• Donna
  • 31 anni
  • Ultima Visita

Contenuti pubblicati da unacomete89

  1. IMPORTANTE DOVER SOTTOLINEARE QUESTO BELLISSIMO MONOLOGO DI MATTIA TORRE

     

     

    È tipico di questo Paese: è sempre colpa di un altro. È sempre colpa di quello che veniva prima, di quello ha fatto il lavoro prima. Se cambi dentista, quello ti visita e fa la faccia angosciata, ché tu vorresti morire. E lui ti dice: guardi, io non parlo mai male dei colleghi, qui hanno combinato un disastro, guarda che roba. Non hai la scienza per contraddirlo, e il problema non si pone perché hai i ferri in bocca, per cui ti sottometti e paghi 1200 euro. Stessa cosa se ti si rompe il motorino e lo porti dal meccanico. Quello guarda il motore e si mette e ridere: “Ma chi ce l’ha messe le mani qua?”. Stessa cosa l’idraulico, che ti dice che quello prima ha creato, apposta, il calcare, ed è tutto da rifare. Stessa cosa col muratore, che accusa quello che c’era prima di aver usato materiali scadenti e in disuso per risparmiare sulle spese. Stessa cosa col governo appena insediato. Trova un buco di mille miliardi di debito lasciato dal governo precedente. E al precedente governo non sta bene che si dica così: allora accusa il governo precedente ancora. Che a sua volta accusa il precedente. Fino a risalire a un governo talmente indietro nel tempo che ormai sono tutti morti. E che pure nelle tombe bofonchiano. Tutto il paese va avanti in un susseguirsi di truffe di cui è responsabile sempre quello di prima. O quello prima ancora. E mai di chi la fa in quel momento. E questa è una piccola magia tutta italiana: milioni di cittadini e nessuno ha una sola responsabilità. È una grande catena di S. Antonio, è impossibile capire da ove provenga la fregatura. Nel frattempo si è sviluppata un'intera comunità di persone fintamente affrante per disastri commessi da altri ma subito pronte, se ben retribuite, a riparare il danno. "Qui ci proviamo, i miracoli non li facciamo". Il miracolo è la catena stessa, per cui già da domani altri interverranno sulla lavatrice, sul motorino, sul premolare o sul governo e ancora una volta: "Qua è tutto da rifare. Colpa di altri, noi ci proviamo. Speriamo bene"

     

  2. IN QUESTO GIORNO SPECIALE CI VUOLE PROPRIO,,,,

     

     

  3. RAGAZZIIIIIIIIIIIIIII VI SONO MANCATA ????

  4. Quando vedo il mondo oggi.. | BESTI.it - immagini divertenti, foto,  barzellette, video nel 2020 | Immagini divertenti, Immagini, Divertente

  5. Le storie d'amore nella letteratura: Jane Austen e Tom Lefroy

    Sono in molti a sostenere che l'amore platonico tra Jane Austen e Tom Lefroy sia stato alla base dei romanzi della scrittrice. Durante le feste di Natale del 1795, i due si conoscono a Steventon. Tom, suo coetaneo, è ospite dagli zii a Ashe, paesino vicino: il flirt tra i due è confermato da diverse lettere scritte dall'autrice in quel periodo. Dopo pochi giorni, tuttavia, Tom torna a Londra e per non rivedere mai più la Austen, provocando in lei uno struggimento infinito. Un sentimento solo sfiorato ma non per questo fasullo, tanto che Tom Lefroy scelse per una delle proprie figlie il nome Jane: ciò lascia intendere quanto, seppur mai sbocciato, questo sia stato uno degli amori più leggendari nella storia della letteratura.

    LA VERITÀ SULLA STORIA D'AMORE TRA JANE AUSTEN E TOM LEFROY | Fondazione  Circolo dei lettoriLe storie d'amore nell'arte: Amedeo Modigliani e Jeanne Hébuterne 

     Una storia d'amore struggente, passionale, drammatica quella tra Amedeo Modigliani e Jeanne Hébuterne. Lui, bellissimo e affascinante, lei, giovanissima e paziente. Il pittore dei colli allungati, vedendo gli occhi azzurri e magnetici di Jeanne, ne resta incantato: comincia, così, la loro relazione, non accettata dalla famiglia Hébuterne, cattolica e conservatrice. Lei, con quello sguardo malinconico e perso, diventa la sua musa assoluta. Nonostante i continui tradimenti del pittore, Jeanne sopporta tutto con remissiva accettazione. Nonostante la fame, i soldi che mancano, la dipendenza dall'alcol di Modì, i due mettono al mondo una figlia, Jeanne Modigliani. Ma è proprio quando il pittore decide di chiedere in sposa la sua amata che egli si ammala gravemente: spira, dopo una lenta agonia, a causa di una meningite tubercolare. Hébuterne si dimostra fedele al suo amore fino all'ultimo, estremo gesto: si getta, incinta di nove mesi, dal 5 piano della casa dei suoi genitori. È il 26 gennaio 1920 e solo nel 1930 le verrà concesso di riposare accanto ad Amedeo Modigliani.

