• Uomo
  • 80 anni
  • Ultima Visita

Su di me

  • Compleanno
    3 Maggio

Mi piace un sacco

Sport Libri Cinema Musica Tv e Serie Tv Cucina Viaggi Running Calcetto Ballo Yoga Arte Moda Fotografia HI-Tech Natura e Animali Videogiochi

Visite recenti

3545 visite al Profilo

Chi seguo Vedi tutti

MyBlog

Crea gratis il tuo blog in Wordpress e guadagna con Google AdSense

Apri il tuo Blog

I miei Blog

    Gestisci blog

    Genio

    Ad ogni domanda una risposta.
    Cosa desideri sapere?

    Fai una domanda

    Le mie domande

    Le mie risposte

      Vedi tutto

      Forum

      Lancia il tuo Forum condividi informazioni idee e opinioni

      Apri forum

      Le mie discussioni

        I miei post

          Vedi tutto

          Siti

          Scegli il tema che preferisci,
          personalizzalo come vuoi e sei subito online!

          Crea il tuo sito gratis

          Il mio sito

            Singolo aggiornamento

            Visualizza tutti gli aggiornamenti di fel55

            1. CASTELSARACENO

               

               

              Ecco un’altra meraviglia

               

              Della Terra dei Lucani.

               

              Castelsaraceno, pittoresco

               

              “ Paese dei due Parchi “:

               

              Ad occidente l’Alpi boscoso del Pollino,

               

              ad oriente il calvo monte Raparo

               

              ai margini del Parco della Val D’Agri – Lagonegrese.

               

              Habitat di lupi, aquile e gufi reali, falconi,

               

              lontre e picchi neri.

               

              E regno di faggeti, castagneti e pini loricati

               

              Che somigliano al nostro amore corazzato

               

              Contro il tempo vorace.

               

              Ah, se fossimo ancor in età giovanile!

               

              Saremmo ai piedi della compatta cascata

               

              Del Torrente Racanello

               

              E immersi nel laghetto sottostante

               

              Come timida ninfa tu

               

              E fauno famelico io.

               

              Ci basta aver risalito la china

               

              Che porta al bosco delle novelle castagne,

               

              da noi raccolte con rito quasi religioso.

               

              E aver assistito al taglio del tronco

               

              Che s’eleva come “antenna”,

               

              trofeo per l’ardito fortunato

               

              che ne farà legna per l’imminente inverno

               

              come da atavica consuetudine.

               

              E ci ha dato felicità di coppia,

               

              al rientro in pullman,

               

              tenere stretta la tua eburnea mano

               

              tra le mie amorevoli mani.