• Uomo
  • 26 anni
  • Perugia (PG)
  • Ultima Visita

Aggiornamenti di stato pubblicati da elvis06081994

  1.  

  2.  

  3. Sii come il mare:

    Trasparente in superficie, profondo nell'anima.

    6581551_un-mare-d-incanto-olio-a-spatola-su-mdf-di-cm.jpg.db5bdaaec8c221a2137d543fdd9d5860.jpg

  4. frasi-belle-di-libri.jpg.219704bef1637af73151bc2517f57807.jpg

  5.  

  6.  

  7.  

    1. daniele-173

      daniele-173

      Bravi loro.

      Grazie . ;)

    2. elvis06081994

      elvis06081994

      Ripetutamente, giusto per uscire dalla monotonia :D 

  8. Secondo la leggenda, la fondazione di Roma a metà dell'VIII secolo a.C. si deve ai fratelli Romolo e Remo, nonostante il prevalere del primo sul secondo. La data ufficiale, 21 aprile del 753 a.C., venne stabilita da Marco Terenzio Varrone calcolando a ritroso i periodi di regno dei re capitolini (35 anni circa per ogni re). Altre fonti in realtà riportano date diverse: Quinto Ennio nei suoi Annales colloca la fondazione nell'875 a.C., lo storico greco Timeo di Tauromenio nell'814 a.C. (contemporaneamente, quindi, alla fondazione di Cartagine), Fabio Pittore all'anno 748 a.C. e Lucio Cincio Alimento nel 729 a.C. La datazione di Varrone - quella tradizionalmente celebrata - è considerata sia troppo alta (in relazione alla prima unificazione degli abitati, avvenuta presumibilmente nella metà dell'VIII secolo) sia troppo tarda (i primi insediamenti risalgono al II millennio a.C.).

    destinations-rome-banner-mobile-1024x553.thumb.jpg.01ed78091fb2dc3dd970e142ffd4a2e0.jpg

  9. frasi-leonardo-da-vinci-bisima-natura-biasima-pittura-1024x1024.thumb.jpg.3aa28923e6a458cca934d3fd4bac13ee.jpg

  10.  

  11. Il castello è una struttura architettonica composta da uno o più edifici fortificati. L'uso del termine è variato nel corso del tempo ed è stato applicato a strutture diverse, come fortezze e case di campagna. In epoca romana, il castellum era una fortificazione temporanea o permanente lungo i confini dell'Impero; in epoca medioevale indicava la residenza fortificata del feudatario dotato di una guarnigione di soldati con il loro comandante (il castellano) ma, dal XVI secolo, venne meno la funzione di fortezza e, col tempo, il termine venne impiegato anche per indicare grandi dimore di campagna, specialmente francesi o germaniche, e per palazzi fastosi circondati da vasti parchi.

    Si distingue da un palazzo che non è fortificato, da una fortezza che non sempre era una residenza per la nobiltà e da un insediamento fortificato che era una difesa pubblica, sebbene vi siano molte somiglianze tra questi tipi di costruzione.

     

    evidenza-1.thumb.jpg.21253b219394fa74d189338e31df0c5d.jpg

  12.  

  13. Frasi-sulla-vita-Coelho.thumb.jpg.7e1f68f2448af7a51e7f0b57b31a5c7e.jpg

  14. Frasi-belle-sulla-vita-3.thumb.jpg.695b36b750636749c7abc9d5fc962aa1.jpg

    1. freeflier1

      freeflier1

      Direi piuttosto a saper discriminare tra cos'è coraggio e cos'è saggezza. Affrontare un incendio per salvare una vita è coraggio, fuggire da un incendio per salvare la propria vita è saggezza in entrambi i casi si ha paura! :)

    2. diegodelavega0

      diegodelavega0

      Senza la paura non esisterebbe coraggio. Se non hai paura sei solo un folle che non sa quello che fa. :) 

  15. frasi-vita-sogno-realta-700x700.jpg.7c47dd5b5ad3d562f09199c743a394d2.jpg

  16. Ciao diamondgilmour, piacere di conoscerti

     

  17. Avere la testa fra le nuvole è bellissimo, permette di incontrare solo gente che sa volare.

    60f037e2197e5_images(2).jpg.a9aed919fb75d81f2d0522e132b3b61c.jpg

  18. Buon pomeriggio Goffre B|

    1. goffre1

      goffre1

      Ciao anche a te

  19.  

