppo coinvolto emotivamente… oppure si sente bloccato dall’eccessiva eccitazione…’ Il fatto che lei possa non piacere è un’ipotesi che non può assolutamente prendere in considerazione.
    Donna, l’angelo ingannatore. L’ha detto Baudelaire.
    Donna, il più bel fiore del giardino. L’ha detto Goethe.
    Donna, femina maliarda. L’ha detto Shakespeare.
    Donna, sei tutta la mia vita. L’ha detto un mio amico ginecologo.
    Secondo me una donna che oggi fa la madre di famiglia e rinuncia a lavorare, sbaglia. Se invece lavora e rinuncia a fare la madre di famiglia, sbaglia. Se cerca contemporaneamente di lavorare e di fare la madre di famiglia… sbaglia. Sbaglia comunque. L’uomo invece non sbaglia mai. Sono secoli che sa quello che deve fare. Forse è per questo che è così intronato. O forse anche per qualche altra ragione…

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. raffaello115

      raffaello115

      Grande Gaber!

    3. ciribi72

      ciribi72

      un grandissimo personaggio!

    4. tacchialti94

      tacchialti94

      magnifico!

  11.  

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. karma19580

      karma19580

      Mitici, questa si che è musica!!! Brava Unacomete!!! ;)

    3. ciribi72

      ciribi72

      non aggiungo altro

    4. tacchialti94

      tacchialti94

      bomba!

  12.  

    RAGAZZIIIII SI AVVICINA SAN VALENTINO,,,,,,avete deciso cosa regalare alla vostra amata/o:x

     

     

     

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. fleurdelys00

      fleurdelys00

      ahaha no voi?

    3. londoncalling6

      londoncalling6

      no ma che dolci

    4. ciribi72

      ciribi72

      strappa un sorriso

  13.  

    farfalla.pngSanti del Giorno

    San Giovanni Bosco (Sacerdote)
    San Ciro (Martire)
    Santa Marcella di Roma (Vedova)

    San Geminiano di Modena (Vescovo)
    San Metras (Metrano) di Alessandria (Martire)
    San Valdo (Vescovo)
    Sant'Abramo (Vescovo di Arbela)
    Sant'Aidano (Medhoc) di Ferns (Vescovo)

    San Giovanni Bosco è il protettore di educatori, giovani, studenti, editori.

     

    farfalla.pngAccadde Oggi
    slavery.jpg

    1865 - Abolita la schiavitù in America (156 anni fa): «La schiavitù o altra forma di costrizione personale non potranno essere ammesse negli Stati Uniti, o in luogo alcuno soggetto alla loro giurisdizione, se non come punizione di un reato...

     

    farfalla.pngNati in questo giorno
    franz_schubert.jpg 1797 - Franz Schubert (224 anni fa): Tra i più importanti compositori della storia della lirica, è considerato il grande maestro del Lied romantico, composizione di carattere sentimentale per voce solista e pianoforte. ...
    perlasca.jpg 1910 - Giorgio Perlasca (111 anni fa): Il suo nome compare nell'elenco dei 525 italiani Giusti tra le Nazioni, ossia i "non ebrei" che hanno rischiato la propria vita per salvare quella dei perseguitati dal genocidio nazista. ...
    farfalla.pngNati... sportivi
    riflettore.jpg 1963 - Manuela Di Centa (58 anni fa): Nata a Paluzza (in provincia di Udine), è una dirigente sportiva, campionessa olimpica di sci di fondo alle XVII Olimpiadi invernali di Lillehammer 1994, dove ha vinto ben cinque medaglie: due...
    quagliarella.jpg 1983 - Fabio Quagliarella (38 anni fa): Nato a Castellammare di Stabia (in provincia di Napoli), è un calciatore cresciuto nelle giovanili del Torino, con cui ha poi esordito in A il 14 maggio 2000. Successivamente ha giocato...
    rosina_zenit.jpg 1984 - Alessandro Rosina (37 anni fa): Nato a Belvedere Marittimo (in provincia di Cosenza), è un ex calciatore cresciuto nelle giovanili del Parma, con il quale ha esordito in A nel campionato 2002/03. Dopo una breve parentesi in...
    farfalla.pngEventi Sportivi
    federer.jpg 2010 - Quarto Australian open per Federer (11 anni fa): Nel prestigioso Australian open di tennis il torneo maschile è stato vinto per la quarta volta (2004, 2006 e 2007 sono i precedenti) dal campione svizzero Roger Federer, che ha battuto in...
    farfalla.pngI Doodle di Google
    yupanqui.jpg Atahualpa Yupanqui: Parlare di musica folclorica in Argentina, significa parlare di Atahualpa Yupanqui, unanimemente riconosciuto quale suo principale rappresentante. Cresciuto nelle campagne di Buenos Aires (per la...
    farfalla.pngScomparsi oggi
    donbosco.jpg 1888 - Don Bosco (133 anni fa): Nato in una frazione di Castelnuovo d'Asti, comune piemontese che oggi porta il suo nome, fu un sacerdote molto vicino ai giovani disagiati, per accogliere i quali fondò la congregazione dei Salesiani. ...
  14. CONSIDERATA LA CRISI DI GOVERNO,,,,,,,,,TUTTI SAREMO TENUTI A CHIEDERE SCUSA ALMENO UNA VOLTA NELLA VITA,,,,,,,,,,intelligenti pauca

