• Uomo
  • Roma (RM)
  • Ultima Visita

Contenuti pubblicati da londonercity

  1. ECCELLENZE – RICORRENZE - INAUGURAZIONI

     

    Sono italiano da diversi decenni e ancora non ho capito se il Padre Eterno (o l’idea sbiadita che mi è rimasta di Lui) mi abbia indicato questo luogo di nascita per farmi un dispetto o per stimolare uno spirito di iniziativa che fa parte delle caratteristiche endemiche dell’italica stirpe. In verità, c’è anche la parte britannica che, per un necessario destino, ha sorvolato la Manica (direzione Roma) con un tempo pessimo e per tutt’altro motivo rispetto a quello prefissato. Mio padre adorava l’Italia molto più di me, era un estremista dell’italianità. Eppure era tutto inglese e neanche viveva qui, perché diceva “Se vivessi in Italia, sarei costretto a odiarla”. L’Italia era per lui un’amante che frequentava con un equilibrio occasionale per evitare di essere assorbito da quella quotidianità che avrebbe trasformato il suo piacere intenso e fugace (ma rinnovabile!), in una costante assuefazione, in una normalità priva di aspettativa.  Vedeva l’Italia come il sabato del villaggio, era felicissimo quando arrivava ed era contento anche quando se ne andava, perché era già felice di tornare. Andava via perché gli piaceva l’idea di tornare, voleva vivere la vanità dell’attesa. Questo suo modo di rapportarsi con il nostro Paese, gli permetteva di mettere in disparte le evidenti storture che notava ma che non discuteva, perché quando era qui e vagava da nord a sud (per lavoro e per operoso diletto) voleva godere soltanto delle tante cose belle che questa terra offre e che il mondo non ci invidia, ma compatisce per l’inadeguata valorizzazione. Così, lui sviava qualsivoglia intento critico che avrebbe affievolito l’intensità del suo vivere italiano, avrebbe guastato le sue discrete scorrerie tra luoghi e persone che lo accoglievano con rispetto (perché lui per primo aveva rispetto), ma tentavano di traviarlo con esche politiche o escursioni filosofiche che a un uomo pratico come lui risultavano disoccupate. L’unica riflessione critica che gli ho sentito esporre, latamente e pure per vie indirette, è stata questa: “L’italiano non si annoia mai. Forse non si diverte, ma certamente non sia annoia. Ci sono tante ricorrenze, tante inaugurazioni, tanti anniversari”. Buttava lì questo stralcio di pensiero e non lo accompagnava con nessun’altra considerazione, non lo approfondiva. Era un invito a sostenere un esame razionale e interiore al quale lui si sottraeva, perché, come diceva “Io già mantengo la mia Regina” (e non intendeva mia madre). Pian piano, questa traccia iniziai a elaborarla al posto suo e mi accorsi che, in effetti, in Italia c’è un’infinità di ricorrenze e anniversari anche “fuori tempo”, cioè con numero dispari. Che sò, i ventisette anni dalla scomparsa di “ve lo ricordate voi?”; oppure con numero pari ma non tondo, tipo 64 anni fa il disastro di “non so quale treno fosse”; e l’immancabile “Tizio Caio avrebbe compiuto cento anni”, se non fosse morto trent’anni fa. I francesi sarebbero capaci di sfruttare l’aritmetica anagrafica per far rivivere anche Napoleone, ma noi abbiamo un’ampia scelta di personalità e personaggi da poterci permettere di cambiare ogni anno il “palinsesto” delle ricorrenze forzate.  Tante date importanti non si possono cancellare, perché è la storia che si tramanda (non c’è bisogno di scriverla), ma l’appuntamento fisso annuale non ha senso. L’Italia ricorda le stragi, i disastri, i tragici misteri dal dopoguerra a oggi, tutte occasioni intrise e appesantite da retorica e demagogia da parte di chi lo fa per mestiere, quelli che sanno cosa dire ma non per quale motivo, gente che riesce nello stesso momento a mettersi una mano sul cuore, una sulla coscienza, una davanti e una dietro senza mai riuscire a coprire la propria faccia da culo. E allora, dopo il Natale e la Pasqua, ecco Ustica, piazza fontana, la strage di Bologna, vari omicidi risolti o meno, ricordi dal fronte e il sentito invito a far si che non si ripetano più simili sciagure. Io credo che il rispetto per le persone, per le vittime di ciò che si vuole ricordare, per le loro famiglie, si realizzi tacendo; o meglio, con il silenzio di chi non può capire la portata della tragedia e che riesce solo a idealizzarla, improvvisandosi poeta politico a ogni occasione, ma non contribuendo mai ad aiutare chi ha bisogno di verità, chi ha diritto non di essere ricordato, ma di essere rispettato. In Italia, troppe morti non sono mai state rispettate e ogni volta che si spende una manciata di minuti per un nuovo discorso di sostegno, vicinanza e impegno affinché la verità trovi la luce, aumenta lo strazio, la rabbia e l’odio nei confronti non solo dei colpevoli, ma anche nei riguardi di chi i colpevoli dovrebbe trovarli. Emblematiche sono le tragiche vicende di Giulio Regeni e della ThyssenKrupp o l’attesa interminabile dei due marò considerati dei birilli dalle autorità indiane (e italiane), che mettono anche in evidenza come, nella “pugilistica” politica internazionale, l’Italia sia davvero un peso piuma, a prescindere dai colori utilizzati per dipingere i governi che si danno il cambio per riposare a turno.

