• Uomo
  • 48 anni
  • Bergamo (BG)
  • Ultima Visita

    Più di un mese fa

Su di me

  • Compleanno
    18 Agosto
  • Situazione sentimentale
    Sposato/a
  • Altezza
    182 cm
  • Occhi
    Marroni
  • Capelli
    Castano scuro
  • Figli
    2 figli
  • Segno Zodiacale
    Leone

Mi piace un sacco

Sport Libri Cinema Musica Tv e Serie Tv Cucina Viaggi Running Calcetto Ballo Yoga Arte Moda Fotografia HI-Tech Natura e Animali Videogiochi

Visite recenti

1721 visite al Profilo

Chi seguo Vedi tutti

MyBlog

Crea gratis il tuo blog in Wordpress e guadagna con Google AdSense

Apri il tuo Blog

I miei Blog

    Gestisci blog

    Genio

    Ad ogni domanda una risposta.
    Cosa desideri sapere?

    Fai una domanda

    Le mie domande

    Le mie risposte

      Vedi tutto

      Forum

      Lancia il tuo Forum condividi informazioni idee e opinioni

      Apri forum

      Le mie discussioni

        I miei post

          Vedi tutto

          Siti

          Scegli il tema che preferisci,
          personalizzalo come vuoi e sei subito online!

          Crea il tuo sito gratis

          Il mio sito

            Singolo aggiornamento

            Visualizza tutti gli aggiornamenti di serinascolumaca

            1.  Valzurio, la valle dell’Eden

              Valzurio-c.-Verve-1-giu.-2013-4-150x150.
               
              0155-Marmitta-Moschel-150x150.jpg
               
              0125-Leontopodium-alpinum-Rino-Olmo-150x
               

              La Valzurio: una lunga valle prodiga di suggestioni, che ha respinto il cemento e le speculazioni. Le parrocchiali di San Bernardo e di Santa Margherita, il borgo del Dosso, la cascatella del Vervé, il giardino dei prati del Moschel, il torrente Ogna con le sue acque cristalline e le sue marmitte dei giganti, i faggi secolari della baita di Verzuda Bassa, l’affresco sulla baita bassa di Remesclèr. E poi i pascoli, dove in primavera cresce il Buon Enrico (Paruc), dove vivono le marmotte che presto andranno in letargo, dove si aprono gli imbocchi delle antiche miniere abbandonate di barite: il tutto sullo sfondo del vertiginoso spigolo Nord-Ovest della Presolana e di montagne note come il Ferrante e il Timogno. Questo, in estrema sintesi, quanto è concesso di ammirare all’escursionista che desidera percorrere la parte alta della valle, dove l’occhio e il sentimento vengono catturati  dagli splendori della natura.

              Per raggiungere le baite del Moschel si imbocca, a Villa d’Ogna, la strada per Nasolino. Quindi si raggiunge Valzurio (contrada bruciata dai nazifascisti il 14 luglio 1944), dove si può sostare per una bibita all’ostello Baita Valle Azzurra e quindi, sempre in auto, si raggiunge il parcheggio di Spinelli. Da qui inizia l’escursione, di circa un’ora e trenta. La stradella, larga e comoda, taglia con ampi tornanti prati ancora ben curati e poi si inoltra in boschi secolari dove, in autunno, si possono sentire i bramiti d’amore dei cervi. Giunti in località Fopa Fosca, ci si imbatte nel Silter del Rui, ricostruito dal Comune. Qui già dal Settecento i mandriani conservavano i latticini, in quanto il casello, a causa di sorgenti fredde che salgono dal sottosuolo, era, ed è, caratterizzato da una temperatura ideale.

              Da lì, in 10 minuti, ci si lascia alle spalle il bosco e il sipario si allarga ai prati e alle stalle del Moschel, ampia zona prativa circondata da montagne stupende. Ed è proprio in questo contesto naturale di grande fascino che si torna con la mente alle parole del grande poeta bergamasco Giacinto Gambirasio, quando declamava: «Mé ve salude corne, ‘ndo ‘l canta la coturna, ‘ndo col penser a ‘s turna quando che ‘s ga ‘l magù. So chèste sime ‘l domina l’incànt de la natura, e l’aria frèsca e pura la sgura zo i pulmù» (Io vi saluto montagne, dove canta la coturna, dove col pensiero si torna quando si è tristi: su queste cime domina l’incanto della natura e l’aria, fresca e pura, purifica i polmoni). Chi è dotato di buona gamba, da qui può raggiungere le numerose baite dei pascoli circostanti, il rifugio Rino Olmo o il Rifugio Albani.

               

              http://www.bergamopost.it/vivabergamo/quattro-itinerari-facili-facili-alta-val-seriana/