• Donna
  • Verona (VR)
  • Ultima Visita

Aggiornamenti di stato pubblicati da odessa1920

  1. Elisa avvertiva il mutare del mondo e si rendeva conto che non opponeva alcuna resistenza al cambiamento. Cambiare le piaceva. Le piaceva sentirsi mutare.

    Quando era ragazzina desiderava soprattutto avere le cose: i giochi, i vestiti, le bambole.

    Da adulta le piaceva fare, operare, agire, realizzando i suoi obiettivi.

    Adesso le piaceva sentire, sentirsi, essere consapevole di sentire la vita dentro di lei. E la vita era questo divenire che riempiva il cuore.

    Le sembrava che “essere” fosse identicamente “sentire consapevolmente”.

    Ma mentre attraversava la strada sulle strisce pedonali le venne il dubbio che “essere” fosse ancora un’altra cosa…

    IMG_4398 2.JPG

  2. E così ho camminato molto. 

    Credo di conoscere a fondo, ora, la passeggiata terapeutica. So gli effetti benevoli e piacevoli che camminare produce in me. Sto rimediando, con pazienza, a cattive abitudini prese durante anni di vita sedentaria.

    Quella che ora chiamo in questo modo, prima la chiamavo vita intellettuale. Ora, tra le prime intuizioni che mi occupano la mente peripatetica c’è che la vita intellettuale coniugata con una vita sedentaria prolungata, mica buono!

    E di fatto, da quando cammino sistematicamente tutti i giorni, mi è più facile mantenere il buon umore e prendere le cose con calma e serenità. E i pensieri mi sembrano più leggeri.

    Non cammino per raggiungere primati. Cammino per star bene. Perciò vado al ritmo sostenibile e quando mi viene fretta di arrivare, rallento. 

    Finché ritrovo il piacere di essere lì.

     

    IMG_0533.JPG

    IMG_0405 copia.JPG

  3. La grandezza non sta nelle cose, anche se le cose ci sono. La grandezza è nel tuo sentire, nel lavoro che fai su te stesso, nell’abbandono alla libertà che scioglie ogni paura, nell’amore che tu sei originariamente come una sorgente.


    Uno spirito libero e caldo entra in ogni cosa che fai, in ogni parola che dici, in ogni gesto della tua mano, in ogni rapporto, transazione, routine… Tutto il tuo mondo diventa altro. E lo senti che questo è vita.

    Non lasciare nulla alla mediocrità. Non abbandonare niente al grigiore dell’insignificanza. Mettiti completamente in ciò che c’è, che fai, che avviene. E sentirai la grandezza.


    Coltiva il tuo sogno. Sognalo in continuazione.

    
La bacchetta magica è qui.

    Ti ami, vero?

    IMG_3263.JPG

  4. Il sogno: essere un albero carico di frutti.

    IMG_4018.JPG

    1. nuncepenza6

      nuncepenza6

      Bellissima e buonissimi i cachi!! :D 

  5. Disse: Noi umani, siamo esseri d’immaginazione.
    Il che, più o meno, voleva dire che i nostri comportamenti, quello che facciamo, e quello che speriamo, e quello che desideriamo, dipendono da idee e pensieri che abbiamo in testa.
    In altri termini, il nostro mondo, la qualità della nostra vita, nasce dai pensieri che coltiviamo. In questo senso, tutto dipende alla mente. O dal pensiero.
    Cioè, non è vero che viviamo immersi ottusamente nel mondo oggettivo. Ma alle cose che capitano, agli eventi, noi diamo la forma che immaginiamo nella testa.
    E questa roba che avviene nella testa noi possiamo coltivarla. Ci possiamo mettere le mani sopra e dargli una forma, se vogliamo.
    La qualità delle nostre esperienze, di quello che viviamo e di quello che facciamo, può essere generata dai pensieri che scegliamo di coltivare.

    IMG_0845.JPG

    1. ciribi72

      ciribi72

      che classe!

    2. nuncepenza6

      nuncepenza6

      wow.. che bel tramonto tra l'altro! 

