• Donna
  • 31 anni
  • Bologna (BO)
  • Ultima Visita

Su di me

  • Compleanno
    13 Maggio
  • Situazione sentimentale
    Single
  • Altezza
    177 cm
  • Occhi
    Verdi
  • Capelli
    Castano chiaro
  • Figli
    No
  • Segno Zodiacale
    Toro

Mi piace un sacco

Sport Libri Cinema Musica Tv e Serie Tv Cucina Viaggi Running Calcetto Ballo Yoga Arte Moda Fotografia HI-Tech Natura e Animali Videogiochi

Visite recenti

9497 visite al Profilo

Chi seguo Vedi tutti

MyBlog

Crea gratis il tuo blog in Wordpress e guadagna con Google AdSense

Apri il tuo Blog

I miei Blog

    Gestisci blog

    Genio

    Ad ogni domanda una risposta.
    Cosa desideri sapere?

    Fai una domanda

    Le mie domande

    Le mie risposte

      Vedi tutto

      Forum

      Lancia il tuo Forum condividi informazioni idee e opinioni

      Apri forum

      Le mie discussioni

        I miei post

          Vedi tutto

          Siti

          Scegli il tema che preferisci,
          personalizzalo come vuoi e sei subito online!

          Crea il tuo sito gratis

          Il mio sito

            Forum Box

            1. Ciao, non ho dimenticato, solamente è da un pò che mi è assalita una cecagna, come mi sembra si dica a Roma. Hai un curriculum di tutto rispetto e buoni agganci, per cui non ti devo consigliare in niente, anzi sei tu che puoi insegnare a me. Perciò scusami se ti sono apparso presuntuoso e professorino. "Mu....ve .... svicolo a tutta manzina e ci si sente".

              Bene ora siamo un po' generosi e vere p........ (uomini compresi) e diamo un pò di pane agli affamati.

               

              1. fleviabus

                fleviabus

                Non ti preoccupare mi hai detto cose che ci stavano e non posso che ringraziarti.  Se posso inviarti ancora le mie cose fra un po' arrivo con una novità. Grazie 

              2. hocuradite

                hocuradite

                Manda pure che mi fa piacere leggerle, inoltre riceverle direttamente dall'autrice è ancora più piacevole. Poi quella cosa in sospeso non ti preoccupare che finisco di scriverla. Ci si sente.

                ps: poi quella cosa sopra aspetto un pò e poi la cancello purtroppo: la caccia alle streghe e agli stregoni è sempre aperta. Ne avrei una anche di elogio per una certa cosa che al nostro Tinto piacerebbe.

            2. Ciao, l'ho quasi letto tutto il tuo blog, bello mi piace...👍👍. Ma le hai vissute veramente quelle situazioni o e fantasia? Davvero complimenti.

            3. Intrigante anche il tuo hobby, ti invidio. Io non capisco una mazza di musica popp. Pensi che un bravo dj riesca a fare qualcosa di decente anche con muiche di Chopin, Liszt, Satie, Brhams, Debussy ecc.?

              1. Visualizza i commenti precedenti  altro %s
              2. maffi1976

                maffi1976

                Complimenti anche per il tuo di hobby. Che genere ti piace scrivere? Di cosa ti occupi oltre al tuo hobby?

              3. fleviabus

                fleviabus

                Con mamma, storica ex cronista di un quotidiano locale abbiamo impiantato un'agenzia di comunicazione. Quindi scrivo sia per vivere  che per sognare. Il genere? Si comprende  meglio se dai unocchiata al mio profilo e al blog,

                Ciao,

                 

              4. maffi1976

                maffi1976

                Erotico? Tipo 100 colpi di spazzola?

                 

            4. Wow... Mi piace la tua presentazione, schietta, decisa, senza tanti giri di parole, ciao ciao...

               

              1. fleviabus

                fleviabus

                Grazie anche da parte della mia smodata vanità

            5.  