    7 Coppie di artisti, amore e arte: fra passione, gelosia e infedeltà |  CaffèBook | Ritratti, Artisti, Arte
    Le storie d'amore nella letteratura: Jean-Paul Sartre e Simone de Beauvoir

    La storia d'amore di Jean-Paul Sartre e Simone de Beauvoir è l'incontro tra due anime tanto solitarie quanto geniali. Conosciutosi alla Sorbona di Parigi, da subito tra loro nasce un indossolubile legame sentimentale. Lei, amante della solitudine, lui, diffidente nei confronti degli altri e con un continuo senso di inadeguadetezza per i suoi difetti fisici, si amano per tutta la loro vita senza mai né unirsi in matrimonio né avere figli. Il loro amore è stato parallelo a altre relazioni di entrambi, con un sentimento che è andato oltre il tradimento. Sartre e de Beauvoir, scomparsi rispettivamente a 75 e 78 anni, sono sepolti insieme a Montparnasse. image.jpeg.54635d1ccf60129dafb43470b8d964e9.jpeg

    Le storie d'amore nell'arte: Gustav Klimt ed Emile Flöge

    Della relazione tra Gustav Klimt ed Emile Flöge, sua musa, non si hanno prove concrete. Tuttavia, sono numerosi i sostenitori della tesi che i due fossero amanti: leggenda vuole che siano proprio loro la coppia immortalata ne Il bacio, una delle opere più conosciute dell'artista. Klimt amava dire: "Provo timore e rispetto di fronte al vero amore" e forse è proprio per questo che si ha una versione certa della storia. Sta di fatto che dalle lettere, cartoline e annotazioni tra i due emerge un rapporto intimo, profondo. E nonostante Klimt abbia avuto moltissime relazioni, tanto che si dice abbia avuto tra i 6 e i 14 figli illegittimi, Emile è stata con lui per tutta la vita. 
    image.jpeg.88d00afa7623a91863a9d1f24e95a41b.jpeg

     

    1. karma19580

      karma19580

      Interessante!

  6. in ricordo di te,,,,,

     

    1. karma19580

      karma19580

      Una icona del cinema italiano :x

  7. E VERO,,,,,

    viviamo un periodo cosi,  di pura e sacrosanta  confusione, ,,,beh ma la vita senza confusione cos e ?? quindi , perché farcela mancare ,,,,il brodo senza sedano ,cipolla e patate non ha sapore.

    Nella vita tutti abbiamo avuto una crisi, quindi e giusto legittimare  che l Italia e il mondo intero possa viverne una ??non credete,,,,,,,,, io direi di si,,,,

     

    UNA VOSTRA  CRISI PERSONALE QUAL E STATA ??

    1. unacomete89
    2. karma19580

      karma19580

      Beh magari se non veniva era meglio :(

  8. la crisi è la migliore benedizione che può arrivare a persone e nazioni, perché la crisi porta progress. La creatività nasce dalle difficoltà nello stesso modo in cui il giorno nasce dalla notte oscura. È dalla crisi che nascono l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi attribuisce alla crisi i propri insuccessi inibisce il proprio talento e ha più rispetto dei problemi che delle soluzioni. La vera crisi è la crisi dell’incompetenza. Senza crisi non ci sono sfide e senza sfida la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non ci sono meriti. È dalla crisi che affiora il meglio di ciascuno, poiché senza crisi sfuggiamo alle nostre responsabilità e quindi non maturiamo. Dobbiamo invece lavorare duro per evitare l’unica crisi che ci minaccia: la tragedia di non voler lottare per superarla”.

    1. karma19580

      karma19580

      Sono d'accordo, un pensiero profondo!

  9.  

  10. Che cos’è che in aria vola?
    C’è qualcosa che non so?
    Come mai non si va a scuola?
    Ora ne parliamo un po’.

    Virus porta la corona,
    ma di certo non è un re,
    e nemmeno una persona:
    ma allora, che cos’è?

    È un tipaccio piccolino,
    così piccolo che proprio,
    per vederlo da vicino,
    devi avere il microscopio.

    È un tipetto velenoso,
    che mai fermo se ne sta:
    invadente e dispettoso,
    vuol andarsene qua e là.

    È invisibile e leggero
    e, pericolosamente,
    microscopico guerriero,
    vuole entrare nella gente.

    Ma la gente siamo noi,
    io, te, e tutte le persone:
    ma io posso, e anche tu puoi,
    lasciar fuori quel briccone.

    Se ti scappa uno starnuto,
    starnutisci nel tuo braccio:
    stoppa il volo di quel bruto:
    tu lo fai, e anch’io lo faccio.

    Quando esci, appena torni,
    va’ a lavare le tue mani:
    ogni volta, tutti i giorni,
    non solo oggi, anche domani.

    Lava con acqua e sapone,
    lava a lungo, e con cura,
    e così, se c’ è, il birbone
    va giù con la sciacquatura.

    Non toccare, con le dita,
    la tua bocca, il naso, gli occhi:
    non che sia cosa proibita,
    però è meglio che non tocchi.

    Quando incontri della gente,
    rimanete un po’ lontani:
    si può stare allegramente
    senza stringersi le mani.

    Baci e abbracci? Non li dare:
    finché è in giro quel tipaccio,
    è prudente rimandare
    ogni bacio e ogni abbraccio.

