Attività di reputazione

  1. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da lullabyblue0 per l'aggiornamento : Richiami lunari   E mi scopro ogni mattina così dispersiva!… Le troppe cose, ognuna c   
    Richiami lunari
     
    E mi scopro ogni mattina così dispersiva!…
    Le troppe cose, ognuna che tira dalla sua parte.
    Nell’insieme...una sorta di smarrimento…

    E sembra giustificata la domanda che affiora: dove sto andando? Dove voglio andare?

    Una vecchia domanda!

    Insomma: bisogna decidere, cioè tagliare via i molti richiami e scegliere la direzione. Disciplinare le risorse, raccogliere in un disegno unitario, ben orientato, la folla delle spinte… Focalizzarmi su l’obiettivo.

    Ma quale?

    Se tento di rispondere, ritornano in tanti nel mio cervello a chiedere precedenza: premono verso l’uscita come contro uno stretto collo di bottiglia…

    Imbarazzo!

    Allora concludo che ciò che desidero davvero sarebbe non dover decidere, poter seguire la corrente, lasciarmi portare… vedere e gustare mentre le cose accadono, semplicemente essere, volendo quello che avviene e lasciandomi andare. Nessuna pressione a fare, a ordinare, a focalizzare.

    Libertà come non aver niente da fare!

    È un pensiero che resetta la mente e allarga il respiro. Un ampio spazio di “niente da fare” dove poter fare tutto quello che viene voglia di fare, dove essere esattamente quello che sono!

    E se immagino di avere questo grande spazio di libertà, immediatamente ritorna la domanda: e allora, cosa faccio? Dove voglio andare?

    Curioso!

  2. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da lullabyblue0 per l'aggiornamento : Dalla mia astronave Era come emergere dall’acqua stagnante.
 Come accedere alla luce   
    Dalla mia astronave
    Era come emergere dall’acqua stagnante.

    Come accedere alla luce del sole e alla freschezza dell’aria.

    Ci accorgevamo che la natura era viva e anche gli alberi ci parlavano.

    Vedevamo l’alba e il tramonto.

    Ci veniva desiderio di ascoltare la voce dell’universo.

    Scrutavamo le stelle.

  3. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da ciribi72 per l'aggiornamento : Amo quella follia che è tipica degli innamorati, pronti ad avventurarsi e a sfidare o   
    Amo quella follia che è tipica degli innamorati, pronti ad avventurarsi e a sfidare ogni ostacolo pur di raggiungere l’oggetto del desiderio. Che è sempre la Bellezza. E amo l’amore dei poveri e degli inquieti. Di quelli che sono costretti dalla disperazione a trovare vie alternative, a ignorare le regole del gioco. L’arte scaturisce da loro come acqua di sorgente, selvatica e purissima. 

  4. Mi piace
    odessa1920 ha aggiunto una reazione a tacchialti94 per l'aggiornamento : Oggi ti dedico questa canzone, spero ti porti furtuna!     
    Oggi ti dedico questa canzone, spero ti porti furtuna!
     
  5. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da lullabyblue0 per l'aggiornamento : Richiami lunari   E mi scopro ogni mattina così dispersiva!… Le troppe cose, ognuna c   
    Richiami lunari
     
    E mi scopro ogni mattina così dispersiva!…
    Le troppe cose, ognuna che tira dalla sua parte.
    Nell’insieme...una sorta di smarrimento…

    E sembra giustificata la domanda che affiora: dove sto andando? Dove voglio andare?

    Una vecchia domanda!

    Insomma: bisogna decidere, cioè tagliare via i molti richiami e scegliere la direzione. Disciplinare le risorse, raccogliere in un disegno unitario, ben orientato, la folla delle spinte… Focalizzarmi su l’obiettivo.

    Ma quale?

    Se tento di rispondere, ritornano in tanti nel mio cervello a chiedere precedenza: premono verso l’uscita come contro uno stretto collo di bottiglia…

    Imbarazzo!

