• Uomo
  • 66 anni
  • Ultima Visita

Su di me

  • Compleanno
    4 Marzo
  • Segno Zodiacale
    Pesci

Mi piace un sacco

Sport Libri Cinema Musica Tv e Serie Tv Cucina Viaggi Running Calcetto Ballo Yoga Arte Moda Fotografia HI-Tech Natura e Animali Videogiochi

Visite recenti

43982 visite al Profilo

Chi seguo Vedi tutti

MyBlog

Crea gratis il tuo blog in Wordpress e guadagna con Google AdSense

Apri il tuo Blog

I miei Blog

    Gestisci blog

    Genio

    Ad ogni domanda una risposta.
    Cosa desideri sapere?

    Fai una domanda

    Le mie domande

    Le mie risposte

      Vedi tutto

      Forum

      Lancia il tuo Forum condividi informazioni idee e opinioni

      Apri forum

      Le mie discussioni

        I miei post

          Vedi tutto

          Siti

          Scegli il tema che preferisci,
          personalizzalo come vuoi e sei subito online!

          Crea il tuo sito gratis

          Il mio sito

            Singolo aggiornamento

            Visualizza tutti gli aggiornamenti di azdgl0

            1.  

              SCOPERTA DI RELAZIONI FONDAMENTALI TRA VARIAZIONI DI ENERGIA POTENZIALE, ENERGIA CINETICA E FORZE DI 1 (QUANTITA' DI MOTO) E 2 POTENZA (FORZA F=MA) DEL DOTT. GIUSEPPE COTELLESSA CHE SUPERA LA VISIONE DELLA FISICA DI NEWTON E DI EINSTEIN DISCOVERY OF FUNDAMENTAL RELATIONSHIPS BETWEEN VARIATIONS OF POTENTIAL ENERGY, KINETIC ENERGY AND FORCES OF 1 (MOMENTUM) AND 2 POWER (FORCE F = MA) OF DR. GIUSEPPE COTELLESSA EXCEEDING THE VISION OF THE PHYSICS OF NEWTON AND EINSTEIN

               
              Dott. Giuseppe Cotellessa
               
               
              Immagine%2Bquantit%25C3%25A0%2Bdi%2Bmoto%2Benergia%2Bcinetica..bmp
               
               

              Il procedimento del brevetto ENEA RM2012A000637 del Dott. Giuseppe Cotellessa, che è un procedimento fisico-matematico che unifica energia-spazio-tempo in un unico grafico tridimensionale per l'interpretazione oggettiva della realtà, ha consentito come una delle prime applicazioni a livello di teoria di comprendere l'esistenza di gravi e importanti lacune ed errori nell'interpretazione dei fenomeni fondamentali alla base delle leggi e principi fondamentali attuali della fisica.
               
              La fisica di Newton è basata su gravissimi errori nelle sue assunzioni.
               
              1) Considera l'energia e la quantità di moto come quantità isolate che non comunicano tra loro in quanto è ritenuto che siano grandezze non collegate tra loro.
               
              2) Ognuna di queste grandezze singolarmente , energia e quantità di moto,  soddisfa ai principi generali di conservazione.
               
              2a) l'energia si conserva solo negli urti elastici
               
              2b) la quantità di moto si conserva sia negli urti elastici che anelastici.
               
              3) la massa è definita come m = f/a
               
              La visione del Dott. Cotellessa supera tutte queste gravi lacune ed errori in quanto:
               
              1) Considera che la quantità di moto ed energia siano grandezze legate fisicamente e matematicamente.
               
              q= mv = d(Ec)/dv = d(Ep)/dt = d(mh)/dt
               
              Ec = ∫mvdv
               
              Ep = ∫mvdt
               
              dove q = mv è quantità di moto
               
              m è la massa secondo la definizione del Dott. Giuseppe Cotellessa (m=Ep/h).
               
              v è la velocità
               
              h è l'altezza dal centro di gravità del corpo più grande.
               
              Ec energia cinetica meccanica
               
              Ep energia potenziale meccanica.
               
              Quindi in natura esiste una conversione continua tra energia e quantità di moto come avviene in modo analogo tra quantità di moto e forza f= d(mv) / dt
               
              La definizione della massa come
               
              m = Ep/h è importantissima.
               