    Capisco che, da diversi anni a questa parte, non abbiamo mai avuto un Kissinger o un Kofi Annan a capo della diplomazia. Se pensiamo a un ministro degli esteri come Alfano, che gesticola per farsi capire dai suoi omologhi stranieri (e ricordo che gli italiani vengono presi in giro per questa abitudine); oppure, un Di Maio che è in aperto contrasto con la Geografia, oltre a non aver mai chiuso un aspro conflitto con la Storia e a rifiutare (anche lui) qualsiasi rapporto con la lingua inglese, allora mi vengono in mente solo i diplomatici da pasticceria.

    Parallelamente alle ricorrenze (tragiche o celebrative) corrono le inaugurazioni. In Italia si inaugura anche un metro di asfalto, si fa una pausa di vent’anni e poi si inaugura l’intera strada, anche se manca ancora un chilometro per terminarla e poi non se ne fa più nulla. Conta la cornice e la buona volontà, non la riuscita di un progetto e la sua fruibilità da parte dei cittadini. Si inaugura tre volte la stessa struttura: al via dei lavori, poco prima della fine dei fondi e il gran finale per far finta che funzioni. La spiegazione al triplice auspicio, credo sia data dal fatto che la persona che incarna l’istituzione nel momento in cui viene aperto il cantiere, spesso sia diversa da quella che ricopre lo stesso incarico al momento dei sorrisi finali. Però, non date mai per scontato e non createvi aspettative (brevi o lunghe che siano) sul fatto che un’opera possa dirsi conclusa.

    L’ultima considerazione va alle nostre eccellenze, una delle quali (Ennio Morricone) si è congedata dal nostro tempo marginale, per vivere quello eterno a noi ancora sconosciuto. Anche in questi casi la retorica, accompagnata da ipocriti violini, confeziona i tre o quattro pensierini elementari e ovvi, senza i quali sarebbe impossibile apprezzare le capacità, il genio e l’irraggiungibile produttività di tanti artisti, scienziati e imprenditori italiani che primeggiano nel mondo dell’arte, della moda e in campo tecnologico-industriale. Tutte le personalità che vi viene in mente di elencare rappresentano la propria realtà personale e non quella del Paese. Semmai, chi ci guarda al di là dei nostri confini si chiede come sia possibile che tanta qualità possa originarsi in un Paese disastrato come il nostro e malgrado esista (da decenni) una classe politica consapevole di essere inadatta per qualsiasi attività che abbia l’intento di governarlo. Infatti, l’Italia esporta Ferrari e tecnologia, abbigliamento e accessori, vino e parmigiano, arte e artisti, ma non la politica, caratterizzata da un pessimo rapporto qualità/prezzo. La politica italiana è senza mercato e pure a fondo perduto.

    Detto questo, ricordo (ironicamente) a quanti hanno dedicato un po' del loro tempo a leggere queste meticcie riflessioni, che il 31 agosto ricorrono i 150 anni dalla nascita di Maria Montessori. Potrebbe essere un’ottima occasione per riunire persone perse di vista, per rinnovare rapporti di lavoro o semplicemente per scoprire chi era e cosa ha fatto questa signora delle mille lire. Vi invito a riflettete su una cosa: a ricordare coloro che hanno contribuito a costruire il nostro Paese sono sempre gli incapaci che hanno contribuito a rovinarlo.