    C’ è qualcuno mascherato,
    ma non è per Carnevale,
    e non è un bandito armato
    che ti vuol fare del male.

    È una maschera gentile
    per filtrare il suo respiro:
    perché quel tipaccio vile
    se ne vada meno in giro.

    E fin quando quel tipaccio
    se ne va, dannoso, in giro,
    caro amico, sai che faccio?
    io in casa mi ritiro.

    È un’ idea straordinaria,
    dato che è chiusa la scuola,
    fino a che, fuori, nell’aria,
    quel tipaccio gira e vola.

    E gli amici, e i parenti?
    Anche in casa, stando fermo,
    tu li vedi e li senti:
    state insieme sullo schermo.

    Chi si vuole bene, può
    mantenere una distanza:
    baci e abbracci adesso no,
    ma parole in abbondanza.

    Le parole sono doni,
    sono semi da mandare,
    perché sono semi buoni,
    a chi noi vogliamo amare.

    Io, tu, e tutta la gente,
    con prudenza e attenzione,
    batteremo certamente
    l’antipatico birbone.

    E magari, quando avremo
    superato questa prova,
    tutti insieme impareremo
    una vita saggia e nuova.

  11. “Ci sono due modi di vivere la vita.

    Uno è pensare che niente è un miracolo.

    L’altro è pensare che ogni cosa è un miracolo.”

    Albert Einstein

    Cosa possiamo imparare da uno scienziato che non ha mai smesso di seguire il proprio cuore e le proprie passioni?

    Da un uomo che ha saputo guardare sempre il mondo con l’irrefrenabile curiosità di un bambino?

    Da una persona che ha saputo rivoluzionarlo, il mondo, grazie al potere della sua immaginazione?

    Beh qualcosina forse possiamo imparare 😉

    Ecco le più celebri frasi di Einstein e 10 Straordinarie Lezioni che possono davvero rivoluzionare la tua vita.

    Einstein Frasi:
    #1. Segui la tua curiosità
     “Non ho particolari talenti, sono solo appassionatamente curioso.”

    La curiosità è il motore della tua immaginazione.

    Non aver paura di chiedere e chiedere ancora, la curiosità ti aiuterà a risolvere problemi, aprire nuove porte e creare relazioni migliori.

    Poni domande a te stesso, scuoti i tuoi vecchi pensieri e credenze, scopri i tuoi desideri più profondi e comincia a cambiare.

    Stupisci te stesso e gli altri perché…

    “Chi non riesce più a provare stupore e meraviglia è già come morto e i suoi occhi sono incapaci di vedere.” 

    Tu vedi il mondo che è dentro di te. Rendilo meraviglioso.

    #2. L’intelligenza è relativa, la perseveranza non ha prezzo
    “Ognuno è un genio. Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi lui passerà tutta la sua vita a credersi stupido.”

    Qual è il tuo dono unico? Qual è il tuo talento?

    Scoprilo e coltivalo.

    Dimentica quando ti hanno detto che non “eri bravo abbastanza”, o consolati, l’hanno detto anche ad Einstein 😉

    Del resto è un’altra cosa quella che conta davvero.

    “Non è che io sia così intelligente, è solo che rimango con i problemi più a lungo.”

    Se hai un sogno, affronterai degli ostacoli, ma sarà la determinazione nel non mollare che farà tutta la differenza tra il fallimento ed il successo.

    Perché ricorda, finché ci provi, non può esistere il fallimento.

    Nutri il tuo sogno, mantieni un atteggiamento positivo, sii focalizzato nei piccoli passi di ogni giorno e rialzati sempre quella volta in più.

    “Continua a piantare i tuoi semi, perché non saprai mai quali cresceranno – forse lo faranno tutti.”

    #3. Esiste solo il presente, vivi il momento
    “Se un uomo riesce a guidare in modo sicuro mentre bacia una bella ragazza, semplicemente non sta dando al bacio l’attenzione che merita.”

    Splendido esempio per sottolineare l‘importanza del focalizzarsi sul presente (ecco magari non provare a farlo proprio durante la guida 😛 )

    Quando la nostra mente è piena di pensieri, rimugina sul passato o è preoccupata del futuro, rischiamo di perderci quell’attimo magico. Quel momento. Quello presente.

    Apprezza ogni istante, goditi un’alba, perditi in un abbraccio e gusta il cibo.

    Sentirai un’immensa sensazione di pace e gioia profonda.

    E non preoccuparti troppo di quel che sarà…

    “Non penso mai al futuro, arriva così presto.”

    Il presente è tutto ciò che hai.

    #4. L’Immaginazione è tutto
     “L’immaginazione è tutto. È l’anteprima delle attrazioni che il futuro ci riserva.

    L’immaginazione è più importante della conoscenza.”

    Puoi rivoluzionare la tua vita con il potere dell’immaginazione.

    Prendi l’esempio di Walt Disney, il maestro per eccellenza dell’immaginazione.

    Tutto nacque mentre fantasticava sul un topolino che girava per la sua fattoria.

    Da quel topolino è nato “Mickey Mouse”, il resto è storia.

    Perché in fondo… “La logica ti porta da a a b. L’immaginazione ti porta ovunque.”