    1. karma19580

      karma19580

      Azzeccata!!! xD

  15. Goditi potere e bellezza della tua gioventù.
    Non ci pensare.
    Il potere di bellezza e gioventù lo capirai solo una volta appassite.
    Ma credimi tra vent’anni guarderai quelle tue vecchie foto.
    E in un modo che non puoi immaginare adesso.

    Quante possibilità avevi di fronte e che aspetto magnifico avevi.
    Non eri per niente grasso come ti sembrava.
    Non preoccuparti del futuro.
    Oppure preoccupati, ma sapendo che questo ti aiuta quanto masticare un chewing-gum per risolvere un’equazione algebrica.

    I veri problemi della vita saranno sicuramente cose che non ti erano mai passate per la mente.
    Di quelle che ti pigliano di sorpresa alle quattro di un pigro martedì pomeriggio.
    Fa’ una cosa, ogni giorno che sei spaventato.
    Canta.

    Non esser crudele col cuore degli altri.
    Non tollerare la gente che è crudele col tuo.
    Lavati i denti.
    Non perdere tempo con l’invidia.
    A volte sei in testa.
    A volte resti indietro.
    La corsa è lunga e alla fine è solo con te stesso.

    Ricorda i complimenti che ricevi, scordati gli insulti.
    Se ci riesci veramente, dimmi come si fa.

    Conserva tutte le vecchie lettere d’amore, butta i vecchi estratti conto.

    Rilassati.

    Non sentirti in colpa se non sai cosa vuoi fare della tua vita.
    Le persone più interessanti che conosco a ventidue anni non sapevano che fare della loro vita.
    I quarantenni più interessanti che conosco, ancora non lo sanno.

    Prendi molto calcio.
    Sii gentile con le tue ginocchia, quando saranno partite ti mancheranno.
    Forse ti sposerai o forse no.
    Forse avrai figli o forse no.
    Forse divorzierai a quarant’anni.
    Forse ballerai con lei al settantacinquesimo anniversario di matrimonio.
    Comunque vada, non congratularti troppo con te stesso, ma non rimproverarti neanche.
    Le tue scelte sono scommesse.
    Come quelle di chiunque altro.

    Goditi il tuo corpo.
    Usalo in tutti i modi che puoi.
    Senza paura e senza temere quel che pensa la gente.
    È il più grande strumento che potrai mai avere.
    Balla.
    Anche se il solo posto che hai per farlo è il tuo soggiorno.

    Leggi le istruzioni, anche se poi non le seguirai.
    Non leggere le riviste di bellezza.
    Ti faranno solo sentire orrendo.

    Cerca di conoscere i tuoi genitori, non puoi sapere quando se ne andranno per sempre.
    Tratta bene i tuoi fratelli, sono il miglior legame con il passato e quelli che più probabilmente avranno cura di te in futuro.

    Renditi conto che gli amici vanno e vengono.
    Ma alcuni, i più preziosi, rimarranno.
    Datti da fare per colmare le distanze geografiche e di stili di vita, perché più diventi vecchio, più hai bisogno delle persone che conoscevi da giovane.

    Vivi a New York per un po’, ma lasciala prima che ti indurisca.
    Vivi anche in California per un po’, ma lasciala prima che ti rammollisca.