    Allora concludo che ciò che desidero davvero sarebbe non dover decidere, poter seguire la corrente, lasciarmi portare… vedere e gustare mentre le cose accadono, semplicemente essere, volendo quello che avviene e lasciandomi andare. Nessuna pressione a fare, a ordinare, a focalizzare.

    Libertà come non aver niente da fare!

    È un pensiero che resetta la mente e allarga il respiro. Un ampio spazio di “niente da fare” dove poter fare tutto quello che viene voglia di fare, dove essere esattamente quello che sono!

    E se immagino di avere questo grande spazio di libertà, immediatamente ritorna la domanda: e allora, cosa faccio? Dove voglio andare?

    Curioso!

  6. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da lullabyblue0 per l'aggiornamento : Dalla mia astronave Era come emergere dall’acqua stagnante.
 Come accedere alla luce   
    Dalla mia astronave
    Era come emergere dall’acqua stagnante.

    Come accedere alla luce del sole e alla freschezza dell’aria.

    Ci accorgevamo che la natura era viva e anche gli alberi ci parlavano.

    Vedevamo l’alba e il tramonto.

    Ci veniva desiderio di ascoltare la voce dell’universo.

    Scrutavamo le stelle.

  7. Mi piace
    odessa1920 ha aggiunto una reazione a altomororicco per l'aggiornamento : Odessa, ti auguro un 2021 ancora più innamorato di questo 2020. Speriamo poi di non d   
    Odessa, ti auguro un 2021 ancora più innamorato di questo 2020. Speriamo poi di non dover passare quello che è successo in questi 12 mesi terrificanti. Un grande abbraccio Odessa!  Buon anno nuovo!
  8. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da tacchialti94 per l'aggiornamento : Non amo i propositi, preferisco gli spropositi. In verità ne avrei ma poi so che non   
    Non amo i propositi, preferisco gli spropositi.
    In verità ne avrei ma poi so che non li attuerò quindi cerco di non pensarci. Forse l'unico a cui penso adesso è imparare a proteggermi e a abbandonarmi alle cose e alle emozioni. Non so se sono azioni contraddittorie, lo scoprirò. Comunque per me proteggermi significa tutelare la mia mente ed il mio corpo qualsiasi cosa accada. Per il resto non mi prefiggo nulla di concreto. Le cose concrete non devono essere un fine, bensì una conseguenza del giusto stato d'animo e se non ce l'hai non puoi sapere quando questo ci sarà.

  9. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da ciribi72 per l'aggiornamento : NATALE   Rinascere 
Quanto dura una vita?
 Quante vite in una vita? Evgheny, il pitto   
    NATALE
     
    Rinascere

    
Quanto dura una vita?

    Quante vite in una vita?

    Evgheny, il pittore, era convinto che la durata di una vita, la sua capacità di navigare nell’oceano dell’essere, era in qualche modo connessa con la capacità di rinnovarsi – o il dono di rinascere ogni mattina, con il cuore desiderante e la mente fresca. Come lavata dai residui di ieri e del passato – in qualche modo.

    – La mattina, tutti gli animali si lavano – diceva.

    Lui dipingeva. Raccontava la sua avventura dipingendo. Dipingere è come scrivere un diario. È come narrare nelle stalle. È il mondo di “C’era una volta…”. Arrivavano i viaggiatori dalle terre lontane, e raccontavano, la sera, dopo cena, nei luoghi di raduno, quello che avevano visto e vissuto… Era il mondo di Evgheny.

    Dipingere, raccontare, narrare l’avventura dell’uomo. Le scoperte e gli apprendimenti. Era la vita di Evgheny. Lui era fatto in questo modo.

    – La mattina, tutti gli animali si lavano – ripeteva.

    Adesso c’era odore di neve nell’aria.
Natale si avvicinava.