  20.  

  21. Samurai era il nome con il quale erano conosciuti i membri della casta militare del Giappone feudale; simili sotto certi aspetti ai cavalieri dell'Europa medievale, questi guerrieri giocarono per diversi secoli un ruolo fondamentale nella storia giapponese. Il loro declino coincise con l'inizio dello Shogunato Tokugawa, che con la fine dell'epoca dei conflitti vide fortemente ridimensionata la loro figura, per poi essere completamente accantonata durante il Rinnovamento Meiji nel XIX secolo in favore di un esercito regolare di stampo europeo.

    Il nome deriva sicuramente da un verbo, saburau, che significa "servire" o "tenersi a lato" e letteralmente significa "servitore". Un termine più appropriato sarebbe risalente al periodo Edo.

    Il termine viene tuttora usato per indicare proprio la nobiltà guerriera (non, ad esempio, gli ashigaru cioè i fanti, né i kuge cioè gli aristocratici di corte). I samurai che non servivano un daimyō perché era morto o perché ne avevano perso il favore, o la fiducia, erano chiamati rōnin, letteralmente "uomo onda", che intende "libero da vincoli", ma assume sempre un significato dispregiativo.

    I samurai costituivano una casta colta, che oltre alle arti marziali, direttamente connesse con la loro professione, praticava arti zen come il cha no yu (arte del tè) o lo shodō (arte della scrittura). Durante l'era Tokugawa persero gradualmente la loro funzione militare divenendo dei semplici rōnin che spesso si abbandonavano a saccheggi e barbarie. Verso la fine del periodo Edo i samurai erano essenzialmente designati come i burocrati al servizio dello shōgun o di un daimyō, e la loro spada veniva usata soltanto per scopi cerimoniali, per sottolineare la loro appartenenza di casta.

    Durante l'era di più grande potere dei samurai il termine yumitori (arciere) veniva utilizzato come titolo onorario per un guerriero, anche quando l'arte della spada divenne la più importante. Gli arcieri giapponesi (vedi arte del kyūjutsu) sono ancora fortemente associati con il dio della guerra Hachiman.

    Un samurai prendeva il nome di rōnin (浪人 letteralmente "uomo-onda") quando il nobile padrone cui era legato moriva o perdeva la fiducia in quest'ultimo. Il bushidō prevedeva che per espiare la propria colpa e riacquistare l'onore perduto si dovesse ricorrere alla pratica dello harakiri, che significa "tagliare il ventre" e rappresenta la parte culminante della pratica del suicidio rituale denominato seppuku, attraverso lo sventramento del ventre con la spada corta wakizashi. Il venir meno a questi principi causava il disonore del guerriero, che diventava un rōnin, ossia un samurai errante alla deriva, senza onore né dignità.

    Il rōnin poteva essere disposto a lavorare per chiunque lo pagasse, oppure poteva arrivare a unirsi ad altri come lui e creare scompiglio nei villaggi, saccheggiandoli e creando confusione. Pur continuando a fare parte dell'elevata casta dei samurai, i rōnin potevano mettersi al servizio del popolo, insegnando arti marziali e di guerra, facendosi assumere come guardie del corpo (yojimbo) oppure difendendo il villaggio da aggressioni esterne.

    samurai-ronin-l.thumb.jpg.1bf6a32d2c24ecc38932708697055e8d.jpg