              Basti pensare che grazie a questo errore fondamentale di Newton che 
               
              m = f/a
               
              Einstein stesso non accorgendosene ha sviluppato tutta la teoria di relatività ristretta in quanto m è risultata funzione della velocità
               
              Se 
               
              m = Ep/h
               
              in questo caso è una definizione statica non dinamica e quindi non dipende più dalla velocità
               
              Con questa ottica bisogna considerare che partendo da un'assunzione sbagliata non si può che creare una teoria sbagliata.
               
               
              Secondo la visione originale del Dott. Giuseppe Cotellessa la formulazione corretta dell'energia potenziale meccanica è:
               
              1) Epm = mh
               
              dove 
               
              Epm è energia potenziale meccanica
               
              m è la massa 
               
              h è l'altezza rispetto al baricentro della massa più grande, secondo le nozioni elementari di fisica classica.
               
              in analogia con la definizione di energia potenziale elettrica
               
              Epe = qV
               
              dove:
               
              Epe è l'energia potenziale elettrica
               
              q è la carica elettrica
              V è il potenziale elettrico
               
              Queste definizioni originali sono importanti per i seguenti motivi:
               
              E' noto in fisica classica che per il principio di conservazione dell'energia la somma dell'energia cinetica più l'energia potenziale meccanica è costante.
               
              La scoperta originale del Dott. Giuseppe Cotellessa è importante perchè spiega in modo originale il meccanismo di come avviene la trasformazione tra energia potenziale in quella cinetica e viceversa:
               
              Quando l'energia potenziale meccanica varia nel tempo (in realtà la variazione del tempo coincide in questo caso con la variazione dello spazio) si ha la generazione di quantità di moto:
               
              2) q = mv = d(Epm)/dt = d(mh/dt)
               
              Questa quantità di moto viene automaticamente convertita in energia cinetica
              con l'integrazione della quantità di moto rispetto alla velocità.
               
              In formula 
               
              Ecm = ∫mvdv = 1/2mv2
               
              Queste relazioni sono importantissime sotto l'aspetto concettuale fisico.
               
              Quindi la quantità di moto assume la funzione di una grandezza intermedia tra le energie meccaniche e la forza intesa come f = ma.
               
              Ep = ∫mvdt = ∫dt∫madt
               
              Ec = ∫mvdv
               
              a loro volta:
               
              q = mv = d(1(2mv2) dv = d(mh)/dt
               
              f = ma = d2(Ep)/d2t
               
              Fisicamente  nella conversione da energia potenziale in energia cinetica succedono i seguenti fenomeni:
               
              La variazione dell'ergia potenziale in funzione dell'altezza genera la quantità di moto.
               
              La creazione della quantità di moto e il suo aumento nel tempo genera da una parte l'energia cinetica e dall'altra crea la forza mg.
               
              In pratica come reazione dell'aumento della quantità di moto per la diminuzione di energia potenziale si ha una reazione negativa in quanto l'incremento della quantità di moto viene contrastata nella conversione di quantità di moto in energia cinetica e in aumento della forza f=ma.
               
              La quantità di moto agisce come una funzione tampone tra soluzioni acide e basiche in chimica.
               
              E' un processo di regolazione tra conversione delle varie forme di energia e di conversione tra energia e forza.
               
              L'incremento della quantità di moto ha l'effetto di generare contemporaneamente energia cinetica 1/2mv2 e forza f=ma.
               
              La diminuzione della quantità di moto provoca sia la dininuzione dell'energia cinetica che la diminuazione della forza.
               
               
              Fisicamente  nella conversione da energia cinetica in energia potenziale succedono i seguenti fenomeni:
               
              La diminuzione di energia cinetica fa diminuire  la quantità di moto che viene convertita in aumento di energia potenziale e fa  diminuire la forza f = ma.
               
              Queste considerazioni sono importantissime alla base di riformulazione di tutti i principi fondamentali della fisica:
               
              Ad es nel caso del crollo del ponte Morandi l'impatto diretto del vento forte sulle strutture del ponte faceva convertire elevata energia cinetica del ponte in quantità di moto che contemporaneamente veniva convertita in forze sul ponte e in forte aumento di energia potenziale dei componenti del ponte che poteva causare l'insorgenza di elevate forze distruttive.
               