    Le donne, vicino al fuoco, riandavano col cuore e la mente ai tanti amori. Agli uomini che avevano amato. Li vedevano scorrere nella fantasia e provavano quel senso di tenerezza che il ventre di una donna sa provare. Era quasi Natale e c’era odore di neve. Loro avevano amato. Avevano dato alla vita ciò che una donna sa dare.

    Gli uomini sognavano imprese. Passavano confini, nell’immaginazione. E uscivano dai piccoli villaggi. L’odore della neve li portava a valicare frontiere. Un po’ di nostalgia per casa, per il fuoco e il caminetto. Ma poi, l’odore della neve li portava lontano.

    Era quasi Natale. Tutto continuava a muoversi al solito ritmo, ma sembrava anche fermarsi – un istante in più – a pensare.

    Quante vite in una vita!

    Quanto dura una vita?

    Natale è ritrovarsi bambino ogni mattina, mentre ti lavi la faccia, e ti fai lo shampoo ai capelli.

  10. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da carmal2 per l'aggiornamento : BUFALI ROSSI NEGLI ACQUITRINI   Arie intriganti nelle tue orecchie? Sono le ali del c   
    BUFALI ROSSI NEGLI ACQUITRINI
     
    Arie intriganti nelle tue orecchie? Sono le ali del cambiamento. 
     È un tempo buono per diventare persone.

  11. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da tacchialti94 per l'aggiornamento : Non amo i propositi, preferisco gli spropositi. In verità ne avrei ma poi so che non   
    Non amo i propositi, preferisco gli spropositi.
    In verità ne avrei ma poi so che non li attuerò quindi cerco di non pensarci. Forse l'unico a cui penso adesso è imparare a proteggermi e a abbandonarmi alle cose e alle emozioni. Non so se sono azioni contraddittorie, lo scoprirò. Comunque per me proteggermi significa tutelare la mia mente ed il mio corpo qualsiasi cosa accada. Per il resto non mi prefiggo nulla di concreto. Le cose concrete non devono essere un fine, bensì una conseguenza del giusto stato d'animo e se non ce l'hai non puoi sapere quando questo ci sarà.

  12. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da carmal2 per l'aggiornamento : BUFALI ROSSI NEGLI ACQUITRINI   Arie intriganti nelle tue orecchie? Sono le ali del c   
    BUFALI ROSSI NEGLI ACQUITRINI
     
    Arie intriganti nelle tue orecchie? Sono le ali del cambiamento. 
     È un tempo buono per diventare persone.

  13. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da tacchialti94 per l'aggiornamento : Non voglio lasciarmi ipnotizzare dalle cattive notizie.
 Non voglio attendere che il   
    Non voglio lasciarmi ipnotizzare dalle cattive notizie.

    Non voglio attendere che il mondo sia un Eden per vivere la bellezza, la gioia, la creatività, per essere e fare come desidero nel profondo.

     
    Ci sono strade, ogni giorno, che mi portano dove vivo i miei valori, dove sono come desidero, dove faccio quello che mi salta in mente e dove danzo la vita.

    Non ho eretto un muro per difendermi dalle schifezze, mi sono addestrata a trovare pietre di guado per attraversare il fiume senza bagnarmi i piedi.

    Ho reso quest’avventura interessante ai miei occhi.

     
    Questa strada mi conduce alla Montagna Blu.

  14. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da tacchialti94 per l'aggiornamento : Non c’è altra vita che la vita a cavallo.
 Salire di slancio la collina. 
La forza is   
    Non c’è altra vita che la vita a cavallo.

    Salire di slancio la collina.
    
La forza istintiva dell’animale e la guida ferma e flessibile del cavaliere.

    La metafora continua ad agire nella mente, sempre.
    
Si vive per metafore, perché tra il pensiero e la realtà non c’è corrispondenza biunivoca stretta.

    E la metafora consente di tenere la direzione, mentre s’impara a curare il dettaglio in ogni oggi.