    Non fare pasticci coi capelli, se no quando avrai quarant’anni sembreranno di un ottantacinquenne.
    Sii cauto nell’accettare consigli, ma sii paziente con chi li dispensa.
    I consigli sono una forma di nostalgia. Dispensarli è un modo di ripescare il passato dal dimenticatoio, ripulirlo, passare la vernice sulle parti più brutte e riciclarlo per più di quel che valga.

    Ma accetta il consiglio per questa volta.

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. fleurdelys00

      fleurdelys00

      complimenti!

    3. beautifullmind0

      beautifullmind0

      cavolo quanto è vero! Goditela e vivitela al massimo. Così non potrai avere rimpianti :) 

    4. londoncalling6

      londoncalling6

      i miei occhi brillano

  16. IMPORTANTE DOVER SOTTOLINEARE QUESTO BELLISSIMO MONOLOGO DI MATTIA TORRE

     

     

    È tipico di questo Paese: è sempre colpa di un altro. È sempre colpa di quello che veniva prima, di quello ha fatto il lavoro prima. Se cambi dentista, quello ti visita e fa la faccia angosciata, ché tu vorresti morire. E lui ti dice: guardi, io non parlo mai male dei colleghi, qui hanno combinato un disastro, guarda che roba. Non hai la scienza per contraddirlo, e il problema non si pone perché hai i ferri in bocca, per cui ti sottometti e paghi 1200 euro. Stessa cosa se ti si rompe il motorino e lo porti dal meccanico. Quello guarda il motore e si mette e ridere: “Ma chi ce l’ha messe le mani qua?”. Stessa cosa l’idraulico, che ti dice che quello prima ha creato, apposta, il calcare, ed è tutto da rifare. Stessa cosa col muratore, che accusa quello che c’era prima di aver usato materiali scadenti e in disuso per risparmiare sulle spese. Stessa cosa col governo appena insediato. Trova un buco di mille miliardi di debito lasciato dal governo precedente. E al precedente governo non sta bene che si dica così: allora accusa il governo precedente ancora. Che a sua volta accusa il precedente. Fino a risalire a un governo talmente indietro nel tempo che ormai sono tutti morti. E che pure nelle tombe bofonchiano. Tutto il paese va avanti in un susseguirsi di truffe di cui è responsabile sempre quello di prima. O quello prima ancora. E mai di chi la fa in quel momento. E questa è una piccola magia tutta italiana: milioni di cittadini e nessuno ha una sola responsabilità. È una grande catena di S. Antonio, è impossibile capire da ove provenga la fregatura. Nel frattempo si è sviluppata un'intera comunità di persone fintamente affrante per disastri commessi da altri ma subito pronte, se ben retribuite, a riparare il danno. "Qui ci proviamo, i miracoli non li facciamo". Il miracolo è la catena stessa, per cui già da domani altri interverranno sulla lavatrice, sul motorino, sul premolare o sul governo e ancora una volta: "Qua è tutto da rifare. Colpa di altri, noi ci proviamo. Speriamo bene"

     

    1. beautifullmind0

      beautifullmind0

      fantastico! 

    2. londoncalling6

      londoncalling6

      che meraviglia!

  17. IN QUESTO GIORNO SPECIALE CI VUOLE PROPRIO,,,,

     

     

    1. fleurdelys00

      fleurdelys00

      magnifico!

    2. beautifullmind0

      beautifullmind0

      Amo la loro ironia! 

    3. londoncalling6

      londoncalling6

      spaccavano!

  18. RAGAZZIIIIIIIIIIIIIII VI SONO MANCATA ????

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. beautifullmind0

      beautifullmind0

      certo che sì! Bentornata! :) 

    3. unacomete89
    4. fleurdelys00

      fleurdelys00

      tanto! sono felice che sei tornata!

