• Donna
  • 31 anni
  • Bologna (BO)
  • Ultima Visita

Su di me

  • Compleanno
    13 Maggio
  • Situazione sentimentale
    Single
  • Altezza
    177 cm
  • Occhi
    Verdi
  • Capelli
    Castano chiaro
  • Figli
    No
  • Segno Zodiacale
    Toro

Mi piace un sacco

Sport Libri Cinema Musica Tv e Serie Tv Cucina Viaggi Running Calcetto Ballo Yoga Arte Moda Fotografia HI-Tech Natura e Animali Videogiochi

Visite recenti

5732 visite al Profilo

Chi seguo Vedi tutti

MyBlog

Crea gratis il tuo blog in Wordpress e guadagna con Google AdSense

Apri il tuo Blog

I miei Blog

    Gestisci blog

    Genio

    Ad ogni domanda una risposta.
    Cosa desideri sapere?

    Fai una domanda

    Le mie domande

    Le mie risposte

      Vedi tutto

      Forum

      Lancia il tuo Forum condividi informazioni idee e opinioni

      Apri forum

      Le mie discussioni

        I miei post

          Vedi tutto

          Siti

          Scegli il tema che preferisci,
          personalizzalo come vuoi e sei subito online!

          Crea il tuo sito gratis

          Il mio sito

            Forum Box

            1. Sicuramente fotogenica ! :)

              1. fleviabus

                fleviabus

                Grazie del complimento

              2. diguidavincen3
            2. Flavia nelle foto

              Mi si dice che sono fotogenica
            3. Ragazze che ne dite di raccontare la prima esperienza lesbo
              Lo chiede su https://groups.google.com/forum/#!forum/it.sesso.racconti, Fa_Li

              Io non posso sottrarmi a sì tale richiesta

              Il primo incontro di Flavia Marchetti con Saffo

              https://flaviascrittricedibellapresenza.myblog.it/2019/05/17/il-primo-incontro-di-flavia-con-saffo/

              1. silviaross87

                silviaross87

                Molto interessante 9_9

            4. Flavia Marchetti

              Quella bollente estate del 1978

               

              #014 - Bazzotto, semirigido, rigido. Duro!

               

              «Sai cosa ci vuole, Ciccio? Un bel bocchino della bella Rosy»

              «Non osavo, dopo la tua premessa... E il tuo Mimmo, poi?»

              «Mimmo è esistito solo un attimo per accalappiare la marchetta» E Tlìc imparò che anche le puttane sapevano mentire.

              «Affidati alla mia bocca, Caro. Rilassati. Quando il cazzo è sincero la bocca mi fa godere come la figa»

              Fra lingua, ganasce e palato, il fallo prese a crescere: bazzotto, semirigido, rigido. Poi... duro!

              «Visto? – sputacchiando un pelo, con un bel sorriso – Adesso per te sarà tutto un brivido»

               https://flaviascrittricedibellapresenza.myblog.it/2019/05/14/bollente-estate1978-bazzotto-semirigido-rigido-duro-14/

            5. Ciao 9_9

              1. fleviabus

                fleviabus

                Sono qua ma non ci sono sempre. Però ci sono

              2. silviaross87
              3. silviaross87

                silviaross87

                9_9

                13445027_2ef7f957-3eaa-4a01-ae9b-9c79c769e781-e1537510743787.png

            6. Flavia Marchetti
              Quella bollente estate del 1978
              #13 - Pierre-Marcel-Rosy Trio
              «Dov’ero pure rimasta?»
              «Che l’avresti data volentieri al primo che passava di lì»
              «Ma dai! È che il romanticismo delle canzoni, l’intimità di quell’ambiente così insolito e ristretto, l’effetto Sancerre e, perché no, i modi gentili ma sicuri di Pierre me lo facevano desiderare. Ero anche stanca. Mi appoggiai a lui che mi cinse le spalle con un braccio. Mi addormentai che stavo ragionando fra me e me: “Dev’essere un’esperienza eccitante farlo nella brandina dietro di noi mentre il ‘bisonte’ va e Marcel suona”

              tutto lo leggi qui

              1. tacchialti94

                tacchialti94

                Bellissimo, soprattutto il finale!

            7. Flavia Marchetti

              Quella bollente estate del 1978

               

              Tyche, la dea greca della fortuna

               

              Stavo per andare sotto allo scroscio quando la porta si aprì.

              Era Mademoiselle. Istintivamente provai a coprire con un braccio il seno con l’altra mano il pube. Era un tantino imbarazzata e non aveva più il suo passo sicuro e disinvolto. Il volto infuocato e lo sguardo magnetico lasciavano trasparire tutta la sua eccitazione.

              “Oh, scusa... credevo... volevo... volevo. Volevo solo...”

              Mi scappò una sguaiata risata. Abbassai le braccia lasciando la mia nudità ai suoi occhi e andai decisa verso di lei. La trassi a me: lingua-in-bocca.

              Era quello che avrebbe proprio voluto.

               

              Qui il racconto

              https://flaviascrittricedibellapresenza.myblog.it/2019/04/21/tyche-la-dea-greca-della-fortuna-12tyche-la-dea-greca-della-fortuna-12/

            8. Flavia Marchetti
              Quella bollente estate del 1978

              Fu tutto un sussurro, tranne una precisazione che Rosy ritenne di dover fare.