  15. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da tacchialti94 per l'aggiornamento :   Cerco di essere integra. Mi piace l’integrità. Mi piace anche la parola. So che ess   
     Cerco di essere integra. Mi piace l’integrità. Mi piace anche la parola. So che essere integra vuol dire essere esattamente come sono, senza mettere vestiti ideali che mi stiano larghi, e senza vergognarmi dei miei piedi sporchi, quando ho camminato.

  16. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da tacchialti94 per l'aggiornamento : Non voglio lasciarmi ipnotizzare dalle cattive notizie.
 Non voglio attendere che il   
    Non voglio lasciarmi ipnotizzare dalle cattive notizie.

    Non voglio attendere che il mondo sia un Eden per vivere la bellezza, la gioia, la creatività, per essere e fare come desidero nel profondo.

     
    Ci sono strade, ogni giorno, che mi portano dove vivo i miei valori, dove sono come desidero, dove faccio quello che mi salta in mente e dove danzo la vita.

    Non ho eretto un muro per difendermi dalle schifezze, mi sono addestrata a trovare pietre di guado per attraversare il fiume senza bagnarmi i piedi.

    Ho reso quest’avventura interessante ai miei occhi.

     
    Questa strada mi conduce alla Montagna Blu.

  17. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da tacchialti94 per l'aggiornamento : Non c’è altra vita che la vita a cavallo.
 Salire di slancio la collina. 
La forza is   
    Non c’è altra vita che la vita a cavallo.

    Salire di slancio la collina.
    
La forza istintiva dell’animale e la guida ferma e flessibile del cavaliere.

    La metafora continua ad agire nella mente, sempre.
    
Si vive per metafore, perché tra il pensiero e la realtà non c’è corrispondenza biunivoca stretta.

    E la metafora consente di tenere la direzione, mentre s’impara a curare il dettaglio in ogni oggi.

  18. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da tacchialti94 per l'aggiornamento :   Cerco di essere integra. Mi piace l’integrità. Mi piace anche la parola. So che ess   
     Cerco di essere integra. Mi piace l’integrità. Mi piace anche la parola. So che essere integra vuol dire essere esattamente come sono, senza mettere vestiti ideali che mi stiano larghi, e senza vergognarmi dei miei piedi sporchi, quando ho camminato.

  19. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da tacchialti94 per l'aggiornamento : La vita si presenta velata. E a noi viene voglia di vedere cosa c’è sotto.  Ma è prop   
    La vita si presenta velata. E a noi viene voglia di vedere cosa c’è sotto. 
    Ma è proprio il velo a destare la curiosità. L’uso sapiente di veli genera l’incanto. 
    Il desiderio vive nella ricerca di ciò che sfugge.
     
     
  20. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da ciribi72 per l'aggiornamento : NATALE   Rinascere 
Quanto dura una vita?
 Quante vite in una vita? Evgheny, il pitto   
    NATALE
     
    Rinascere

    
Quanto dura una vita?

    Quante vite in una vita?

    Evgheny, il pittore, era convinto che la durata di una vita, la sua capacità di navigare nell’oceano dell’essere, era in qualche modo connessa con la capacità di rinnovarsi – o il dono di rinascere ogni mattina, con il cuore desiderante e la mente fresca. Come lavata dai residui di ieri e del passato – in qualche modo.

    – La mattina, tutti gli animali si lavano – diceva.

    Lui dipingeva. Raccontava la sua avventura dipingendo. Dipingere è come scrivere un diario. È come narrare nelle stalle. È il mondo di “C’era una volta…”. Arrivavano i viaggiatori dalle terre lontane, e raccontavano, la sera, dopo cena, nei luoghi di raduno, quello che avevano visto e vissuto… Era il mondo di Evgheny.

    Dipingere, raccontare, narrare l’avventura dell’uomo. Le scoperte e gli apprendimenti. Era la vita di Evgheny. Lui era fatto in questo modo.

    – La mattina, tutti gli animali si lavano – ripeteva.

    Adesso c’era odore di neve nell’aria.
Natale si avvicinava.

