• Uomo
  • 49 anni
  • Trento (TN)
  • Ultima Visita

Su di me

  • Compleanno
    15 Ottobre
  • Situazione sentimentale
    Relazione complicata
  • Altezza
    180 cm
  • Occhi
    Marroni
  • Capelli
    Castano scuro
  • Figli
    Mai!

Mi piace un sacco

Sport Libri Cinema Musica Tv e Serie Tv Cucina Viaggi Running Calcetto Ballo Yoga Arte Moda Fotografia HI-Tech Natura e Animali Videogiochi

Visite recenti

23083 visite al Profilo

Chi seguo Vedi tutti

MyBlog

Crea gratis il tuo blog in Wordpress e guadagna con Google AdSense

Apri il tuo Blog

I miei Blog

    Gestisci blog

    Genio

    Ad ogni domanda una risposta.
    Cosa desideri sapere?

    Fai una domanda

    Le mie domande

    Le mie risposte

      Vedi tutto

      Forum

      Lancia il tuo Forum condividi informazioni idee e opinioni

      Apri forum

      Le mie discussioni

        I miei post

          Vedi tutto

          Siti

          Scegli il tema che preferisci,
          personalizzalo come vuoi e sei subito online!

          Crea il tuo sito gratis

          Il mio sito

            Singolo aggiornamento

            Visualizza tutti gli aggiornamenti di hocuradite

            1. COME LE COSE VISSUTE LE FOGLIE CADUTE CI LASCIANO, DORMENDO FEDELI ACCANTO AGLI ALBERI CHE LE HANNO AMATE.

               

               

               

              1. fleviabus

                fleviabus

                Ho letto tante cose di Prevert: Un epoca!! Mio padre e mamma di tanto in tanto ne citano brani. Sempre molto sensuali. E papà tiene un volume: "Fatras" sul primo ripiano della libreria dello studio. Dai loro sguardi, quando escono loro queste citazioni, capisco che quei versi debbono aver cullato chissà quanti atti d'amore fras di loro e mi sto convincendo di essere saltata fuori anch'io da lì. Fortunatamente non mi hanno chiamata Barbara - un nome che non mi piace per niente. Mamma però spesso sottolinea suoi ammonimenti con "Repelle toi" in francese.

              2. hocuradite

                hocuradite

                È un piacere risentirti. Da questa poesia è tratta la famosa omonima canzone cantata da molti, fra questi Yves Montand. Da quello che dici probabilmente galeotto fu Prevert per tante cose e mi fa tenerezza, come ho ancora notato, il bene che vuoi ai tuoi genitori e come siano fonte per te di ricordi. Non posso far altro che dedicarti di Prevert la poesia " Sabbie mobili" e, tanto per fare il dispettoso, quest'altra canzone.

                PS: non so perché ma pensando a tua madre mi viene in mente la Fallaci, prima poi pubblico qualcosa di suo perché lo merita.