• Donna
  • 30 anni
  • Torino (TO)
  • Ultima Visita

    Più di un mese fa

Contenuti pubblicati da casavittoria

  1. Storia - Casa Vittoria

    nonsolovitaquotidiana
  2. yalta.jpg

    Dell'Album Storia - Casa Vittoria

    4 Febbraio 1945 - Inizia la Conferenza di Yalta “Se avessimo passato dieci anni a compiere ricerche non avremmo potuto trovare un posto peggiore”. Così si lamentò il Primo Ministro britannico Winston Churchill quando arrivò a Jalta, il 4 febbraio 1945, luogo prescelto per l’incontro con Franklin D. Roosvelt e Iosif Stalin dove si sarebbe dovuto decidere la nuova fisionomia del mondo dopo l’ormai prossima fine della seconda guerra mondiale. Si erano già incontrati due anni prima, verso la fine del 1943, nella Conferenza di Teheran. I nazisti si erano lasciati alle spalle una campagna per lo più bruciata e dietro le facciate eleganti i palazzi della Crimea erano polverosi e fatiscenti. Si incontrarono nel Palazzo di Livadija che era stato la residenza estiva di Nicola II a Jalta, città sul Mar Nero quasi interamente distrutta dalla guerra. Con un Roosvelt stanco e malato, infatti sarebbe morto due mesi dopo, i colloqui iniziarono senza un ordine del giorno preciso: si discusse del destino della Germania, della Polonia, della Jugoslavia e dell’intervento dell’URSS in Giappone. Fra i tre leader persistevano forti differenze ideologiche e culturali. Nelle decisioni prese, è ormai riconosciuto da diversi storici che Stalin ebbe la meglio: sulla divisione della Germania venne previsto che la porzione francese venisse stabilita non nella zona di competenza dell’URSS; l’URSS ottenne di estendere i suoi confini in Polonia mentre questa venne compensata a occidente e ottenne che il governo della Polonia venisse fatto sulla base del governo ombra che si trovava a Mosca e non sulla base di quello che si trovava a Londra. Come scrisse Indro Montanelli in un editoriale sul Giornale per ricordare i quarant’anni dalla Conferenza, Yalta per alcuni, i sovietici, «fu un fasto», per altri, gli occidentali, «un lutto».La Conferenza di Jalta terminò l’11 febbraio del 1945. Roosevelt tornò a casa presentando l’incontro al Congresso come un successo e una vittoria della pace ma morì prima di partecipare alla conferenza successiva, quella di Potsdam. Churchill interruppe i colloqui per rientrare nel Regno Unito e accogliere i risultati elettorali: vinsero i laburisti e a Potsdam tornò il nuovo primo ministro Clement Attlee. La situazione da lì in poi cambiò piuttosto velocemente: Il 5 marzo del 1946 Churchill pronunciò il celebre discorso della “cortina di ferro” e così ebbe effettivamente inizio la Guerra Fredda. Egli fu l’ultimo protagonista della Conferenza di Jalta a morire, nel gennaio del 1965 dopo essersi ritirato a vita privata. Stalin era morto il 5 marzo del 1953. L’anno prima era stata decisa la chiusura del confine tra Berlino Ovest e Berlino Est. fonte:http://www.combattentiereduci.it/notizie/4-febbraio-1945-la-conferenza-di-jalta
  3. Storia - Casa Vittoria

    nonsolovitaquotidianaonsolovitaquotidiannonsolovitaquotidianaonsolovitaquotidiana
  4. yalta.jpg

    Dell'Album Storia - Casa Vittoria

    4 Febbraio 1945 - Inizia la Conferenza di Yalta “Se avessimo passato dieci anni a compiere ricerche non avremmo potuto trovare un posto peggiore”. Così si lamentò il Primo Ministro britannico Winston Churchill quando arrivò a Jalta, il 4 febbraio 1945, luogo prescelto per l’incontro con Franklin D. Roosvelt e Iosif Stalin dove si sarebbe dovuto decidere la nuova fisionomia del mondo dopo l’ormai prossima fine della seconda guerra mondiale. Si erano già incontrati due anni prima, verso la fine del 1943, nella Conferenza di Teheran. I nazisti si erano lasciati alle spalle una campagna per lo più bruciata e dietro le facciate eleganti i palazzi della Crimea erano polverosi e fatiscenti. Si incontrarono nel Palazzo di Livadija che era stato la residenza estiva di Nicola II a Jalta, città sul Mar Nero quasi interamente distrutta dalla guerra. Con un Roosvelt stanco e malato, infatti sarebbe morto due mesi dopo, i colloqui iniziarono senza un ordine del giorno preciso: si discusse del destino della Germania, della Polonia, della Jugoslavia e dell’intervento dell’URSS in Giappone. Fra i tre leader persistevano forti differenze ideologiche e culturali. Nelle decisioni prese, è ormai riconosciuto da diversi storici che Stalin ebbe la meglio: sulla divisione della Germania venne previsto che la porzione francese venisse stabilita non nella zona di competenza dell’URSS; l’URSS ottenne di estendere i suoi confini in Polonia mentre questa venne compensata a occidente e ottenne che il governo della Polonia venisse fatto sulla base del governo ombra che si trovava a Mosca e non sulla base di quello che si trovava a Londra. Come scrisse Indro Montanelli in un editoriale sul Giornale per ricordare i quarant’anni dalla Conferenza, Yalta per alcuni, i sovietici, «fu un fasto», per altri, gli occidentali, «un lutto».La Conferenza di Jalta terminò l’11 febbraio del 1945. Roosevelt tornò a casa presentando l’incontro al Congresso come un successo e una vittoria della pace ma morì prima di partecipare alla conferenza successiva, quella di Potsdam. Churchill interruppe i colloqui per rientrare nel Regno Unito e accogliere i risultati elettorali: vinsero i laburisti e a Potsdam tornò il nuovo primo ministro Clement Attlee. La situazione da lì in poi cambiò piuttosto velocemente: Il 5 marzo del 1946 Churchill pronunciò il celebre discorso della “cortina di ferro” e così ebbe effettivamente inizio la Guerra Fredda. Egli fu l’ultimo protagonista della Conferenza di Jalta a morire, nel gennaio del 1965 dopo essersi ritirato a vita privata. Stalin era morto il 5 marzo del 1953. L’anno prima era stata decisa la chiusura del confine tra Berlino Ovest e Berlino Est. fonte:http://www.combattentiereduci.it/notizie/4-febbraio-1945-la-conferenza-di-jalta
  5.  

    1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
    2. casavittoria

      casavittoria

      Nessuno ti obbliga a crederci.

      Buona giornata

    3. kan-dinsky

      kan-dinsky

      no non ci credo, anche perché quando vedo nel titolo e nel sottotitolo dei virgolettati falsi ( non sono le  parole del Papa ma del monsignore attribuite al Papa)  lo scetticismo sale a mille! E tutto prende il l sapore della propaganda.  Un articolista serio che vuole informare non spara titoloni virgolettati di questo tipo senza specificare chi dice cosa....  

       

    4. casavittoria

      casavittoria

      Siamo nuovi di Virgilio. Stiamo facendo delle prove tecniche per verificare che la piattaforma sia adeguata alle nostre esigenze. Il tuo parere è graditissimo, ma per il momento irrilevante.

      Comunque grazie per l'attenzione.