    Ecco un consiglio di Einstein per realizzare i tuoi sogni: “Semplicemente immagina che sia così, poi cerca di provarlo.”

    #5. Sbaglia il più possibile
     “Chi non ha mai commesso un errore non ha mai sperimentato nulla di nuovo.”

    Gli errori costellano la strada del successo e della realizzazione personale, specialmente quando i tuoi sogni ne valgono davvero la pena.

    È vero, possono essere duri da digerire e fare male in un primo momento, ma sono lì per insegnarti qualcosa e per dimostrare a te stesso che ci tieni davvero.

    Del resto, cosa mai è stato realizzato senza aver fallito prima un centinaio di volte 😉 ?

    Finché ci proverai con tutto te stesso, la parola fallimento non esisterà.

    #6. Impossibile? Non conosco questa parola
    “Chi dice che è impossibile, non dovrebbe disturbare chi ce la sta facendo.”

    Non ascoltare troppo gli altri, soprattutto quando cercano di importi i loro pensieri e le loro scuse e giustificazioni.

    Vai incontro al tuo sogno con un sorriso determinato e non smettere mai di credere in te stesso e nelle tue passioni.

    Del resto…

    “I grandi spiriti hanno sempre incontrato l’opposizione violenta delle menti mediocri.”

    #7. Crea Valore
    “Non cercare di diventare una persona di successo, ma piuttosto una persona di valore.”

    Qual è la tua definizione personale di successo?

    Cosa renderà la tua vita una vita di successo?

    Ecco le domande da chiedere a te stesso.

    Ognuno di noi ha la propria definizione personale.

    Potrebbe essere crescere i tuoi figli in modo sano e felice, avere relazioni significative e profonde, essere autentico a te stesso, scrivere un libro, creare una carriera appassionante o essere in forma.

    Qualsiasi sia la tua, è lì che devi mettere la tua attenzione, perché lo sai, quello in cui ti focalizzi acquista valore e forza.

    #8. Esci dalla tua zona di comfort
    “Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose.
    La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi.

    La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura.
    È nella crisi che sorge l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie.

    Chi supera la crisi supera se stesso senza essere “Superato”.

    Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e difficoltà, violenta il suo stesso talento e dà più valore ai problemi che alle soluzioni.

    Senza la crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia.
    Senza crisi non c’è merito.

    È nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perché senza crisi tutti i venti sono solo lieve brezze.

    Finiamola una volta per tutte con l’unica crisi pericolosa,
    che è la tragedia di non voler lottare per superarla.”

    Questa frase non ha bisogno di alcun commento.

    Prendi consapevolezza di cosa non sta funzionando, apriti a nuove prospettive, chiediti cosa puoi fare, tu, qui ed ora, e agisci al meglio di ciò che sei.

    #9. La conoscenza viene dall’esperienza
    “L’informazione non è conoscenza.

    La sola fonte di conoscenza è l’esperienza.”

    Leggere libri, fare corsi, studiare è importantissimo, ma sarà sempre l’esperienza a insegnarti le lezioni migliori, quelle che non scorderai più.

    Agisci, metti in pratica, cadi, impara la lezione e rialzati.

    La tua vita è già piena di esperienze uniche, usale per fare la differenza!

    #10. Impara le regole, poi fai il tuo gioco
    “Devi imparare le regole del gioco.

    E poi devi giocarci meglio di chiunque altro.”

    Ecco il segreto dell’eccellenza. Trova la tua passione, ciò che ti fa battere il cuore e impara tutto quello che puoi. Leggi, studia gli atteggiamenti delle persone che hanno già avuto successo in quel campo, rifletti su come applicarlo al meglio e poi supera te stesso.

    Quando sei determinato e focalizzato nel realizzare ciò che desideri, niente e nessuno potrà fermarti.

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. tacchialti94

      tacchialti94

      tante belle parole!

    3. ciribi72

      ciribi72

      è bello leggere così tant eparole, fa bene all'anima!

    4. fleurdelys00

      fleurdelys00

      Io sono una che vive pensando che ogni cosa sia un miracolo! così si apprezza davvero la vita! 

  12. “Un giorno un professore, stava tenendo una lezione all’università. Gli
    studenti erano tutti attratti dalle sue parole, e quando il professore prese
    un bicchiere e lo riempì per metà d’acqua, tutti si aspettavano che egli
    facesse la classica domanda: ”Mezzo pieno o mezzo vuoto?” Invece…
    il prof. prese il bicchiere e chiese: ”Quanto pesa?”
    Uno studente rispose:”300-400 grammi”
    Il professore lo guardò con intensità negli occhi e gli rispose: ”Dipende da
    quanto tempo lo tengo in mano, se lo tengo per pochi secondi non è un
    problema…se lo tengo per qualche ora avrò un braccio indolenzito e
    sentirò dolore, se lo tengo una giornata intera avrò il braccio
    paralizzato…ma il peso del bicchiere non cambia è sempre lo stesso”
    Questa riflessione spiazzò gli studenti che ora pendevano tutti dalle
    labbra del professore, che con totale sicurezza continuò:” Tutte le
    preoccupazioni, i dubbi, le lamentele e i pensieri negativi che nutrite nella
    vita hanno delle conseguenze…se le alimentate per poco non è un
    problema ma se le alimentate un po’ più a lungo inizieranno a paralizzarvi
    e a bloccarvi, ricordate di posare il bicchiere”

  13. “La vita offre più dolori che gioie e, nell’intervallo fra il pianto e il riso, c’è la grigia quotidianità, con tutti i suoi problemi.”