  6. Torno a casa o fingo di tornare a casa. E mi confondo nella nebbia tra pensieri sfumati come le sagome delle persone che camminano accanto a me.
    Mi piace l’odore della nebbia.

    IMG_6515.JPG

    1. tacchialti94

      tacchialti94

      ti sei persa come alice?

    2. ciribi72

      ciribi72

      Machbeth nella nebbia!

  7. Felice per la nuova giornata.

    Mi preparo con un po’ d’eccitazione perché ho questo tempo davanti. E il desiderio di fare, d’inventare, di mettere al mondo, di entare nuove cose.

    So già che andrò per prima cosa a cercare un posto, tra gli alberi, a respirare la vita in solitudine, a distendere l’anima, a richiamare i miei sogni, a caricare il cuore di energia buona.
    
E già la voglia di fare pulsa sotto la pelle.

    Dipingerò il miglior giorno della mia vita.


     

    IMG_3391.JPG

    1. tacchialti94

      tacchialti94

      magnifica!

    2. ciribi72

      ciribi72

      trovi sempre dei luoghi bellissimi!

    3. nuncepenza6

      nuncepenza6

      ma che belle fotooooo!!! 

  8. Fa freddo e fuori piove,


    ma io abito la luce di un giardino.


    Muovo le mani e sbocciano i colori.


    Strofino la mia lampada 

    e i profumi 
inondano lo spazio che mi accoglie.


    Al desiderio non esiste il tempo:


    ciò che non è ancora è già presente.

    IMG_6899.JPG

    1. fashionista0

      fashionista0

      piove da te?

    2. tacchialti94

      tacchialti94

      ogni tanto qualche goccia di pioggia sul viso fa bene!

  9. Sì te ne puoi accorgere nel momento stesso in cui ti rendi conto di aver commesso un errore. Un errore grossolano. Spesso a questo punto la rinascita è già avvenuta.

    IMG_2163.JPG

    1. altomororicco

      altomororicco

      un angelo caduto dal cielo!

    2. fashionista0

      fashionista0

      angelo o farfallina??

  10. Il desiderio del corpo si esaurisce prima del desiderio della mente. La mente si affeziona, costruisce castelli di ricordi, montagne di ricordi, sovrastrutture di sogni.
    Il corpo invece dimentica in fretta, forse perché ciò che il corpo dimentica è assorbito dalla mente.
     

    Io non ricordo il sesso con gli uomini con cui sono stata bene, è come se lo avessi rimosso. Ricordo altro: le cene insieme, le chiacchierate, i gesti, i capelli, gli odori. Sono queste cose che mi tormentano.
     

    Il corpo lotta per liberarsi dalla mente, gioca di anticipo, cerca altri corpi e basta.

    IMG_0233.JPG

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. odessa1920

      odessa1920

      No, ho solo fatto i codini O.o

    3. altomororicco

      altomororicco

      trovi sempre il punto di vista giusto!

    4. fashionista0

      fashionista0

      nch'io ho notato qualcosa di diverso! stai una favola!

  11. Ho voglia di bene, di bello, di vero. Sono curiosa della vita. Non di sapere cosa fanno gli altri. Ma di sapere cosa significa vivere davvero. Ogni esperienza è importante e la faccio a modo mio. La dico a modo mio. La invento a modo mio. Mi fido di me. So che posso farlo, non perché presuma di essere infallibile. Perché so di essere piuttosto imperfetta. Piuttosto, ho capito che fidarsi di sé e provare è il modo migliore per ottenere risposte, per muovere le cose, per aprire un varco ai propri sogni.

    IMG_8368 copia.JPG

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. oggisi1

      oggisi1

      l'essere è importante, ma anche importante è essere tra gli altri altrimenti è essere in solitudine

    3. londoncalling6

      londoncalling6

      che invidia...a me sta malissimo il rosso :(

    4. altomororicco

      altomororicco

      Ottima scelta cromatica!

  12. I sogni tendono a fuggire al tramonto.

    Lasciano la buccia del mondo come astronavi scontente.

    I sogni ci stanno troppo stretti quaggiù.
    
I poeti guardano oltre i tetti con nostalgia.