              «Che non ti venga però in mente di andare oltre... Non mi piace molto, sai, non guardarti negli occhi mentre lo facciamo. Ma se mi dici che così è più bello facciamolo pur strano»

              Lei si era posizionata col suo bel culo sulla sponda del letto. Lui, in piedi, la prese per i fianchi. Intanto il cazzo scivolava in Lei. Volse il capo indietro cercando il suo sguardo: «Hai ragione. Così vai più a fondo. Non lo faccio mai. Ohh, Tlìc, come è bello!»

               

              Qui il racconto completo

            9. il mio mondo

              Quello che mi gira attorno: il mio scrivere. la città dove vivo, i personaggi dei miei racconti, i luoghi dove vado, i miei twit Seguimi su Twitter: @DIScrittrice
            10. Flavia Marchetti
              Quella bollente estate del 1978

              09- Nello studio del prof. Braibanti

               

              «È proprio una serata perfetta per raccontarci amori passati e futuri... Guarda, guarda quei due sulla spiaggia che stanno scopando»

              Era una notte luminosa e dal balcone si vedeva una larga porzione di spiaggia. Milly l’esplorava commentando. Marghy e Tlìc erano indaffarati a spostare un materasso sul terrazzo. Poi lui denudò lei con baci e carezze. Lei fece la stessa cosa con lui per concludere prendendogli il cazzo in bocca per un breve giro turistico.

              Marghy e Tlìc si sedettero sul materasso che ora era ben esposto ai raggi lunari.

              «Dov’ero rimasta?»

              «Stavi per raccontare quando hai sedotto il tuo Mirko»

               

              Qui il racconto completo

              https://flaviascrittricedibellapresenza.myblog.it/2019/04/07/nello-studio-del-prof-braibanti-09/

            11. Flavia Marchetti
              Quella bollente estate del 1978

              Rosy-08

              Marghy quando si dedicava ai testi di Monica, quasi tutti pornografici, lo faceva sempre stando nuda. “Riesco meglio ad immedesimarmi nella trama e nelle emozioni dei personaggi“ E così era anche in quel tardo pomeriggio di agosto. Tlìc la guardò con maggior attenzione mentre lei continuava a leggere e a battere sui tasti. Ogni tanto respirava profondamente aprendo le scapole e spingendo il capo in alto e all’indietro per sgranchirsi. Le sode tette schizzavano in primo piano, tanto per usare il linguaggio fotografico di Tlìc.

              “Era sempre una gran figa!” e Tlìc sentì crescere in sé il richiamo di quel corpo. Si mise in tutta libertà, come eufemisticamente si dice e constatato il perfetto tiraggio del priapo azzardò seppur in maniera cruda, una proposta:...

              https://flaviascrittricedibellapresenza.myblog.it/2019/04/04/lavia-marchetti-quella-bollente-estate-del-1978-rosy-08/

            12. Flavia Marchetti
              Quella bollente estate del 1978

              #07 – La pluie d’or

              Senonché, le ragazze che intanto avevano esaurito la loro prima performance stavano coccolandosi vicendevolmente e fra risatine allusive fermarono Tlìc e le sue intenzioni: «E di lui cosa ne facciamo?»

              Milly sussurrò qualcosa nell’orecchio della nuova amica: «Ma, dai. Va là. Non ci sta mica»

              «Se glielo spiego io vedrai»

              Milly lasciò il talamo e si avvicinò a lui e confabularono ridendo qua e là: «Però prima me la dai»

              «Anche subito»

              Calarono le braghe e gli altri indumenti di Tlìc.

               

              Completo lo puoi leggere qui

              https://flaviascrittricedibellapresenza.myblog.it/2019/04/02/la-pluie-dor-07/

            13. Sono solo tre mesi, oggi, che ci frequentiamo.

              Intensamente. 

              E oggi Oscar ha voluto così festeggiare:

              fiori di zucca ripieni e fritti, tagliatelle al ragout, tartare con insalata di carciofi  crudi, zuppa inglese, tokai friulano, ripasso veronese e calvados della Normandia per stordirmi: non ce n'era bisogno.

              Tutto in quel meraviglioso tmpio della cucina petroniana che è la Rosteria Luciano.

              Poi un rhum da me per un intimo brindisi al nostro giovane amore.

              Tanto giovane e pieno  di dolci energie.

              Grazie Oscar !!

               

               

               

               

            14. Flavia Marchetti
              Quella bollente estate del 1978

              05- Il capanno era verniciato di bianco con strisce rosse.

               

              Il successo di Marghy si era poi manifestato con la biondina del bar del bagno che quando a Marghy si era slacciato il reggiseno del costume era intervenuta per rimetterglielo a posto.

              «Non posso crederci, Tlìc, nell’aiutarmi mi ha palpato una tetta!» Aveva sussurrato, all’orecchio del fidanzato.

              «Ma dai, Marghy, vedi attacchi saffici ovunque. Non è che ti mancano le pistolate con Monica?»

              «Se debbo dirti la verità la biondina me la farei volentieri»

              «Se vuoi provarci so come fare per verificarne le tendenze»

               

              Completo lo puoi leggere qui

              https://goo.gl/L9nCR5

            15. 04- Hotel Bellevue de la mer

              ... e dal momento che si trovava nudo su un balcone in bella vista a una giovane sconosciuta, scatenò in lui una tempesta narcisistica. Innanzitutto il membro si irrigidì ed eresse e lui cominciò a mettersi in posizioni dove presumeva che meglio risaltasse il suo vigore. La ragazza invece parve non entusiasmarsi a quella visione e non diede alcun segnale di averlo notato. Dopo una irrilevante, casuale occhiata continuò imperterrita a stendere la sua biancheria.

              Lo leggi qui:
              https://goo.gl/YBahZe