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. tacchialti94

      tacchialti94

      daaai positività!!

    3. ciribi72

      ciribi72

      dipende sempre da come prendi questi "dolori"

    4. fleurdelys00

      fleurdelys00

      ed è il bello della vita! e poi sta a te decidere come prenderla.. se con un sorriso nonostante tutto oppure no :) 

  14. “Perché le donne si complicano e ci complicano la vita? Perché sono più sensibili, perché colgono le sfumature"

  15. UN SALUTO E UN ABBRACCIO,,,,,A TE GIGI

     

    1. tacchialti94

      tacchialti94

      me li sto riguardando tutti!

  16. VICTOR HUGO, L'uomo e la donna.

    L'uomo è la più elevata delle creature.
    La donna è il più sublime degli ideali.
    Dio fece per l'uomo un trono, per la donna un altare.
    Il trono esalta, l'altare santifica.

    L'uomo è il cervello. La donna il cuore.
    Il cervello fabbrica luce, il cuore produce amore.
    La luce feconda, l'amore resuscita.
    L'uomo è forte per la ragione.
    La donna è invincibile per le lacrime.
    La ragione convince, le lacrime commuovono.

    L'uomo è capace di tutti gli eroismi.
    La donna di tutti i martìri.
    L'eroismo nobilita, il martirio sublima.
    L'uomo ha la supremazia.
    La donna la preferenza.
    La supremazia significa forza;
    la preferenza rappresenta il diritto.

    L'uomo è un genio. La donna un angelo.
    Il genio è incommensurabile;
    l'angelo indefinibile.
    L'aspirazione dell'uomo è la gloria suprema.
    L'aspirazione della donna è la virtù estrema.
    La gloria rende tutto grande; la virtù rende tutto divino.

    L'uomo è un codice. La donna un vangelo.
    Il codice corregge, il vangelo perfeziona.
    L'uomo pensa. La donna sogna.
    Pensare è avere il cranio di una larva;
    sognare è avere sulla fronte un'aureola.

    L'uomo è un oceano. La donna un lago.
    L'oceano ha la perla che adorna;
    il lago la poesia che abbaglia.
    L'uomo è l'aquila che vola.
    La donna è l'usignolo che canta.
    Volare è dominare lo spazio;
    cantare è conquistare l'Anima.

    L'uomo è un tempio. La donna il sacrario.
    Dinanzi al tempio ci scopriamo;
    davanti al sacrario ci inginocchiamo. Infine:
    l'uomo si trova dove termina la terra,
    la donna dove comincia il cielo.

     
     
    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. ciribi72

      ciribi72

      wow.. bellissima davvero! 

    3. daliahnera

      daliahnera

      E qui si vede tutto il tuo romanticismo :) Bellissima! 

    4. lullabyblue0

      lullabyblue0

      Mooooolto bella :) 

  17. Un anno prima della sua morte, lo scrittore Franz Kafka visse un’esperienza davvero insolita. Mentre passeggiava al parco Steglitz com’era solito fare tutti i giorni, incontrò una bambina che piangeva disperata: aveva perso la sua bambola.

    Elsi, questo il nome della bambina, era in lacrime, voleva la sua Brigida persa non si sa dove. Kafka rimase molto colpito dal modo in cui la piccola si disperava e dall’intensità del suo dolore, così si offrì di aiutarla a ritrovarla. Purtroppo le cose non andarono come sperava, la bambola non fu trovata, ma lui si inventò un modo singolare per consolare la bambina. In segreto scrisse una lettera e disse alla piccola che era proprio da parte della sua amata bambola.Brigida era partita per un viaggio, ma lei era stata fortunata, perché lui era il postino delle bambole.

    “Per favore non piangere, sono partita in viaggio per vedere il mondo, ti riscriverò raccontandoti le mie avventure”, diceva la lettera. Seguiva poi un bellissimo racconto di avventure immaginarie, di viaggi e di fantasia. Elsi leggendo quelle parole suggestive che la rimandavano a luoghi lontani, si sentì immediatamente consolata. Alla fine lo scrittore le regalò una nuova bambola, chiaramente diversa da quella perduta. Ma il suo aspetto diverso venne giustificato da un biglietto: “I miei viaggi mi hanno cambiata”.

    Qualche anno dopo, la bambina trovò un biglietto proprio dentro la sua bambola che diceva: ‘ogni cosa che tu ami è molto probabile che tu la perderai, però alla fine l’amore muterà in una forma diversa’.

    Questa storia talmente bella da non sembrare vera, fu raccontata da Dora Diamant, la compagna di Kafka, poi diventata un libro ‘Kafka e la bambola viaggiatrice’ e una trasposizione televisiva e racchiude un ponte di incontro tra il mondo degli adulti e quello dei bambini.

