• Uomo
  • Milano (MI)
  • Ultima Visita

    Più di un mese fa

Su di me

  • Occhi
    Marroni
  • Capelli
    Castano scuro

Mi piace un sacco

Sport Libri Cinema Musica Tv e Serie Tv Cucina Viaggi Running Calcetto Ballo Yoga Arte Moda Fotografia HI-Tech Natura e Animali Videogiochi

Visite recenti

2742 visite al Profilo

Chi seguo Vedi tutti

MyBlog

Crea gratis il tuo blog in Wordpress e guadagna con Google AdSense

Apri il tuo Blog

I miei Blog

    Gestisci blog

    Genio

    Ad ogni domanda una risposta.
    Cosa desideri sapere?

    Fai una domanda

    Le mie domande

    Le mie risposte

      Vedi tutto

      Forum

      Lancia il tuo Forum condividi informazioni idee e opinioni

      Apri forum

      Le mie discussioni

        I miei post

          Vedi tutto

          Siti

          Scegli il tema che preferisci,
          personalizzalo come vuoi e sei subito online!

          Crea il tuo sito gratis

          Il mio sito

            Singolo aggiornamento

            Visualizza tutti gli aggiornamenti di pierreroche

            1. È così che doveva avvenire.

              Pochi minuti dopo la partenza era possibile scorgere ancora il panorama di costiera. La mia posizione virava nel verso di prua del traghetto, la balaustra era bagnata di salsedine e mare.

              Tu eri li, con un tubino lungo che vestiva i tuoi fianchi ampi, sensuali, ed una sciarpa viola che ricordava il colore dell’anno.

              Il cappotto raccolto sulla panchina. Un occhiale sul viso nascondeva lo sguardo che sembrava essere nostalgico. La mia partenza non aveva una meta particolare, ma in quel momento ero incuriosito dal sapere quale fosse la tua destinazione ed ancor di più la tua provenienza. Sembravamo immersi in un quadro di Vettriano.

              – Buongiorno – e non sono riuscito a dire di più, ma era così che doveva avvenire. Voltandoti riuscivo a vedere la mia inquadratura nel riflesso delle tue lenti.

              – Buongiorno – hai risposto; era così che doveva avvenire.

              Poco più avanti un bambino adolescente era piegato sulle ginocchia sostenendosi sulla ringhiera, guardava la schiuma disperdersi nelle acque; che fosse tua figlio?

              La vicinanza non poteva dare giustificazione valida al nostro silenzio e al corrisposto desiderio di conoscenza… Allo stesso tempo le nostre personalità sembravano avessero già stabilito un dialogo fatto di gestualità e percezioni.

              –Beh..? Non dice nulla? –

              – Non che sia mai stato di troppe parole, ma ci sono momenti dove il silenzio di un uomo ha un tono che può sembrare perfetto. –

              – forse la disturbo, non vorrei farle perdere tempo in frivolezze… –

              – Si figuri, l’ascolto volentieri;
              ci sono piccole cose che di sciocco hanno solo l’apparenza. –

              – …mi verrebbe da farle un complimento.. –

              – Non me lo faccia… –

              – Perchè? Non le piacciono i complimenti? –

              – Più che lusingato, mi piacerebbe essere incuriosito;
              dunque non pensiamo a me, mi parli piùttosto di lei…–

              – Le darei un vantaggio… –

              – Le prometto che contraccambierò ogni suo favoritismo…–

               

               

              vlcsnap-2018-11-03-14h16m31s848.jpg