• Uomo
  • 54 anni
  • Corciano (PG)
  • Ultima Visita

Su di me

  • Compleanno
    10 Giugno
  • Situazione sentimentale
    Single
  • Altezza
    185 cm
  • Occhi
    Marroni
  • Capelli
    Brizzolati
  • Figli
    No
  • Segno Zodiacale
    Gemelli

Mi piace un sacco

Sport Libri Cinema Musica Tv e Serie Tv Cucina Viaggi Running Calcetto Ballo Yoga Arte Moda Fotografia HI-Tech Natura e Animali Videogiochi

Visite recenti

2325 visite al Profilo

Chi seguo Vedi tutti

Mi presento!

Chi è Massy Biagio, editore e redattore di Economia Italia

Pubblicato il 28/09/2023

Massy Biagio è editore redattore di Economia Italia, un sito italiano che parla di economia, finanza, pensioni, lavoro, finanza e tutto quello che gravita intorno all’economia.

Nato in Umbria all’inizio degli anni ’70 ha sviluppato una curiosità nel campo dell’economia italiana ed internazionale già da prima che potesse studiare queste materie.

Passato alle scuole superiori ha frequentato con alterni successi l’Istituto tecnii commerciale diventando ragionieri poi si è iscritto alla facoltà di economia presso l’èUniversità di Perugia.

Anche qui i suoi studi non sono stati lineari, non ha infatti conseguito la laurea ma ha comunque passato degli esami fondamentali di economia e diritto che gli sono poi serviti più tardi per quello che diventerà il lavoro di divulgazione di queste materie, proprio quando ha aperto il sito di Economia Italia.

Chi è Massy Biagio, editore e redattore di Economia Italia

Chi è Massy Biagio, editore e redattore di Economia Italia

Nel frattempo ha avuto diverse esperienze molto formative in diversi ambiti.

Dal lavorare presso importanti atenei universitari, a fabbriche di multinazionali, da Enti locali quali Comuni ed Enti ospedalieri, non disdegnando neppure la vendita porta a porta durante tutto il suo periodo adolescenziale, esperienza che l’ha messo a contatto con il marketing reale.

Federico C. gli farà qualche domanda:

Quando è nato Economia Italia?

Il sito nasce inizialmente nel 2014 per una esigenza di comunicazione. Avevo un blog musicale dove iniziai a parlare anche di politica ed economia e vedevo che le persone che commentavanonon sapevano niente nè di economia nè di politica.

Quindi iniziai a scrivere cose di economia, ma come poterlo fare in un sito musicale? NOn era una cosa seria così decisi di comprarmi un NOME DOMINIO. lo chiamai Economia Italia per una semplice ragione di marketing, all’epoca con quel nome se non ricordo male c’era solo il mio sito e rimasi molto sorpreso di questa cosa.

Ora per 10 euro all’anno potevo scrivere finalmente di economia in modo serio.

Come mai spendevi solo 10 euro all’anno?

10 euro ( ora sono 20) è il costo per il nome dominio, per il resto non spendevo nulla in quanto avevo usato i blog gratuiti di google blogspot.com per poter scrivere pubblicare ed Hostare il sito.

Quali erano gli argomenti dei quali parlavi?

Quelli che più affascinavano le persone: le politiche economiche del governo ma più che altro dati.

Dati che si trovano facilmente in rete oggi ma che 10 anni fa dovevi scovare in siti particolari, quasi tutti stranieri, molti del governo americano che già all’epoca pubblicavano i dati economici di tutti i paesi del mondo ad iniziare dal sito della CIA.

Cosa c’entra il sito della CIA?

Solo 10-12 anni fa wikipedia era molto meno sviluppata di oggi il famoso database ei Google sull’economia mondiale non esisteva e il sito dell’Unione Europea era semplicemente illeggibile.

I siti di economia italiani erano pochi, fatti male e con quasi zero dati, ad iniziare dal sito ISTAT che ha iniziato a pubbicare i suoi dati non da tantissimo. Prima non li metteva online, li dovevi richiedere ed era un’impazzimento che solo giornalisti professionisti riuscivano a superare.