    Proprio nelle pagine del libro di Jordi Sierra i Fabra si legge il racconto di Dora:

    “Quando eravamo a Berlino, Kafka andava spesso allo Steglitzer Park. Talvolta lo accompagnavo. Un giorno incontrammo una bambina, che piangeva e sembrava disperata. Le parlammo. Franz le chiese che cosa le fosse successo e venimmo a sapere che aveva perso la sua bambola. Subito lui si inventò una storia plausibile per spiegare la sparizione. “La tua bambola sta solo facendo un viaggio, io lo so, mi ha scritto una lettera”. La bambina era un po’ diffidente: “Ce l’hai con te?” “No, l’ho lasciata a casa, ma domani te la porto”. La bambina, incuriosita, aveva già quasi scordato le sue preoccupazioni, e Franz se ne tornò subito a casa, per scrivere la lettera.

    Si mise al lavoro in tutta serietà, come si trattasse della creazione di un’opera. Era nella stessa condizione di tensione in cui si trovava non appena si sedeva alla scrivania o stava anche solo scrivendo a qualcuno. Tra l’altro, si trattava effettivamente di un vero lavoro, essenziale al pari degli altri, perché la bambina doveva assolutamente essere resa felice e preservata dalla delusione. La menzogna doveva dunque essere trasformata in verità attraverso la verità della finzione. Il giorno successivo portò la lettera alla bambina, che l’attendeva al parco. La bambola spiegava che ne aveva abbastanza di vivere sempre nella stessa famiglia ed esprimeva il desiderio di cambiare un po’ aria, in una parola, voleva separarsi per qualche tempo dalla bambina, cui per altro voleva molto bene. Prometteva tuttavia di scrivere ogni giorno – e Kafka scrisse effettivamente una lettera ogni giorno, raccontando di sempre nuove avventure, le quali, seguendo il particolare ritmo vitale delle bambole, si snodavano in modo rapidissimo.

    Dopo alcuni giorni la bimba aveva scordato la perdita reale del suo giocattolo e pensava solo e semplicemente alla finzione che le era stata offerta come sostituto. Franz scrisse ogni frase di quella sorta di romanzo in modo così accurato e pieno d’umorismo che la situazione della bambola risultava perfettamente comprensibile: era cresciuta, era andata a scuola, aveva conosciuto altre persone. Rassicurava sempre la bimba del suo amore, ma alludeva anche a complicazioni della sua vita, ad altri doveri e altri interessi che, al momento, non le permettevano di riprendere la vita in comune. La piccola veniva pregata di riflettere sulla cosa e veniva così preparata all’inevitabile rinuncia.

    Il gioco durò come minimo tre settimane. Franz aveva una paura terribile al pensiero di come avrebbe potuto finire il tutto. Perché la fine doveva essere una vera fine, vale a dire che doveva consentire all’ordine di sostituire il disordine causato dalla perdita del giocattolo. Cercò a lungo e decise alla fine di far sposare la bambola. Descrisse dapprima il futuro marito, la festa di fidanzamento, i preparativi del matrimonio, poi in ogni dettaglio la casa dei giovani sposi: “Vedi tu stessa che dovremo rinunciare a rivederci in futuro”. Franz aveva risolto il piccolo conflitto di un bambino attraverso l’arte, attraverso il mezzo più efficace di cui disponeva personalmente per riportare ordine nel mondo.”

    1. karma19580

      karma19580

      La conoscevo già, è fantastica  :)

    2. ciribi72

      ciribi72

      Troppo bella :) 

    3. lullabyblue0
  18.  

  19. DOMANDA TENTAZIONE 

     

    Cosa è per voi la MODA,,,,,,chi ha il diritto di dettarla ?? e perché  se si è fuori dai tempi non siamo più ben accetti dalla società ??

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. lullabyblue0

      lullabyblue0

      idem come te Daliah! Mai fatto, in qualsiasi campo

    3. nuncepenza6

      nuncepenza6

      Non credo di essere la persona adatta per rispondere hahahaa

  20.  

    1. daliahnera
    2. tacchialti94

      tacchialti94

      ma che bella! da canticchiara

  21. VOGLIO DEDICARVI QUESTA SERA UN MONOLOGO DI EDUARDO DE FILIPPO,,,,,NELLA COMMEDIA TEATRALE  LA MIA FAMIGLIA   LA REPUTO PERFETTA PER I TEMPI CHE CORRONO,,,,,CHI CONOSCE L OPERA SAPRÀ DI SICURO A COSA IO FACCIA RIFERIMENTO,,,,,,un bacione a tutti

     