    Ma si raffreddano, se si allontanano troppo.
    
Perché il fuoco acceso è nel cuore.

    Nel camino di casa. 
    Qui dentro.

    IMG_8509.jpg

    1. ciribi72

      ciribi72

      panorama pazzesco!

    2. londoncalling6

      londoncalling6

      che cielo! dove eri?

    3. odessa1920

      odessa1920

      Lungo il Mincio

  13. Eppure, non so capacitarmi, non so capacitarmi. Tutti parlano di consapevolezza, oggi. Le filosofie orientali. E io mi dico: consapevolezza? Ma quale? A me sembra di vivere sempre nel dormiveglia. Chiamalo sonno, piuttosto. Chiamalo sonno. È come essere sempre nel dormiveglia. E te n’accorgi. E si va avanti nel dormiveglia. E anche questo è bello. La consapevolezza è qualcosa che chiama. Ma io sono nel dormiveglia. Per questo non so capacitarmi. Eppure..
    Eppure si può andare avanti. Le cose capitano. Tu muovi le mani e le braccia. E cerchi. Come se tra un po’ ti potessi risvegliare. E allora vedrai tutto, in piena luce.
    Ma per ora, vai avanti, anche se non sai capacitarti…

     

    IMG_3902.JPG

    1. fashionista0

      fashionista0

      un pisolino prima di lavoro?

    2. odessa1920

      odessa1920

      Io non lavoro

  14. Un desiderio di aperto. L'aperto è una categoria ricorrente nel mio pensiero. Come se per un filone dell'esistenza solo l'aperto costituisse la giusta geografia.
La rigenerazione delle energie è per me fondamentalmente l'aperto. Camminare per esempio. E respirare e vedere e ascoltare.


    All’aperto.

    IMG_2211.JPG

    1. tacchialti94

      tacchialti94

      solare come le giornate!!

    2. fashionista0

      fashionista0

      che fascino!

  15. Territori intriganti

     

     – Com’è bello essere vivi in questo novembre luminoso. Il vento ha spazzato l’aria con energia. E c’è una luce che non sai distinguere dove finisce l’anima e dove comincia il cielo.

    Più o meno pensava cose del genere, Henry, mentre scendeva le scale. Ed era un respiro fantastico quello che sentiva aprirgli i polmoni.

    – Ma chi cazzo me lo fa fare di arrovellarmi l’animo in questo modo? – più o meno.

    E poi, d’improvviso: Ma con chi parlo quando parlo da solo?

    Il marmo liscio delle scale lo riportava sulle Alpi Apuane. Chissà perché? Quello scenario tra cielo e mare, tutto fatto di bianco, che sembrava neve anche in estate.
E gli venne in mente Enrietta.


    Ricordava perfettamente il pagliaio in cui si erano sdraiati. Enrietta, non te ne andare! Enrietta aveva sempre gli occhi umidi, anche quando rideva. Enrietta era una freccia puntata sull’Altrove. Ricordava bene quel pagliaio. E cosa doveva dire? Che era il gusto del suo corpo che gli era entrato dentro?

    Certe donne hanno un gusto intenso. Lo si afferra prima ancora di parlare, o di fare…
 Il gusto delle donne. Bah! Un gusto. Cosa doveva pensare? Il gusto di Enrietta? Non si trattava di quello.

    Enrietta era una porta aperta per l’Altrove. Enrietta, con i suoi occhi umidi, era l’apertura verso l’Altrove. Come ho fatto a dimenticarti così presto, Enrietta? Tu parlavi già allora di esplorare ciò che ancora non si conosce, ma che ti appartiene nel desiderio.

    Enrietta diceva spesso: non affogarti nel bicchiere del passato!


    – Enrietta? Dove sarai adesso?

    Poi vide uno scenario aprirglisi davanti. 
Lui era un io con le bollicine.
 Non un io e basta. Ma con le bollicine. Il che voleva dire che la sua quiete non era come l’acqua di uno stagno, ma come la corrente del fiume attorno ai dislivelli.

    – Dove mi porti, Enrietta? In questa giornata di novembre. Dove mi porti?