  19. Quando vedo il mondo oggi.. | BESTI.it - immagini divertenti, foto,  barzellette, video nel 2020 | Immagini divertenti, Immagini, Divertente

  20. Le storie d'amore nella letteratura: Jane Austen e Tom Lefroy

    Sono in molti a sostenere che l'amore platonico tra Jane Austen e Tom Lefroy sia stato alla base dei romanzi della scrittrice. Durante le feste di Natale del 1795, i due si conoscono a Steventon. Tom, suo coetaneo, è ospite dagli zii a Ashe, paesino vicino: il flirt tra i due è confermato da diverse lettere scritte dall'autrice in quel periodo. Dopo pochi giorni, tuttavia, Tom torna a Londra e per non rivedere mai più la Austen, provocando in lei uno struggimento infinito. Un sentimento solo sfiorato ma non per questo fasullo, tanto che Tom Lefroy scelse per una delle proprie figlie il nome Jane: ciò lascia intendere quanto, seppur mai sbocciato, questo sia stato uno degli amori più leggendari nella storia della letteratura.

    LA VERITÀ SULLA STORIA D'AMORE TRA JANE AUSTEN E TOM LEFROY | Fondazione  Circolo dei lettoriLe storie d'amore nell'arte: Amedeo Modigliani e Jeanne Hébuterne 

     Una storia d'amore struggente, passionale, drammatica quella tra Amedeo Modigliani e Jeanne Hébuterne. Lui, bellissimo e affascinante, lei, giovanissima e paziente. Il pittore dei colli allungati, vedendo gli occhi azzurri e magnetici di Jeanne, ne resta incantato: comincia, così, la loro relazione, non accettata dalla famiglia Hébuterne, cattolica e conservatrice. Lei, con quello sguardo malinconico e perso, diventa la sua musa assoluta. Nonostante i continui tradimenti del pittore, Jeanne sopporta tutto con remissiva accettazione. Nonostante la fame, i soldi che mancano, la dipendenza dall'alcol di Modì, i due mettono al mondo una figlia, Jeanne Modigliani. Ma è proprio quando il pittore decide di chiedere in sposa la sua amata che egli si ammala gravemente: spira, dopo una lenta agonia, a causa di una meningite tubercolare. Hébuterne si dimostra fedele al suo amore fino all'ultimo, estremo gesto: si getta, incinta di nove mesi, dal 5 piano della casa dei suoi genitori. È il 26 gennaio 1920 e solo nel 1930 le verrà concesso di riposare accanto ad Amedeo Modigliani.

    7 Coppie di artisti, amore e arte: fra passione, gelosia e infedeltà |  CaffèBook | Ritratti, Artisti, Arte
    Le storie d'amore nella letteratura: Jean-Paul Sartre e Simone de Beauvoir

    La storia d'amore di Jean-Paul Sartre e Simone de Beauvoir è l'incontro tra due anime tanto solitarie quanto geniali. Conosciutosi alla Sorbona di Parigi, da subito tra loro nasce un indossolubile legame sentimentale. Lei, amante della solitudine, lui, diffidente nei confronti degli altri e con un continuo senso di inadeguadetezza per i suoi difetti fisici, si amano per tutta la loro vita senza mai né unirsi in matrimonio né avere figli. Il loro amore è stato parallelo a altre relazioni di entrambi, con un sentimento che è andato oltre il tradimento. Sartre e de Beauvoir, scomparsi rispettivamente a 75 e 78 anni, sono sepolti insieme a Montparnasse. image.jpeg.54635d1ccf60129dafb43470b8d964e9.jpeg

    Le storie d'amore nell'arte: Gustav Klimt ed Emile Flöge

    Della relazione tra Gustav Klimt ed Emile Flöge, sua musa, non si hanno prove concrete. Tuttavia, sono numerosi i sostenitori della tesi che i due fossero amanti: leggenda vuole che siano proprio loro la coppia immortalata ne Il bacio, una delle opere più conosciute dell'artista. Klimt amava dire: "Provo timore e rispetto di fronte al vero amore" e forse è proprio per questo che si ha una versione certa della storia. Sta di fatto che dalle lettere, cartoline e annotazioni tra i due emerge un rapporto intimo, profondo. E nonostante Klimt abbia avuto moltissime relazioni, tanto che si dice abbia avuto tra i 6 e i 14 figli illegittimi, Emile è stata con lui per tutta la vita. 
    image.jpeg.88d00afa7623a91863a9d1f24e95a41b.jpeg

     

    1. karma19580

      karma19580

      Interessante!

  21. in ricordo di te,,,,,

     

    1. karma19580

      karma19580

      Una icona del cinema italiano :x

  22. E VERO,,,,,

    viviamo un periodo cosi,  di pura e sacrosanta  confusione, ,,,beh ma la vita senza confusione cos e ?? quindi , perché farcela mancare ,,,,il brodo senza sedano ,cipolla e patate non ha sapore.