    ALBERTO - E pure se parlavo, non era la stessa cosa? Avrei potuto proibire a lui di andare a Parigi? E con quali mezzi? Un padre di oggi, di fronte alla strafottenza dei figli, o parla o è muto, è ‘a stessa cosa. (Puntando l’indice prima verso sua moglie e poi verso i figli) Tu, tu, tu, poco per volta, siete riusciti a farmi rinunciare a qualsiasi diritto, e a farmi sentire libero da qualsiasi dovere. Questo è il momento di parlare! E non ho paura di sembrare uno che voglia infierire contro un disgraziato già caduto in una situazione tragica: le mie parole devono avere per lui il valore che hanno, soprattutto perché vengono da me, che song’ ‘o pate. Se è stato lui che ha commesso il reato, le mie parole, se gli è rimasto tanto di buon senso e di dignità, lo faranno soffrire di più; e peggio per lui! Ma se è innocente, come penso e spero che sia, gli serviranno per l’avvenire. (Un pensiero che lo amareggia gli attraversa la mente. Repentinamente si rivolge a sua figlia, e con durezza l’affronta) Per te no. Per te non ci sono argomenti da smaltire. (Indicando Beppe) Lui, dopo una quindicina d’anni di galera, può rifarsi una vita; tu no! E se te ne vai mi fai piacere. (Rosaria, intimamente ferita, china il capo e lentamente si apparta. Intanto Alberto, dopo un silenzio che gli è servito a mettere un po’ d’ordine nelle sue idee confuse, riprende il filo del suo discorso interrotto) Quando sposai tua madre… lei sta qua, lo può dire… ne parlavamo da fidanzati, anzi, io ne parlavo sempre, lei meno… Volevo dei figli. E infatti venisti tu: il maschio! Mi sentii un Dio. E pensai: “Nun moro cchiù”. Non vedevo più nessuno; non mi occupavo più di tante cose che mi erano sembrate indispensabili fino a quel momento. Dicevo: “Tengo nu figlio… che me mporta d’ ‘o riesto!” Mi sentivo felice perché capivo che, finalmente, potevo riversare su me stesso… perché un figlio è parte di te stesso… tutto l’affetto che mio padre e mia madre avevano riversato su di me, evidentemente con lo stesso sentimento mio. E faticavo, faticavo cu’ na forza e na capacità di resistenza che facevano meraviglia a me stesso. “Nun moro cchiu”. Cammenavo p’ ‘a strada, e parlando solo dicevo: “Nun moro cchiu”. Poi venne il periodo delle malattie; sciocchezze, si capisce, malattie che tutti i bambini devono avere; ma ogni volta avevo l’impressione di tornare a casa e di non trovarti più. E vuoi sapere quali erano i pensieri che mi venivano in mente in quei momenti? Uno dei pensieri che più mi torturava era quello che mi faceva credere che se tu morivi la colpa sarebbe stata mia. Non perché ti avevo fatto mancare qualche cura o qualche specialista; ma perché pensavo: “L’ho messo io al mondo, la colpa è mia!” Tu capisci, allora, che un padre, di fronte a un figlio, la responsabilità se la sente; per quello che deve fare, per come deve vivere quando sarà grande. Che Iddio mi fulmini se una sola volta pensai di fare qualche cosa per costringerti a farti prendere la mia stessa strada, e farti avere il mio stesso avvenire. Perché tu lo devi sapere, questo: nemmeno io sono contento di quello che sono! Io pure, da ragazzo, avevo delle aspirazioni superiori alle mie possibilità. Tua madre lo sa. Scrivevo poesie! Ma poi uno si piega, uno capisce che a certe altezze non ci può arrivare; e, secondo te, non sarebbe stata una gioia per me, di vederti emergere, come non era stato possibile a me? Ecco perché quando venisti al mondo, io dicevo: “Nun moro cchiu”. (Ora la sua espressione diventa amara) Poi venne la seconda: la femmina. Coppia perfetta: maschio e femmina. (Imitando il vocio confuso e festante di un gruppo di amici e parenti invitati nel giorno del battesimo di Rosaria) “Che fortuna! Bene! Bravo! Il maschio e la femmina! Auguri, auguri…” Ma io già mi ero disamorato; già l’entusiasmo non era più quello del primo figlio; già non intervenivo più quando vedevo una cosa sbagliata; già sentivo da molto tempo mia moglie che diceva: “Albe’, ma ti sembra il momento?” come ha detto poco fa. E invece voglio parla’. Può darsi che sono ancora in tempo. (Come per reclamare un suo diritto) Voglio parla’! E voglio dire tutti i luoghi comuni, le frasi più vecchie; non mi vergogno! Voglio citare i proverbi più antichi. L’arta ‘e tata è meza mparata. Chi va per questi mari questi pesci piglia. Chi te ne fa una te ne fa mille. Chi pratica con lo zoppo impara a zoppicare. Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei. Meglio l’uovo oggi che la gallina domani. (Si ferma per un attimo scrutando l’impressione di ognuno, poi chiede bruscamente) E non ridete? Perché non ridete? Io sto dicendo le cose più antiche, e non ridete? Come vedete un passo lo abbiamo fatto: voi mi sentite dire queste cose rancide e non ridete. E io le dico e non mi vergogno… È importante… è importante assai. Questo significa che voi avete tentato di farmi diventare una cosa inutile; ma che non ci siete riusciti; e che io ho creduto di trovarmi di fronte a gente che vedeva con un occhio più aggiornato del mio e non era vero. È importante… è un miracolo!

