• Uomo
  • 71 anni
  • Cerignola (FG)
  • Ultimo accesso

Su di me

  • Compleanno
    14 Settembre
  • Situazione sentimentale
    Sposato/a
  • Altezza
    180 cm
  • Occhi
    Altro
  • Capelli
    Altro
  • Figli
    2 figli
  • Segno Zodiacale
    Vergine

Mi piace un sacco

Sport Libri Cinema Musica Tv e Serie Tv Cucina Viaggi Running Calcetto Ballo Yoga Arte Moda Fotografia HI-Tech Natura e Animali Videogiochi

Visite recenti

57 visite al Profilo

Chi seguo Vedi tutti

MyBlog

Crea gratis il tuo blog in Wordpress e guadagna con Google AdSense

Apri il tuo Blog

I miei Blog

    Gestisci blog

    Genio

    Ad ogni domanda una risposta.
    Cosa desideri sapere?

    Fai una domanda

    Le mie domande

    Le mie risposte

      Vedi tutto

      Forum

      Lancia il tuo Forum condividi informazioni idee e opinioni

      Apri forum

      Le mie discussioni

        I miei post

          Vedi tutto

          Siti

          Scegli il tema che preferisci,
          personalizzalo come vuoi e sei subito online!

          Crea il tuo sito gratis

          Il mio sito

            Forum Box

            1. ...da un legno così storto, come quello di cui è fatto l'uomo, non si può costruire nulla di perfettamente dritto... (E. Kant)

              Le strade da percorrere sono tante, s'intricano e s'accavallano e, a volte, quella matematica prevale su quella fideistica. Si sa, gli uomini sono imperfetti e miopi e troppo facilmente s'illudono di aver trovato la verità; ma questa, a loro insaputa, nascosta tra i grovigli e nelle matasse della vita, non lesina il suo fascino alle cose imperfette e le chiama...arte. (P. Spadafina)

              Pietro Spadafina, Danceur, scultura in legno di salice ritorto, metallo e cemento, h=cm.75 (2009)

              L'immagine può contenere: trucco, tazza di caffè e cibo

            2. L'immagine può contenere: spazio al chiusoNessun testo alternativo automatico disponibile.L'immagine può contenere: spazio al chiusoMobiletto multiuso, in legno decapato, da comodino anni '60 con l'inserimento di elementi in legno naturalmente invecchiato, decorato con perle, inserti in madreperla e bullette.

            3. CHE COS'È LA BELLEZZA?

              Diceva Stendhal "la bellezza è una promessa di felicità". Si capisce da questa frase quanta importanza può avere per l'uomo il senso del bello. La Bellezza, strettamente collegata al senso visivo, si traduce in armonia di forme, forme però che, come sappiamo, non hanno una bellezza intrinseca ma essa è legata al senso del gusto, assoggettato a sua volta alla cultura, al tempo, alla morale, tanto che è l'individuo in sé, nel ristretto suo ambito mentale, a vedere la bellezza in alcune cose piuttosto che in altre. La Bellezza, quindi, non è un assoluto, varia nel tempo, varia nello spazio ed è determinata dal gusto individuale. Più gusti individuali concordano nella visione bella di un'oggettivazione, più quella situazione, che sia un evento o un'opera d'arte, viene etichettata a "Bellezza". Possiamo dire che è la maggioranza, con i suoi voti, ad eleggere a "Bellezza" una "Cosa" o, altrimenti, a ritenere, non si sa quanto giustamente, che una cosa debba essere bella. Il dover essere "Bellezza" lo stabiliscono gli esperti, quelli ai quali abbiamo concesso il ruolo e dato il potere di classificare. Basti pensare all'arte che, da un certo punto in poi, con l'avvento della modernità e ancora meglio dell'avanguardia, ha smesso di essere bella per la maggioranza, divenendo sempre più concettuale ed a volte brutta. Ma gli esperti l'hanno classificata come arte, come Bellezza. La faccenda degli esperti è divenuta in realtà un problema del mondo odierno, perché hanno cominciato a dettare anche regole di bellezza per gli esseri umani, spesso discutibili, ma facendo comunque la fortuna dei chirurghi estetici. La Bellezza, divenendo sempre più un fatto, una connotazione prettamente visiva, ha perso quasi del tutto la sua antica vibrazione. Per capirci, quella emanata dalla Venere del Botticelli, una vibrazione musicale, olfattiva, immaginativa e sognante, che univa l'uomo al divino e che era il vero scopo della capacità umana di saper vedere la Bellezza.

              Pietro Spadafina, Donna con cappello, olio su tela cm. 50x50 (2006)

              donna con cappello.jpg