• Uomo
  • Roma (RM)
  • Ultima Visita

    Più di un mese fa

Contenuti pubblicati da nedesis

  1. Piccola rosa d'inverno

    Non dovevi, ed invece eri lì,
    nonostante quel tempo sbagliato,
    scegliesti di nascere,
    per offrirti alla vita, inattesa.

    Il rosaio era spoglio,
    in letargo, a riposo,
    ma tu no, tu volevi sbocciare,
    fiorire, splendente.

    Piccola rosa d'inverno,
    bocciolo che dovevi appassire,
    senza il profumo di te,
    senza il piacere di te.

    E ti colsi, per pena,
    per amare la tua solitudine,
    piccola rosa d'inverno,
    sola, persa eppure aggrappata alla vita.

    Ti strappai al tuo inverno,
    per non farti morire,
    ti portai al sicuro,
    dove il gelo non poteva sfiorarti.

    E tu, mia piccola rosa d'inverno,
    grata per questa prova d’amore,
    pian piano tornasti a rivivere,
    e iniziasti a schiudere i tuoi ritrosi petali.

    E ti apristi a me,
    bella, elegante, lieta
    di darmi gioia, lieta
    di non morire, sterile,

    senza aver vissuto.
     

    Nedesis2016

    img_4412.jpg

  2. Controluce.jpg

    Dell'Album Gatti

    © nedesis2019

  3. Spam in mostra.jpg

    Dell'Album Gatti

    © nedesis2019

  4. Gatti

    Un Gatto bianco, ch'era presidente der circolo der Libbero Pensiero, sentì che un Gatto nero, libbero pensatore come lui, je faceva la critica riguardo a la politica ch'era contraria a li principi sui. ― Giacché num badi a li fattacci tui, ― je disse er Gatto bianco inviperito ― rassegnerai le propie dimissione e uscirai da le file der partito: ché qui la pôi pensà libberamente come te pare a te, ma a condizzione che t'associ a l'idee der presidente e a le proposte de la commissione! ― E' vero, ho torto, ho aggito malamente... ― rispose er Gatto nero. E pe' restà ner Libbero Pensiero da quela vorta nun pensò più gnente. (Trilussa - La libbertà de pensiero)
  5. da "Uccelli di rovo" di Colleen McCullough
     
    Quote

     

    La leggenda narra di un uccello che canta una sola volta nella vita, più soavemente di ogni altra creatura al mondo. Da quando lascia il nido, cerca e cerca un grande rovo e non riposa finché non lo abbia trovato. Poi, cantando tra i rami crudi, si precipita sulla spina più lunga e affilata. E, mentre muore con la spina nel petto, vince il tormento superando nel canto l'allodola e l'usignuolo. Una melodia suprema il cui scotto è la vita. Ma il mondo intero tace per ascoltare, e Dio, in Paradiso, sorride.
    Al meglio si perviene soltanto con grande dolore... o così dice la leggenda.

    L'uccello con la spina nel petto segue una legge immutabile; è spinto da non sa cosa a trafiggersi, e muore cantando. Nell'attimo stesso in cui la spina lo penetra, non ha consapevolezza della morte imminente; si limita a cantare e a cantare, finché non rimane più vita per emettere una sola altra nota. Ma noi, quando affondiamo le spine nel nostro petto, sappiamo. E lo facciamo ugualmente. Lo facciamo ugualmente.

     

     

    1. lullabyblue0

      lullabyblue0

      sublime e straziante....

    2. fleurdelys00

      fleurdelys00

      bellissimo estratto di un bellissimo racconto...

  6. Dalla finestra .jpg

    Dell'Album Alba & Tramonto

    © nedesis 2019

  7. Alba & Tramonto

  8. Agguato.jpg

    Dell'Album Gatti

    © nedesis 2019

  9. Abbraccio.jpg

    Dell'Album Gatti

    © nedesis 2019

  10. “La vita è come una commedia, non importa quanto è lunga, ma come è recitata. Che questo anno sia uno tra gli atti più belli della tua sceneggiatura”.

    (Seneca)

    BUON 2019.jpg

  11. Auguri senza fine!

    RBWm.gif

  12. Nuvole 39.jpg

    Dell'Album Nuvole

    © nedesis2018

  13. Nuvole 44.jpg

    Dell'Album Nuvole

    © nedesis2018

  14. Nuvole

    Vanno, vengono, ogni tanto si fermano e quando si fermano sono nere come il corvo, sembra che ti guardano con malocchio. Certe volte sono bianche e corrono e prendono la forma dell'airone o della pecora o di qualche altra bestia ma questo lo vedono meglio i bambini che giocano a corrergli dietro per tanti metri Certe volte ti avvisano con rumore prima di arrivare e la terra si trema e gli animali si stanno zitti certe volte ti avvisano con rumore Vengono, vanno, ritornano e magari si fermano tanti giorni che non vedi più il sole e le stelle e ti sembra di non conoscere più il posto dove stai Vanno, vengono, per una vera mille sono finte e si mettono li tra noi e il cielo per lasciarci soltanto una voglia di pioggia. ___________________________________ (Fabrizio De Andrè - Le Nuvole)
  15. Nuvole 24.jpg

    Dell'Album Nuvole

    © nedesis2018

  16. Nuvole 22.jpg

    Dell'Album Nuvole

    © nedesis2018

  17. Nuvole 40.jpg

    Dell'Album Nuvole

    © nedesis2018

  18. Nuvole 46.jpg

    Dell'Album Nuvole

    © nedesis@2018

  19. Nuvole 45.jpg

    Dell'Album Nuvole

    © nedesis@2018

  20. Nuvole 32.jpg

    Dell'Album Nuvole

    © nedesis@2018

  21. Nuvole36.jpg

    Dell'Album Nuvole

    © nedesis2018

  22. Nuvole33.JPG

    Dell'Album Nuvole

    © nedesis2018

  23. Incontri.jpg

    Dell'Album Piccolo mondo

    © nedesis@2018