              Il valore delle forze create dalla definizione dell'impulso dipende dalla velocità del tempo di conversione della quantità di moto in forza.
               
              Per la salvaguardia del ponte e la sua lunga durata nel tempo occorre trovare i materiali che fanno convertire lentamente le quantità di moto in forze, che in questo modo grazie al teorema dell'impulso risultano di bassa intensità e impedire la conversione di elevata energia cinetica del vento e del passaggio delle automobili in bassi valori delle quantità di moto come ridurre la velocità del vento sulle strutture del ponte e la velocità delle automobili nel passaggio della strada sul ponte.
               
              La progettuazione delle strutture civili ed industriali si basano tutte sui principi di conservazione statica dell'energia e della quantità di moto come mondi isolati e separati non comunicanti tra loro.
               
              Bisogna ridefinire i principi e le condizioni di equilibrio dei sistemi fisici, non più banalmente come risultante nulla delle forze per gli spostamenti e del momento nullo delle forze di rotazione con i relativi principi di conservazione delle quantità di moto e dei relativi momenti delle quantità di moto.
               
              Nel caso degli urti bisogna considerare che occorre partire dai valori delle energie meccaniche che si convertono in quantità di moto e quest'ultime in forze 
               
              f = ma.
               
              Bisogna riconsiderare anche i modelli atomici in quanto gli stessi meccanismi valgono per le leggi elettriche.
               
              Bisogna prevedere anche nel mondo elettrico l'esistenza dell'energia cinetica elettrica
               
              Ece = 1/2qe2
               
              che si traforma in quantità di moto elettrica 
               
              p = ev
               
              e forza elettrica fE
               
              fE= qE = dp/dt.
               
              Bisogna considerare che in modo simmetrico valgano nel mondo elettrico le stesse consederazioni fatte per il mondo meccanico, anche se in questo caso è meno agevole controllare la quantità di carica elettrica nei corpi come le rispettive singole velocità delle cariche elettriche come quelle degli elettroni e protoni.
               
              La carica elettrica può essere definita cone
               
              q= E/V
               
              e im modo simile alla corretta definizione della massa meccanica secondo la visione del Dott. Giuseppe Cotellessa non dipende più dalla velocità
               
              m= Ep/h
               
              Quindi il potenziale meccanico h ha l'equivalente nel potenziale elettrico V
               
              Nella fisica di Newton attualmente al potenziale elettrico V corrisponde il potenziale meccanico gh.
               
              Queste considerazioni sono importantissime perchè fanno comprendere che la fisica attuale è inadeguata alla interpretazione della realtà fisica. Queste errate impostazioni possono causare dei gravi disastri nelle opere finora realizzate.
               
              L'applicazione di queste considerazioni dovrebbero ricevere la prorità dal mondo politico e dai mass media ufficiali per riformulare velocemtne tutta la struttura della fisica in modo da garantire la costruzione ed il rifacimento di opere pubbliche che in base a questi principi garantiscano veramente la stabilità e la sicurezza.
               
              Ho preferito pubblicare rapidamente questi importanti concetti non appena li ho concepiti pittosto che perfezionarli e pubblicarli con ritardo per l'importanza dei loro effetti e dele loro conseguenze nel mondo applicativo.
               
              ENGLISH
               
              The procedure of the ENEA patent RM2012A000637 by Dr. Giuseppe Cotellessa, which is a physical-mathematical procedure that unifies energy-space-time in a single three-dimensional graph for the objective interpretation of reality, has allowed as one of the first applications at the level of theory to understand the existence of serious and important gaps and errors in the interpretation of fundamental phenomena at the base of current laws and fundamental principles of physics.
               
              Newton's physics is based on very serious errors in his assumptions.
               
              1) Considers energy and momentum as isolated quantities that do not communicate with each other as it is considered that they are quantities that are not connected to each other.
               
              2) Each of these quantities individually, energy and momentum, meet the general principles of conservation.
               
              2a) energy is conserved only in elastic shocks
               
              2b) the momentum is conserved both in elastic and inelastic collisions.
               
