• Donna
  • Salerno (SA)
  • Ultima Visita

Su di me

  • Situazione sentimentale
    Sposato/a
  • Altezza
    158 cm
  • Occhi
    Azzurri
  • Capelli
    Altro
  • Segno Zodiacale
    Acquario

Mi piace un sacco

Sport Libri Cinema Musica Tv e Serie Tv Cucina Viaggi Running Calcetto Ballo Yoga Arte Moda Fotografia HI-Tech Natura e Animali Videogiochi

Visite recenti

17766 visite al Profilo

Chi seguo Vedi tutti

MyBlog

Crea gratis il tuo blog in Wordpress e guadagna con Google AdSense

Apri il tuo Blog

I miei Blog

    Gestisci blog

    Genio

    Ad ogni domanda una risposta.
    Cosa desideri sapere?

    Fai una domanda

    Le mie domande

    Le mie risposte

      Vedi tutto

      Forum

      Lancia il tuo Forum condividi informazioni idee e opinioni

      Apri forum

      Le mie discussioni

        I miei post

          Vedi tutto

          Siti

          Scegli il tema che preferisci,
          personalizzalo come vuoi e sei subito online!

          Crea il tuo sito gratis

          Il mio sito

            Singolo aggiornamento

            Visualizza tutti gli aggiornamenti di pokemina76

            1. C’era una mamma, una madre madrona,

              la mano a saetta, la voce che tuona.

              Più che un bambino voleva un soldato

              Ma poi crebbe un hippie tutto arruffato.

               

              C’era una mamma, un po’ mamma e un po’ chioccia,

              di libertà ne lasciava una goccia,

              le nacque una bimba paracadutista

              adesso è una stuntman professionista.

               

              C’era una mamma vegana e pittrice,

              viveva di tofu col figlio, felice.

              “quanti bei posti dipingerai?”

              Ma invece il suo Adolfo guidò il Terzo Reich.

              Filastrocca del figlio perfetto

              Scolpito, pensato come un angioletto

              Tu lo volevi un po’ simile a te

              e invece “sorpresa!” decide da sé.

               

              C’era una mamma, femminista di razza,

              mutande bruciate e tette giù in piazza,

              ma ebbe una figlia, un clone di barbie

              che va da Intimissimi e spende i miliardi.

               

              C’era una mamma ingessata e ingegnera

              sinapsi a quadretti, compita ed austera,

              ma il figlio non legge ogni giorno i listini

              compila gli oroscopi, descrive destini.

               

              C’era una mamma Bocca di Rosa,

              si dice puttana, io dico sciantosa,

              il figlio giurò per la castità,

              un frate trappista, in povertà.

               

              C’era una mamma, una santa, una suora,

              conosce l’amore, ma il piacere lo ignora,

              crebbe un bambino, un chierichetto,

              fa il pornoattore, un artista del letto.

              Filastrocca del figlio perfetto

              Scolpito, pensato come un angioletto

              Tu lo volevi un po’ simile a te

              e invece “sorpresa!” decide da sé.

               

              Filastrocca della mamma imperfetta.

              La mamma perfetta un figlio lo accetta.

               

              Enrica Tesio