     

    DvMcEv

  2. AVREBBERO DOVUTO DIRMELO PRIMA.....  :D

    HAVE A NICE DAY

    3af3a22be92cca903cb50af1d6508c7f.jpg

    1. daliahnera

      daliahnera

      vero! molti coetanei sono un pò falliti, speriamo si riprendano

  3. BUON LAVORO!!!!

    Frasi-sullamore-divertenti.jpg

    1. tacchialti94

      tacchialti94

      ahahha che ridere11 sembro io

    2. daliahnera

      daliahnera

      si effettivamente funziona un pò così

  4. QUANTI ESEMPI DI INEFFICIENZA POTREMMO ELENCARE? QUANDO CI SARA' UNA INVERSIONE DI TENDENZA?

     

    0d4e2d93317c32fc63d881ab8338092b.jpg

    1. tacchialti94

      tacchialti94

      devo dire che secondo me la situazione sembra migliorare

    2. daliahnera

      daliahnera

      sempre a passo di lumaca ma si, stiamo migliorando confronto al passato

  5. IL BELLO DEVE ANCORA VENIRE.....

    BUONA SETTIMANA LO STESSO

    3926-bicicletta-carena-moto.jpg

    1. tacchialti94

      tacchialti94

      ormai se ne sentono di tutti i colori..non mi stupirei!

  6. LAGO ANCHE OGGI...E BUONA DOMENICA!!!

    b677b58f57ab0f4660659a27f003c235.jpg

  7. LE COSE VANNO FATTE PER BENE, NOI PREFERIAMO LE BUCHE VERE. 9_9

    HOLA!! BUEN FIN DE SEMANA

    1791-segnali-forma-buche-far-rallentare-auto.jpg

  8. CON ME SI SFONDA UNA PORTA APERTA....

    WEEK END IN AVVICINAMENTO

    10154299_10153978846310713_751182239_n.jpg

    1. chiaraoscura4

      chiaraoscura4

      da tatuarsi addosso!

  9. O.o EPPURE CI SONO TANTI MASCHIETTI CHE NON HANNO NULLA DA INVIDIARE A QUESTA SIGNORINA..... xD

    GODETEVI ANCHE QUESTA GIORNATA

    4083-donna-ha-forato-ruota-auto.jpg

    1. ciribi72

      ciribi72

      ahahah dai speriamo di no!!

    2. chiaraoscura4

      chiaraoscura4

      ehehe ridiamo per non piangere!

  10. E' UNA ESPERIENZA UNICA. C'E' CHI DICE CHE, UNA VOLTA ARRIVATI IN CIMA, NON SI ACCUSA STANCHEZZA O FATICA. NON E' STATO IL MIO CASO, MA HO PROVATO UN SENSO DI LEGGEREZZA INTERIORE.

    HOLA!!

    5ff0f8af93b45bcece31902d1d63a94b.jpg

    1. tacchialti94

      tacchialti94

      ma è una foto vera?? assurdo!

    2. ciribi72

      ciribi72

      no ma sarebbe bellissimo percorrerla!

    3. chiaraoscura4

      chiaraoscura4

      sarebbe un'ottima avventura!

  11. COSA IMPEDISCE ALLE PERSONE DI NON GETTARE E LASCIARE I RIFIUTI A TERRA? DOV'E' LA DIFFICOLTA' NEL CAPIRE CHE DANNEGGIANO L'AMBIENTE IN CUI STANNO TRASCORRENDO DEL TEMPO?

    rocca-pietore09-016.T0.jpg

    1. tacchialti94

      tacchialti94

      siamo un popolo di incivili :(

    2. ciribi72

      ciribi72

      dobbiamo darci una regolata!

  12. ALLORA DISPONIAMO A CASTELLO LE PRIME TRE FILE DI OMBRELLONI. 

    BUON INIZIO SETTIMANA, SOPRATTUTTO AI ROMANI. OGGI SS PIETRO E PAOLO.