              … con grande discrezione, ai primi segnali dell’eccitazione che stava montando, avevo loro girato le spalle nonostante qualche approccio di Oscar di tirarmi nel vortice. Addirittura aveva provato ad infilarsi con il cazzo sotto la succinta veste che indosso di notte: un bollente dardo a cui però avevo saputo resistere. E mi ero immersa nella lettura dell’e–book: Dostoevskij, I Diavoli. Ancora qualche rigurgito di passione da parte dei due amanti poi i loro regolari respiri avevano accompagnato il prosieguo della mia lettura.

              https://flaviascrittricedibellapresenza.myblog.it/2019/08/05/mamma-anche-tu/

            6. Flavia Marchetti

              Quella bollente estate del 1978

               

              #34 – Beauté pour dames e sesso sul patino

               

              si spogliarono completamente e si tuffarono. Il giorno era stato molto caldo e l’acqua che li lambiva era tiepida. I loro corpi erano bollenti. Volteggiarono nell’acqua uno accanto all’altra. Si toccarono, strusciarono, abbracciarono. Silvia si attaccò più volte alla bocca di lui e lui ai salmastri capezzoli di lei. Gioco chiama gioco e lei si issò sul patino. In piedi si mostrò a lui, in acqua. Poi si sdraiò sui legni del piccolo natante lasciando sporgere il bacino e ciondolare le gambe divaricate in acqua. Il messaggio non era difficile da interpretare

              https://flaviascrittricedibellapresenza.myblog.it/2019/08/04/beaute-pour-dames-e-sesso-sul-patino-34/

            7. Flavia Marchetti

              Quella bollente estate del 1978

               

              #32 – La prima colazione al Bellevue de la mer

               

              Silvia aveva assunto modi di fare ben più baldanzosi e gioviali. Quando portò in tavola burro e marmellate, addirittura, si era cambiata d’abito: aveva spianato un due pezzi composto da uno striminzito reggiseno, leggerissimo e color carne, che lasciava trasparire quella vera, sopra una corta sottana larga che solo ipoteticamente celava l’inesistente biancheria.

              Sarcasticamente giunse il commento di Rosy «Chi l’avrebbe mai detto che pure la mia sorellona, un giorno si sarebbe messa a puttaneggiare»

              Mamma Claire se ne andò contrariata da quell’atmosfera, per lei, troppo boccaccesca.

               

              il racconto

              1. hocuradite

                hocuradite

                Sono stato sempre affascinato dalle parole. Trovo il termine "puttaneggiare" che hai scelto sublime.  Solo apparentemente triviale, invece così colto, ironico, leggero. Mi ricorda il binomio amore-amoreggiare.

                Ps: se non l'hai già fatto a questo punto a mamma Claire bisogna dare un po' di meritata attenzione, poverina, così sola, giudicante, bisognosa di ...... affetto.

              2. fleviabus

                fleviabus

                Vedrai. nelle prossime puntate ci sarà il dovuto anche per l'elegante Claire: scimmiottando il gergo maschile potrei dire di lei "Una vera mandrilla"

                Nella narrazione erotica non c'è posto per 'pie donne' e 'santarelline'

                Se ti piace il genere ti omaggerei di un mio e-book. Però mi devi far avere una tua e-mail perché questo messager non li accetta come allegati

                Grazie dell'attenzione

              3. hocuradite

                hocuradite

                Non vedo l'ora di conoscere la giusta punizione o ricompensa che avrà.
                Per noi uomini comunque  le santarelline ci piacciono tanto, ma tanto tanto. O quelle   insospettabili  ragazze dalla doppia vita o personalità, per lo stupore dell'inaspettato che ci suscitano; oppure quelle veramente brave ragazze ma che si lasciano educare alla retta via della perdizione, per la soddisfazione di averle educate per benino.
                Se dovessero poi imparare troppo bene ci rassegneremo ad essere dei comprensivi e felici cornuti.

                È un piacere ricevere la tua attenzione e il tuo dono. 
                Ti lascio un mio indirizzo email secondario nella tua messaggistica privata. Per problemi informatici non posso aprire formati compressi ricevuti (tipo ZIP).
                Grazie per il tuo gesto.

            8. Flavia Marchetti

              Quella bollente estate del 1978

               

              #31 – E venne Silvia

               

              Lui sciolse uno dei due laccetti del bikini, l’unico vestiario che indossava e il pezzo di sotto cadde. Subito una mano volò fra le morbide cosce di Silvia: il pollice violò la fessura e una falange bussò al buco del culo.

              Silvia gli sorrise con dolcezza.

              https://flaviascrittricedibellapresenza.myblog.it/2019/07/19/e-venne-silvia-31/

              1. silviaross87

                silviaross87

                Intrigante :D

              2. hocuradite

                hocuradite

                Concordo. Peccato che raramente si invertono le parti.

              3. hocuradite

                hocuradite

                Tò.... cara guarda una monetina in spiaggia...Nooooo ... non raccoglier...... Zum Pappà ... Zum Pappà.