    E pensò: Se il mondo avesse la colonna sonora, tutto sarebbe diverso.
E pensò ai suoi esercizi sulla tastiera. Che cercava? Che sognava?

    Tra una cosa e l’altra, non c’è tempo abbastanza per rendersene conto.
 E allora rallentò. Rallentò molto. Per darsi il tempo di prendere coscienza. E più rallentava, più il disegno, il filo rosso, sembrava emergere dall’incoscienza.

    – Ecco – pensò – ogni cosa che capita, ogni cosa che c’è… Tutto questo è buono. Tutto questo è vita. Giurò a se stesso che mai più avrebbe lottato contro ciò che c’è, contro ciò che avviene. La vita è più viva di quello che pensi – disse.

    – Io sono un portatore sano di handicap – disse. E sembrava aver afferrato qualcosa d’importante.

    Era bello scendere le scale in questa giornata di novembre piena di luce. Non sapevi decidere dove finiva l’anima e iniziava il cielo. Enrietta…

    IMG_5207.JPG

    1. nuncepenza6

      nuncepenza6

      tra la foto e le tue parole, mi eprdo sempre in te!

    2. tacchialti94

      tacchialti94

      colori del paradiso!

    3. fashionista0

      fashionista0

      bellissimi quei colori! voglio anch'io!!

  16. E poi, d’improvviso, lo vedi. 

    
Una sorta di guizzo di luce: 


    la vita resta quella meravigliosa avventura 


    che sapevi negli anni eccitati 


    dei giochi d’infanzia, 


    malgrado le batoste e le cattive notizie, 


    ed ogni momento è buono 

    
- questo momento lo è - 


    per riprendere il cammino, 

    
rafforzare le gambe e le braccia 


    per aprire le porte del possibile.

    IMG_7663.jpg

    1. londoncalling6

      londoncalling6

      che forza della natura sei!

    2. nuncepenza6

      nuncepenza6

      che bellezza!

    3. tacchialti94

      tacchialti94

      che voglia di giocare in quelle foglie!

  17. Come tutti, sono un misto di forza e debolezza. Dei momenti sono debole, fragile, vulnerabile e intimorita. In altri momenti ho la grinta di una leonessa che difende i suoi piccoli. Sono coerente, a modo mio. Nel senso che non consento ai momenti di debolezza di portarmi fuori dal binario che decido nei momenti di forza e di visione nitida.

    Nei momenti di debolezza ho imparato a fidarmi delle cose che avvengono. Mi siedo nel centro del cuore e mi lascio guidare da quello che avviene, dentro e fuori. Ho fiducia. Prima o poi, vengo premiata. Le cose si risolvono bene, da sole – si direbbe. Eppure credo di contribuire con questo mio atteggiamento a che tutto proceda per il meglio.

    La consapevolezza che tutto è andato a buon fine, che c’era una logica segreta negli eventi, ce l’ho solo dopo che tutto è successo. Potrebbe essere altrimenti? Per questo, ho deciso di non strizzarmi troppo il cervello nel cercare soluzioni a priori. A priori io cerco di centrarmi, di restare connessa o di ricollegarmi. Lo dico in questo modo. Quando sono collegata, credo che tutto quel che avviene porterà a un buon fine. E credo che tutto quel che faccio colpirà nel segno, anche se non lo vedo subito.
    Quando sono forte, vedo chiaramente in anticipo. So dove andare a parare e come comportarmi. So fare piazza pulita di tutti i ragionamenti contorti e le domande stupide.

    IMG_6586.JPG

    1. scompaiomatorno

      scompaiomatorno

      che bello sciarpone!

    2. londoncalling6

      londoncalling6

      dove passeggi di bello?

    3. nuncepenza6

      nuncepenza6

      hai sempre quel tocco in più!!

  18. Sì, tutto si rinnova. E anche il passato sfodera un nuovo volto, da sempre sperato. Ora risulta chiaro che tutto quello che hai vissuto era necessario perché tu diventassi quello che sei, e perché tu potessi vivere quest’ora.
    È ora che il passato diventa passato. E puoi lasciarlo andare. Smetterai di guardare la scia che la tua barca lascia dietro le spalle e ti rivolgerai a prua, con il timone tra le mani, e sognerai l’America.