    Le donne, vicino al fuoco, riandavano col cuore e la mente ai tanti amori. Agli uomini che avevano amato. Li vedevano scorrere nella fantasia e provavano quel senso di tenerezza che il ventre di una donna sa provare. Era quasi Natale e c’era odore di neve. Loro avevano amato. Avevano dato alla vita ciò che una donna sa dare.

    Gli uomini sognavano imprese. Passavano confini, nell’immaginazione. E uscivano dai piccoli villaggi. L’odore della neve li portava a valicare frontiere. Un po’ di nostalgia per casa, per il fuoco e il caminetto. Ma poi, l’odore della neve li portava lontano.

    Era quasi Natale. Tutto continuava a muoversi al solito ritmo, ma sembrava anche fermarsi – un istante in più – a pensare.

    Quante vite in una vita!

    Quanto dura una vita?

    Natale è ritrovarsi bambino ogni mattina, mentre ti lavi la faccia, e ti fai lo shampoo ai capelli.

  21. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da tacchialti94 per l'aggiornamento : Stamani è cambiato tutto. Il cielo è coperto e c’è aria da neve. Personalmente mi sen   
    Stamani è cambiato tutto. Il cielo è coperto e c’è aria da neve.

    Personalmente mi sento come in punta di piedi, per arrivare a guardare al di là del muretto.

    Intravedo appena la bellezza della Vita e già mi commuove.

    Voglio conservare snello l’appetito. Desidero più risorse, ma anche più capacità di comprendere, vedere, elaborare. Non voglio rimanere ingozzata da una quantità non digerita.

    Crescerò gradualmente. C’è tempo! E comunque …è meglio così.

  22. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da tacchialti94 per l'aggiornamento : Io in casa sto bene.  Le mie giornate sono i dense e  ispirate e stanno bene racchius   
    Io in casa sto bene.  Le mie giornate sono i dense e  ispirate e stanno bene racchiuse nel mio “vascello del tempo”.
    Il mondo è là fuori. L’osservo dalla mia finestra. Là fuori resta l’altra metà di me. L’Aperto è una casa più grande. Amo la natura e mi sento legato all’umanità.
    Per il momento la mia uscita principale è una passeggiata solitaria, al mattino, nella campagna. Dura un paio d’ore, di solito. Adoro questa specie di “rituale”.
    Cammino adagio. I rumori delle attività umane sono lontani, sullo sfondo. La quiete dei campi mi ristora. Sto in ascolto.o. E arrivano regolarmente pensieri che mi allargano il respiro, aprono orizzonti nuovi, rinnovano il sangue nella  circolazione, creano geografie allettanti per il desiderio.
    È come se nascessi di nuovo ogni mattina. Quando mi sento rigenerata ritorno a casa.

  23. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da tacchialti94 per l'aggiornamento : La vita si presenta velata. E a noi viene voglia di vedere cosa c’è sotto.  Ma è prop   
    La vita si presenta velata. E a noi viene voglia di vedere cosa c’è sotto. 
    Ma è proprio il velo a destare la curiosità. L’uso sapiente di veli genera l’incanto. 
    Il desiderio vive nella ricerca di ciò che sfugge.
     
     
  24. Fantastico!
    odessa1920 ha aggiunto una reazione a tacchialti94 per l'aggiornamento : ti auguro una bella settimana   
    ti auguro una bella settimana
  25. Mi piace
    odessa1920 ha ricevuto una reazione da ciribi72 per l'aggiornamento : Parlammo quel mattino oltre il canale,  la nebbia tra gli alberi squittiva,  
dicesti   
    Parlammo quel mattino oltre il canale, 
    la nebbia tra gli alberi squittiva, 
    
dicesti quel che conta, quel che vale, 

    seduto sul muretto, sulla riva. 
    L’acqua si portò via la tua voce 

    ed il sapore dei miei baci ardenti 
    
e l’acqua mi riporta, ora che taci, 
    
solo il ricordo dei tuoi occhi spenti.