• Uomo
  • 33 anni
  • Milano (MI)
  • Ultima Visita

Risposte agli aggiornamenti di stato pubblicati da diegodelavega0

  1.  

      e94a2a44bcfabb2b4e8b72ab21929794a18da222.gifv

     

     

  2. E ci trovavamo ogni tanto nel bosco.


    Diego disse: è un mondo vecchio! Disse: guardate! C’è l’orario di lavoro che divora le nostre giornate. Non ci sottrae solo il prodotto del nostro lavoro. Ma ci depriva del nostro stesso progetto di vita. Noi coviamo il nostro progetto di vita sotto la cenere. Riusciamo a mala pena ad accenderlo la sera, come un fuoco. Perché non abbiamo tempo. E, dopo la giornata di lavoro, non abbiamo più neanche le forze.
 I più lo hanno lasciato svaporare. Il loro tempo è tutto occupato. C’è il loro lavoro, il loro stipendio, ma non ci sono più loro.

    Io ascoltavo. Sentivo indignazione. Ma non riuscivao a capire quale rivolta, quale rivoluzione, ci avrebbe portato a recuperare il nostro tempo, il nostro progetto di vita. Diego era stanco. Stanco di fare rivoluzioni – cioè di partecipare a rivoluzioni disegnate da altri. Alla fine – diceva – è sempre la stessa cosa.

    Una giorno, invece, venne Amina. Era una magrebina, immigrata. 
Era la fidanzata di qualcuno.
 Fummo stupiti.

    Ci disse della sua esperienza da immigrata. Era anche colta. Aveva studiato. Era emigrata.
 Sì, ci disse che non era venuta semplicemente per trovare lavoro o condizioni migliori di vita. Ci disse dell’impulso a partire, ad andare immigrati. Disse che anche noi dovremmo saperlo, perché siamo stati un popolo di immigrati, nel passato. 
Ci disse di questo impulso a cercare un nuovo mondo, a dargli vita. Ci disse che succede quando dove stai manca cibo, per il corpo o per l’anima.
 Ci disse che uomini e donne audaci, in queste circostanze, lasciano dove stanno, si slegano, tagliano i legami, e partono. Per aprire la geografia umana con nuovi spazi.
 Disse che, a quel punto, non interessa più uno stile di vita. Disse che importa l’avventura, il viaggio, la ricerca.
 Ci parlò di questa esperienza del viandante. Che è interiore ed esteriore.

    Io capii che Amina era nella nostra società, nel nostro mondo, andava al supermercato, aveva l’orario di lavoro, ma non era come noi. Non viveva tutto questo come lo vivevamo noi. Lei era immigrata. Era alla ricerca di un nuovo mondo. Lei era uscita da, aveva tagliato con, ed era in cerca di.

    Fu quel discorso che mi ricondusse a quello che ero. In un viaggio di migrazione. Alla ricerca di un nuovo mondo. Non ero una gallina d’allevamento. Avevo ritrovato la mia dimensione nomade, selvatica, libera. E stavo movendomi ogni giorno verso il nuovo mondo.

     

     

    IMG_4991.JPG
  3. Quale povertà? Solo quella economica, perché l'ingegnosità e la ricchezza di spirito non mancano.

    348564729_1399970304129359_860931140875873537_n.jpg

    1. diegodelavega0

      diegodelavega0

      C'è grande povertà nel mondo: quella delle persone che non sono mai contente di nulla, quella di chi non sa né ridere né piangere, quella di coloro che non sanno dare nulla di sé agli altri.

  4. Buon 2024 a tutti gli Amici ed Amiche e che sia un anno ricco di Salute,Serenità e Soddisfazioni...io staccherò un po da qui,ma se qualcuno vuole mi troverà su Fb con il profilo Davide Crow...GRAZIE a tutti per la vostra presenza,chi più chi meno ha contribuito a questa mia permanenza in questa Community,più in là vedremo cosa fare,Grazie ancora e buon proseguo a tutti :)migliora.thumb.jpg.e9029b4cab16a0d083962efb49ab30bc.jpg

    1. diegodelavega0

      diegodelavega0

      grazie Davide, BUON 2024 anche a te 

  5.  