    Nella vita tutti abbiamo avuto una crisi, quindi e giusto legittimare  che l Italia e il mondo intero possa viverne una ??non credete,,,,,,,,, io direi di si,,,,

     

    UNA VOSTRA  CRISI PERSONALE QUAL E STATA ??

    1. unacomete89

      unacomete89

      Edvard Munch: il senso tragico dell´esistenza

    2. karma19580

      karma19580

      Beh magari se non veniva era meglio :(

  23. la crisi è la migliore benedizione che può arrivare a persone e nazioni, perché la crisi porta progress. La creatività nasce dalle difficoltà nello stesso modo in cui il giorno nasce dalla notte oscura. È dalla crisi che nascono l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi attribuisce alla crisi i propri insuccessi inibisce il proprio talento e ha più rispetto dei problemi che delle soluzioni. La vera crisi è la crisi dell’incompetenza. Senza crisi non ci sono sfide e senza sfida la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non ci sono meriti. È dalla crisi che affiora il meglio di ciascuno, poiché senza crisi sfuggiamo alle nostre responsabilità e quindi non maturiamo. Dobbiamo invece lavorare duro per evitare l’unica crisi che ci minaccia: la tragedia di non voler lottare per superarla”.

    1. karma19580

      karma19580

      Sono d'accordo, un pensiero profondo!

  24.  

  25. Che cos’è che in aria vola?
    C’è qualcosa che non so?
    Come mai non si va a scuola?
    Ora ne parliamo un po’.

    Virus porta la corona,
    ma di certo non è un re,
    e nemmeno una persona:
    ma allora, che cos’è?

    È un tipaccio piccolino,
    così piccolo che proprio,
    per vederlo da vicino,
    devi avere il microscopio.

    È un tipetto velenoso,
    che mai fermo se ne sta:
    invadente e dispettoso,
    vuol andarsene qua e là.

    È invisibile e leggero
    e, pericolosamente,
    microscopico guerriero,
    vuole entrare nella gente.

    Ma la gente siamo noi,
    io, te, e tutte le persone:
    ma io posso, e anche tu puoi,
    lasciar fuori quel briccone.

    Se ti scappa uno starnuto,
    starnutisci nel tuo braccio:
    stoppa il volo di quel bruto:
    tu lo fai, e anch’io lo faccio.

    Quando esci, appena torni,
    va’ a lavare le tue mani:
    ogni volta, tutti i giorni,
    non solo oggi, anche domani.

    Lava con acqua e sapone,
    lava a lungo, e con cura,
    e così, se c’ è, il birbone
    va giù con la sciacquatura.

    Non toccare, con le dita,
    la tua bocca, il naso, gli occhi:
    non che sia cosa proibita,
    però è meglio che non tocchi.

    Quando incontri della gente,
    rimanete un po’ lontani:
    si può stare allegramente
    senza stringersi le mani.

    Baci e abbracci? Non li dare:
    finché è in giro quel tipaccio,
    è prudente rimandare
    ogni bacio e ogni abbraccio.

    C’ è qualcuno mascherato,
    ma non è per Carnevale,
    e non è un bandito armato
    che ti vuol fare del male.

    È una maschera gentile
    per filtrare il suo respiro:
    perché quel tipaccio vile
    se ne vada meno in giro.

    E fin quando quel tipaccio
    se ne va, dannoso, in giro,
    caro amico, sai che faccio?
    io in casa mi ritiro.

    È un’ idea straordinaria,
    dato che è chiusa la scuola,
    fino a che, fuori, nell’aria,
    quel tipaccio gira e vola.

    E gli amici, e i parenti?
    Anche in casa, stando fermo,
    tu li vedi e li senti:
    state insieme sullo schermo.

    Chi si vuole bene, può
    mantenere una distanza:
    baci e abbracci adesso no,
    ma parole in abbondanza.

    Le parole sono doni,
    sono semi da mandare,
    perché sono semi buoni,
    a chi noi vogliamo amare.

    Io, tu, e tutta la gente,
    con prudenza e attenzione,
    batteremo certamente
    l’antipatico birbone.

    E magari, quando avremo
    superato questa prova,
    tutti insieme impareremo
    una vita saggia e nuova.