• Uomo
  • 81 anni
  • Ultima Visita

    Più di un mese fa

Su di me

  • Compleanno
    3 Maggio
  • Occhi
    Marroni
  • Capelli
    Brizzolati
  • Figli
    1 figlio
  • Segno Zodiacale
    Toro

Mi piace un sacco

Sport Libri Cinema Musica Tv e Serie Tv Cucina Viaggi Running Calcetto Ballo Yoga Arte Moda Fotografia HI-Tech Natura e Animali Videogiochi

Visite recenti

7704 visite al Profilo

Chi seguo Vedi tutti

MyBlog

Crea gratis il tuo blog in Wordpress e guadagna con Google AdSense

Apri il tuo Blog

I miei Blog

    Gestisci blog

    Genio

    Ad ogni domanda una risposta.
    Cosa desideri sapere?

    Fai una domanda

    Le mie domande

    Le mie risposte

      Vedi tutto

      Forum

      Lancia il tuo Forum condividi informazioni idee e opinioni

      Apri forum

      Le mie discussioni

        I miei post

          Vedi tutto

          Siti

          Scegli il tema che preferisci,
          personalizzalo come vuoi e sei subito online!

          Crea il tuo sito gratis

          Il mio sito

            Singolo aggiornamento

            Visualizza tutti gli aggiornamenti di fel55

            1.  

              MONTALE

              Ai tuoi piedi

               

              Mi sono inginocchiato ai tuoi piedi

              o forse è un’illusione perché non si vede

              nulla di te,

               i miei peccati

              attendendo il verdetto con scarsa fiducia

              e debole speranza non sapendo

              che senso hanno quassù, il prima e il poi

              il presente il passato l’avvenire

              e il fatto che io sia venuto al mondo

              senza essere consultato.

              Poi penserò alla vita di quaggiù

              non “ sub specie aeternitatis “,

              non risalendo all’infanzia

              e agli ingloriosi fatti che l’hanno illustrata

                                                                per poi ascendere a un dopo

              di cui sarò all’anteporta.

              Attendendo il verdetto

              che sarà lungo o breve grato o ingrato

              ma sempre temporale e qui comincia

              l’imbroglio perché nulla di buono è mai pensabile

                                                                                 nel tempo,

              ricorderò gli oggetti che ho lasciati

              al loro posto, un posto tanto studiato,

              agli uccelli impagliati, a qualche ritaglio

              di giornale, alle tre o quattro medaglie

              di cui sarò derubato e forse anche

              alle fotografie di qualche mia Musa

              che mai seppe di esserlo,

              rifarò il censimento di quel nulla

              che fu vivente perché fu tangibile

              e mi dirò se non fossero

              queste solo e non altro la mia consistenza

              e non questo corpo ormai incorporeo

              che sta in attesa e quasi si addormenta.

              1. fel55

                fel55

                Ora che son vittima

                di lunga e fastidiosa

                convalescenza,

                non segni di apprensione,

                malessere e insofferenza

                vorrei leggere nel tuo viso

                e nei tuoi atti quotidiani,

                ma chiari segni di comprensione

                e di tenerezza.