            9. Quella bollente estate del 1978
               

              #30 – Se non fosti il pataca che sei

               

              Mentre lui esauriva la propria sorgente restarono talmente stretti una all’altro che la loro unione poteva definirsi fusione. Lei giocò sul tragico: «Pensa Tlìc, se un fulmine ci avesse colpito ci avrebbero trovati così, uniti e carbonizzati. Sono sicuro che le mie figliuole ci avrebbero sepolti assieme senza separarci. Che bello! Per l’eternità mentre godiamo. Penso che questa sia la fine che auspica ogni innamorato»

              Tlìc, un po’ superstizioso non accolse con piacere quella riflessione e le rispose in maniera triviale:

              «Ma fatti ben dare nel culo» e quasi per ritorsione sfilò il cazzo dalla patonza.

              «No, non fare così! È stato così bello!» La perdonò. Glielo rimise dentro.

               

              Qui il racconto completo

            10. Adesso sono visibile in internet inserendo "Genius Cotellessa" nel motore di ricerca di Google. E' necessario cliccare sull'immagine della premiazione come 1 classificato nel premio internazionale di poesia e letteratura per vedere la relativa mia presentazione, 

            11.  

              Flavia Marchetti

              Quella bollente estate del 1978

               

              #29 – La festa per la Momò

               

              Marghy, in quel momento aveva accanto a sé, in piedi, Silvia.

              Silvia, quel giorno aveva voluto vestirsi da figa per far colpo su Tlìc: gonna larga e un bel po’ corta, mutandine molto raffinate che celavano l’essenziale. Una camicetta così leggera da mostrare, in trasparenza, ingigantite, le aureole dei capezzoli.

              La mano di Marghy partì dalla sua caviglia. Dopo il ginocchio la mano rallentò per gustare ogni palmo che toccava. Arrivò alla lingerie e si insinuò fra il merletto e le tenere carni attorno alla vulva. La ragazza strinse gli occhi e inspirò visibilmente e, più per convenienza che per piacere, accarezzò il capo della palpeggiatrice impenitente.

              https://flaviascrittricedibellapresenza.myblog.it/2019/07/14/la-festa-per-la-momo-29/

               

            12. Un po' del post che ho caricato oggi sul blog

               

              Flavia Marchetti

              Quella bollente estate del 1978

               

              #27 – Un pomeriggio di tregua

               

              Sfoderò tutta la sua arte di seduzione, la ragazza. Compreso: «se vuoi ti faccio qualche carezza all’uccello. Tanto con tutto quello che hai finora bevuto è difficile che anche un cazzo che si rispetti rimanga in erezione»

              «Invece... solo a starti vicino ho mantenuto quella che mi ha suscitato la Momò» Lei arrossì. Lui le stampò un bacio sulle labbra.

               QUI IL RACCONTO

               

               

               

            13. ho messo un post  sul blog

              Flavia Marchetti

              Quella bollente estate del 1978

               

              #26 – Stoccolma

               

              Rosy che si era seduta di fianco a La Momò la teneva impegnata con domande che potevano anche sembrare intelligenti sulla sua attività di porno scrittrice. In fondo non gliene fregava niente. Era solo la scusa per starle vicino, toccarle ora la coscia, ora un fianco, ora una porzione di tetta. Finché non riuscì ad infilarle una mano sul basso ventre.

              Marghy fra un gesto affettuoso e l’altro aveva preso la mano di Tlìc e gli aveva fatto toccare il pelo del pube. Un segnale esplicito più che mai.

              Silvia che aveva compreso la situazione si immolò: «Se volete ritirarvi rimetto in sesto io l’ambiente»

              QUI IL RACCONTO COMPLETO

            14. molto belli i racconti ma lasci molto poco all'immaginazione... ed è un vero peccato

              1. chiaraoscura4

                chiaraoscura4

                concordo... troppo volgare

              2. hocuradite

                hocuradite

                Attenzione Chiaretta, non è un problema di volgarità. Questa sè esercitata con qualità ha una sua dignità. La volgarità è solo uno stile e una forma di linguaggio. Non è neanche un problema di immaginazione, nel senso di esprimersi in modo diretto, palese, analitico  e descrittivo. Erotismo opposto alla pornografia lo ritengo  un pericoloso dibattito ideologico.  

                Già mi ero espresso sulla cosa in un precedente intervento. La questione è molto semplice: in ciò che scrivo riesco a creare un percorso narrativo,  un interesse, delle suggestioni, delle atmosfere, un ritmo? L'autrice è solo una simpatica porcellina o anche una scrittrice di talento? Sta seguendo una sua vocazione o vende solo un prodotto?

                Ovviamente lascio all'autrice aprire il dibattito se è interessata.