  6. Grazie per i elicati pensieri.

    Buon sabato

  7. 👁🧊💙

    occhi.jpg

  8. 64e9f6d859590_Immaginiconfrasibelleesignificativedascaricaregratis.thumb.jpg.eccd8cb49b59c19c5b81c5ca319b478d.jpg

  9. Torna la siccità piovosa...

    320694923_1025827262143411_7069063775602994986_n.jpg

  10. Il silenzio del mare la mattina

    23GIUGNO.jpg

  11. Si trasformano

    DIECI.jpg

  12. PER QUEST'ANNO PUO' BASTARE.

    AUGURI A TUTTI!!!

    315649503_663408012159550_2228547818330894469_n.jpg

  13. Mi sono resa conto che il perfezionismo è una trappola. Perfezionismo è non fare qualcosa finché non sei sicuro di farlo in maniera perfetta o finché non ci sono le condizioni ideali per farlo come piacerebbe.
 In questo modo non si incomincia mai a fare.

    In filosofia c’è una trappola analoga. Il pensiero è affascinato dall’Essere e lo pensa come perfetto. Poi, non trovandolo da nessuna parte, si converte al Nulla e diventa nichilista. Se non c’è l’Essere allora tutto è Nulla.

    Ma il pensiero, ridimensionandosi dopo vari tentativi estremi, si è reso capace di pensare anche il Qualcosa. Il Qualcosa non è l’Essere, ma non è neanche il Nulla.
 Il Qualcosa appare come la dimensione adeguata dell’umano – anche se la sua sete è senza fine.

    Convertito al Qualcosa, il pensiero diventa capace di apprezzare anche il Non-so-che, il Quasi niente. Dove va a riporre gli aspetti più sottili e qualitativi della sua esperienza. Che cos’è che ti fa innamorare? Cos’è che rende la tua giornata gioiosa? Cos’è che ti commuove e ti rinnova? Spesso non è neanche una Cosa o un Evento tangibile. Piuttosto un Non so che.

    Il Non so che non entra nella contabilità. Non si sa dargli un prezzo. Non si vende sul mercato. Eppure, questo Quasi niente, che non è una Cosa è responsabile della qualità della nostra vita. E noi diciamo che non ha prezzo.

    Ed è per questa via, la via del Non so che, Quasi niente, che riemerge nei nostri animi la fiducia e la speranza. E l’operosità che s’impegna con gentilezza e di buona lena a perseguire quel successo della nostra impresa che sogniamo da tempo.

     

     

    IMG_4434.JPG
  14. Apparentemente si cancellano sulla battigia

    DOMENICA18.jpg

  15. C'è aria e respiro tra una cosa e l'altra. Pensieri che sono domande e che sono risposte. Risposte che sono decisioni e scommesse. Non so cosa incontrerò, ne cosa desidero, se non seguire questa direzione di marcia. Pulisco casa e rimetto in ordine le cose, ogni giorno, ogni momento. Cerco di fare come il giardiniere. 

    Lo sguardo cerca la bellezza, le braccia trafficano instancabili. Finché crollo nel sonno, in un attimo.

     

    IMG_3269.JPG
  16. Buon lunedì ⋆ Toghigi♥Paper

  17. Ricorrente similitudine

    RICORRENTE.jpg

    1. diegodelavega0

      diegodelavega0

      Il mare viene visto anche come maestro in grado di insegnarci ad affrontare la vita e le sue sfide, con costanza e ardore insieme, spinti dal desiderio di andare oltre i nostri limiti e conoscere ciò che ancora non possiamo afferrare.

      È allora simbolo di coraggio, curiosità, sapienza e conoscenza.

    2. (Guarda 1 altra risposta questo aggiornamento di stato)