     

    IMG_4197.JPG

    IMG_4975.jpg

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. scompaiomatorno

      scompaiomatorno

      sono proprio i colori dell'autunno!

    3. londoncalling6

      londoncalling6

      il vestito è bellissimo!

    4. odessa1920

      odessa1920

      Grazie! è uno dei miei preferiti

  19. La voglia di felicità corre al galoppo. 

    
Lo so, se siamo razionali, hanno ragione tutti i pessimisti, i cinici, i figli di puttana che hanno il grugno duro.  E quelli che scuotono la testa e bestemmiano.

    Ma dobbiamo per forza essere razionali?


    Possiamo essere folli. E crederci lo stesso. 
Possiamo fare una scommessa ubriaca. 


    Fino a quando si chiude il sipario.

    IMG_9392.JPG

    1. tacchialti94

      tacchialti94

      ma quante zucche! le cucini?

    2. ciribi72

      ciribi72

      bella descrizione! io consiglio un bel risotto!! poi fate voi!

    3. scompaiomatorno

      scompaiomatorno

      che bellezza!

  20. Capovolgi un ombrello e avrai una barca.
    Puoi leggere i libri cominciando dal fondo.
    Quanti palloncini servono per volare?

    IMG_8768.JPG

    1. tacchialti94

      tacchialti94

      dolcetto o scherzetto?

    2. ciribi72

      ciribi72

      sempre a tema!! bravissima!

  21. La mia camera interiore si affaccia su un fiume. Alberi mossi dal vento gettano la loro ombra su luci rosate.


    I miei pensieri scivolano sulle acque lontano dalla città.


    Io siedo e guardo. 

    Questo basta.

    IMG_1159.JPG

    1. tacchialti94

      tacchialti94

      giochi a nsscondino?

  22. Credo nei sogni e nel desiderio. E se sono fonte di sofferenza, sono anche fonte di creazione e di slancio e d’esultanza, e quindi di sofferenze significative. Ciò che rende la vita degna di essere vissuta è la stessa cosa per cui si può accettare di morire.

    IMG_1915.JPG

    1. fashionista0

      fashionista0

      Con queste foto e con le tue parole non deludi davvero mai :) 

  23. Succede qualcosa che se avessi un linguaggio matematico schematizzerei così:

    x per y + y per x = M (come Mega), dove M è x e y elevati ad un esponente crescente.

    Un matematico potrebbe apprezzare questa formulazione astratta – sebbene balbuziente. Quello che diventiamo nel momento in cui c’è amore ricambiato e schiettamente comunicato è un multiplo indefinito di noi. E, probabilmente, anche questa formulazione ha il difetto di estendere nella stessa dimensione, sebbene in modo esponenziale, la qualità della nostra vita. Probabilmente è qui che converrebbe parlare di salti quantici, in cui uno passa ad una realtà diversa, una dimensione altra.

    Io vorrei che gli innamorati prestassero attenzione a questi momenti magici che ci sono all’inizio della loro storia, Che diventassero consapevoli, con calma, dei processi che avvengono dentro la loro percezione d’essere.
E vorrei che di qui si traessero generalizzazioni importanti per tutte le dimensioni della vita.

    IMG_2215.JPG

    IMG_2197.JPG

    1. altomororicco

      altomororicco

      ma che solarita!

    2. fashionista0

      fashionista0

      la matematica non fa per me hahaha bellissime foto comunque :) 

  24. È quello che aspetto da tempo e ora so che arriva. 

    Da est verranno le carovane con i forzieri. Oro e argento rovesceranno nello spiazzo del trono e ci saranno movimenti di nuvole e fruscii di fronde. 

    Perché il tempo è questo e tutto precipita verso la conclusione.

    IMG_5511.JPG
  25. Riposo lo sguardo nei colori dell’autunno.

    IMG_1173.JPG

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. altomororicco

      altomororicco

      ma che albero è?

    3. odessa1920

      odessa1920

      quercia rubra

    4. fashionista0

      fashionista0

      che bei colori!!