    0b03bfdbe148834229f237c7229b202e.jpg

    1. tacchialti94

      tacchialti94

      ahaha dai in realt mi sembra di vedere che non ci sono stati grandissimi problemi

  13. FATTE LE DOVUTE PROPORZIONI....BUONA DOMENICA.

    buona-domenica-14.jpg

  14. UN PO' TROPPA LA DISTANZA SOCIALE...  E QUANTO COSTA NOLEGGIARE UN OMBRELLONE?  O.o

    LASCIO LA LUNA AI ROMANTICI E MI GODO IL SOLE

    40b369fce6d821dfaced9571fa23b3b0.jpg

  15. AVIDITA' E TENDENZA A "DISTURBARE" LA NATURA PER SPORT. VIGNETTA ESAUSTIVA….:/

    f2fff701fc836f2df9f22f2ab3df10b2.jpg

  16. GUARDATE QUESTO GRANELLO DI ANTICHITA' PERFETTAMENTE CONSERVATO. FASCINO FAVOLISTICO.

    BUONA GIORNATA

    82503332_108197627392911_3424694887608483840_o.jpg

  17. MOLTE PERSONE SONO DIVENTATE "CROCCANTI" CON IL LOCKDOWN

    CHE SOLE!!!

    a5d4b4d0fa31408216030070ebc0b191.jpg

  18. IO HO UN ASSAGGIATORE E UN SOFFIATORE STIPENDIATI :D 

    BUON MARTEDI'

    cosestranegiappone2.jpg

    1. ciribi72

      ciribi72

      ma lo voglio anch'io il ventilatore da bacchette! :D 

  19. STANNO TORNANDO I LUNEDI' DI UNA VOLTA....:D

    ECCO UNA NUOVISSIMA SETTIMANA!!

    imagesdlo.jpg

    1. tacchialti94

      tacchialti94

      da mo che sono tornati ahaha!

  20. IL MIO UNICO IMPEGNO SARA' FARE LE FETTUCCINE!! 

    HAVE FUN!!

    e7ee0e18008e7b9fb8571db752cdf06b--su-funny-pics.jpg

    1. tacchialti94

      tacchialti94

      io ho messo in ordine la scarpiera..nemmeno ti dico

  21. PER CERTE COSE LA MIA DOMANDA E' SEMPRE LA STESSA E ANCHE MOLTO SEMPLICE: PERCHE'? POCHE PISTE CICLABILI? PENITENZA? UN'ALTRA BABILONIA?

    HZ5_NDm8Rss.jpg

    1. tacchialti94

      tacchialti94

      ma che paura....super pericoloso! ma è una foto vera?

  22. NON E' VERO!!!!!  Ho avuto la fortuna di trascorrere molti periodi in piccoli paesi e realtà rurali in molte parti d'Europa e non solo e vi assicuro che le "vedette" sono ovunque e non necessariamente attempate. Una fitta "rete di comunicazioni" nascoste e veloci sono particolarmente presenti nei paesi in via di sviluppo o comunque più poveri. Non credo che gli italiani abbiano esportato questo modello di controllo sociale. Aggiungo, però, che è un sistema molto efficace. Sempre. :)

    d1d941547a393addf0ee4798a944e92e.jpg

  23. NON SCHERZATE PER FAVORE…..QUESTO E' UN BENE DELL'UMANITA' E TUTTI DEVONO AVERNE DISPONIBILITA' E ACCESSO!!!  :D   UN APPELLO ALLE MAMME: QUESTA POTREBBE ESSERE UNA DEVASTANTE VIOLENZA PSICOLOGICA!!  :D

    E BUON GIORNO...

    notella3.jpg

  24. MA LA RAGIONE TENDE A ISOLARE LE PERSONE

    QUASI PIOGGIA….MA BUONA GIORNATA LO STESSO

    mafalda-festa-della-donna-3.jpg

    1. beautifullmind0

      beautifullmind0

      ahaha questa è bella!

  25. SONO CONVINTO CHE TANTI ANIMALI DOMESTICI SI VERGOGNANO DEI PROPRI PADRONI…..E, TRA L'ALTRO, MI SEMBRA ANCHE SBAGLIATO CHIAMARLI "PADRONI".

    OGGI SPICCHI DI SOLE

    images.jpg

    1. fleurdelys00

      fleurdelys00

      sai che la penso anch'io così? partiamo troppo prevenuti

    2. beautifullmind0

      beautifullmind0

      verissimo!!!