Il sito della CIA invece pubblicava tutti i macrodati di tutte le economie del mondo.

Perchè i dati sono così importanti?

In economia contano i numeri, non le chiacchiere  o i sentimenti.

purtroppo la politica punta sempre più sui sentimenti e le personechenon hanno un’istruzione specifica poi pensano veramente che si possa lavorare 4 giorni invece che 5 e mantenere lo stesso stipendio in un paese come l’Italia, oppure che si possano dare 10 euro l’euro a tutti i lavoratori come minimo.

Sono cose giuste, sacrosante ma non prendono in considerazione la realtà e che cioè se tu metti l’insalata 10 euro al chilo perchè chi l’ha colta deve avere i suoi 10 euro all’ora ecco che l’insalata non la vendi perchè arriva dal Marocco a 1 euro al chilo.

E’ quello che è successo con l’industria italiana e i prodotti cinesi a un decimo del prezzo.

Per carità, sono inferiori di qualità ma il prezzo è talmente concorrenziale che tantissime fabbriche europee hanno dovuto chiudere proprio per la concorrenza sleale delle aziende cinesi..

I dati fanno capire la realtà anche alle persone più ignoranti ed è proprio spiegare questa semplicità che è difficilissimo-

Che metodo usi per spiegare cose difficili come l’economia o la finanza?

Non uso un metodo specifico, suo il mio metodo.

Cerco di spiegarmi con parole semplici, con aneddoti di logica molto semplice che anche un bambino potrebbe capire.

Ecco, di solito scrivo proprio come se mi rivolgessi ad un pubblico di persone di 12-13 anni perchè so che molti di quelli che leggono hanno un’istruzione a livello economico che può arrivare a quei livelli e difficilmente sopra.

Non parlo solo di persone con scarsa educazione scolastica ma anche con persone laureate.

Ho conosciuto persone laureate in lettere o in giurisprudenza, intelligenti ed attente però completamente ignare delle più semplici questioni economiche.

O ancora peggio: persone laureate in lettere che conoscevano a menadito “Il Capitale” di Marx e che non hanno la più pallida idea a cosa serva la Borsa valori, le azioni e quello che in pratica fa della società attuale la più ricca, la più agiata, quella che ha raddoppiato l’aspettativa di vita per la prima volta nella storia umana.

Non si rendono proprio conto perchè va bene leggere Marx ma andrebbe letto DOPO aver letto e magari studiato la realtà dell’economia moderna. Altrimenti, si creano dei bias cognitivi quasi insormontabili.

Economia Italia ha avuto un notevole calo di traffico: la chiuderai?

Ho da poco rinnovato il nomedominio fino al 2034 e quindi per altri 10 anni potrò continuare a scrivere.

Forse mi troverò anche un altro lavoretto, ormai i piccoli Blog come il mio sono destinati a scomparire, surclassati da siti di economia che hanno alle spalle investitori come le Banche, Hedge Funds, cosa può un povero copywriter contro un Hedge Funds che investe centinaia di migliaia di euro in un sito accaparrandosi i migliori copy, i migliori webmaster, i migliori SEO?

Noi piccoli editori possiamo ben poco, se non nulla.

Purtroppo stavolta Google ha deciso che è meglio appoggiare i forti e abbandonare i deboli a se stessi, ma chissà magari si accorgeranno che  i grandi non usano la pubblicità Google e a conti fatti dovranno tornare ad aiutare i piccoli blog, quelli con al loro pubblictà.

Vedremo, ma non ci spero

 

Una ultima cosa, e questo blog “Massy Biagio?

E’ uno dei miei blog di transizione.

Il primo l’ho aperto nel 2007, questo nel 2013 come puoi vedere nel primo articolo una mia passione: gli etruschi miei antenati.

Federico C. ha intervistato Massy Biagio

MASSY BIAGIO AKA ARRIGO SARTI