  22. scovando e riscovando,,,,,mi e caduto l occhio su due lettere d amore del passato,,,,scritte da grandi della storia,,,,mi sono chiesta ma se oggi un uomo tornasse a scrivere una lettera d amore cosa scriverebbe ?????  A VOI LARGA SENTENZA

     

     

    La lettera romantica di Wolfgang Amadeus Mozart a Constanze Weber, 1785

    Oh se avessi una tua lettera già! Se ti raccontassi tutto quello che faccio con il tuo ritratto, certo ti metteresti a ridere. Per esempio, quando lo tiro fuori dalla custodia dico “Buon giorno piccola Constanze, buongiorno birichina, micetta, nasino a punta, bagatella” e quando lo ripongo lo faccio scivolare piano e dico “Be’, be’ be’ be’” ma con l’espressione speciale che questa parola così significativa esige. E alla fine, in fretta, “Buonanotte topolino, dormi bene!”. Credo proprio di aver scritto delle stupidaggini, per gli altri almeno, ma per noi che ci amiamo tanto non è affatto stupido. Sono sei giorni che sono lontano e mi sembra già un anno. Ti bacio milioni di volte tenerissimamente e sono il tuo sposo che ti ama sempre teneramente.

    Eternamente mio, eternamente tua, eternamente nostri; la lettera all’amata di Ludwig van Beethoven, Teplitz, 7 luglio 1812

    Anche a letto i miei pensieri corrono a te, mia amata immortale, lieti talvolta, poi di nuovo tristi, in attesa di sapere se il destino ci esaudirà. Per affrontare la vita, io debbo vivere esclusivamente con te oppure non vederti mai. Sì, ho deciso di errare andando lontano, fino a quando potrò volare fra le tue braccia, dirmi davvero a casa mia da te e, circondato dalle tue braccia, lasciare che la mia anima sia trasportata nel regno degli spiriti beati…

    Sii calma, soltanto considerando con calma la nostra esistenza possiamo raggiungere il nostro scopo che è di vivere assieme – Sii calma – amami – Oggi – ieri – che struggente desiderio, fino alle lacrime, di te – di te – te – vita mia – mio tutto – addio – Oh, continua, continua ad amarmi – non disconoscere mai il fedelissimo cuore del tuo amato.

    Eternamente tuo

    Eternamente mia

    Eternamente uno dell’altro

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. gerbera0

      gerbera0

      wow.. mi piace questo romanticismo così delicato

    3. lullabyblue0

      lullabyblue0

      bellissimo!! 

  23. C’era una volta una lepre che si vantava di correre più veloce di tutti quanti, e ogni volta che poteva prendeva in giro la povera tartaruga, che invece camminava sempre piano piano.
    – Guarda come sei lenta! – le gridava – nel tempo in cui tu fai un passo, io sono già dall’altra parte del bosco!
    La tartaruga non faceva troppo caso alle parole della lepre, e continuava tranquilla per la sua strada.

    Un giorno la lepre era più antipatica del solito, e anche la buona e brava tartaruga alla fine si decise a risponderle.
    – Non vantarti troppo, anche la lepre più veloce del mondo può essere battuta, sai?
    – Ah sì? E da chi mai potrei essere battuta? Vuoi provare a battermi tu?
    – Perché no?! – rispose la tartaruga.
    – Allora ti sfido! – disse la lepre mettendosi a ridere di gusto.

    Il giorno dopo, al mattino presto, i due si incontrano, si misero d’accordo sul percorso da fare e, dopo uno sguardo di sfida, partirono come due missili verso il traguardo.
    Solo che la lepre, dopo un paio di balzi, si rese conto di essere talmente avanti rispetto alla tartaruga che decise di fermarsi: la tartaruga aveva fatto solo pochi centimetri.
    La lepre quindi, vedendo quanto era lenta la sua avversaria, decise di fare un sonnellino, tanto in un paio di balzi l’avrebbe sicuramente ripresa.

    Dopo un po’ si risvegliò di soprassalto: aveva sognato che la tartaruga era già al traguardo! Cercò subito con lo sguardo la sua avversaria ma la vide pochi metri più in là, nemmeno a un terzo del percorso. La lepre si rilassò subito e, certa ormai che la tartaruga non avrebbe mai potuto vincere vista la sua lentezza, pensò di andare a fare uno spuntino.
    Ogni tanto seguiva con lo sguardo la tartaruga, ma era già mezzogiorno e la tartaruga era a poco più di metà del percorso.

  24. La vera felicità è godersi il presente, senza dipendere ansiosamente dal futuro; non è divertirsi con speranze o con paure, ma essere soddisfatti di quello che si ha, che è sufficiente, perché chi è soddisfatto non vuole niente. Le grandi fortune del genere umano sono dentro di noi e alla nostra portata. Un saggio è contento di ciò che ha, di qualsiasi cosa si tratti, senza desiderare ciò che non ha.

    Seneca

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. scompaiomatorno

      scompaiomatorno

      brava! verissimo!! 

    3. nuncepenza6

      nuncepenza6

      quanto sei saggia!! è verissimo! 

    4. gerbera0

      gerbera0

      Concordo in pieno :) 

  25.  

    1. beautifullmind0

      beautifullmind0

      sempre bella :) 

    2. tacchialti94

      tacchialti94

      questa è bellissima! Mi da sempre un sacco di energie positive! 

    3. nuncepenza6

      nuncepenza6

      molto carina anche se un po' inflazionata hahaha