              3) the mass is defined as m = f / a
               
              The vision of Dr. Cotellessa overcomes all these serious gaps and errors because:
               
              1) Considers that momentum and energy are physical and mathematically related quantities.
               
              q = mv = d (Ec) / dv = d (Ep) / dt = d (mh) / dt
               
              Ec = ∫mvdv
               
              Ep = ∫mvdt
               
              where q = mv is momentum
               
              m is the mass according to the definition of Dr. Giuseppe Cotellessa (m = Ep / h).
               
              v is the speed
               
              h is the height from the center of gravity of the largest body.
               
              Ec mechanical kinetic energy
               
              Ep mechanical potential energy.
               
              So in nature there is a continuous conversion between energy and momentum as it happens in a similar way between momentum and force f = d (mv) / dt
               
              The definition of mass as
               
              m = Ep / h is very important.
               
              Suffice it to think that thanks to this fundamental error of Newton that
               
              m = f / a
               
              Einstein himself not realizing it developed the whole theory of special relativity since m was found to be a function of velocity
               
               
              m = Ep / h
               
              in this case, it is a static definition that is not dynamic and therefore no longer depends on the speed.
               
              With this in mind, we must consider that starting from a wrong assumption we can only create a wrong theory.
               
               
              According to the original vision of Dr. Giuseppe Cotellessa, the correct formulation of the mechanical potential energy is:
               
              1) Epm = mh
               
              where it is:
               
              Epm is mechanical potential energy
               
              m is the mass according Dr. Giuseppe Cotellessa original vision.
               
              h is the height with respect to the barycentre of the largest mass, according to the elementary notions of classical physics.
               
              in analogy with the definition of electrical potential energy
               
              Epe = qV
               
              where it is:
               
              Epe is the potential electric energy
               
              q is the electric charge
              V is the electrical potential
               
              These original definitions are important for the following reasons:
               
              It is known in classical physics that for the principle of energy conservation the sum of the kinetic energy plus the mechanical potential energy is constant.
               
              The original discovery of Dr. Giuseppe Cotellessa is important because it explains in an original way the mechanism of how transformation occurs between potential energy and kinetic energy and vice versa:
               
              When the potential mechanical energy changes over time (in reality the variation of time coincides in this case with the variation of space), the generation of momentum is generated:
               
              2) q = mv = d (Epm) / dt = d (mh / dt)
               
              This momentum is automatically converted into kinetic energy
              with the integration of momentum with respect to speed.
               
              In formula
               
              Ecm = ∫mvdv = 1 / 2mv2
               
              These relationships are very important from the physical conceptual point of view.
               
              Therefore the momentum assumes the function of an intermediate quantity between the mechanical energies and the force intended as f = ma.
               
              Ep = ∫mvdt = ∫dt∫madt
               
              Ec = ∫mvdv
               
              in turn:
               
              q = mv = d (1 (2mv2) dv = d (mh) / dt
               
              f = ma = d2 (Ep) / d2t
               
              Physically in the conversion from potential energy into kinetic energy, the following phenomena occur:
               
              The variation of potential energy as a function of height generates momentum.
               
              The creation of momentum and its increase in time generates the kinetic energy on the one hand and on the other creates the force mg.
               
              In practice, as a reaction of the increase in momentum due to the decrease in potential energy, there is a negative reaction since the increase in momentum is counteracted in the conversion of momentum into kinetic energy and increasing the force f = ma.
               
              Momentum acts as a buffer function between acidic and basic solutions in chemistry.
               
              It is a process of regulation between the conversion of the various forms of energy and of conversion between energy and force.
               
              The increase in momentum has the effect of simultaneously generating kinetic energy 1 / 2mv2 and force f = ma.
               
              The decrease in momentum provokes both the kinetic energy and the force decrease.
               
              Physically in the conversion from kinetic energy into energy potential, the following phenomena occur:
               
              The decrease in kinetic energy decreases the momentum that is converted into an increase in potential energy and decreases the force f = ma.
               
              These considerations are very important at the basis of the reformulation of all the fundamental principles of physics:
               
              For example, in the case of the collapse of the Morandi bridge, the direct impact of strong wind on the bridge structures converted high kinetic energy of the bridge into momentum that was simultaneously converted into forces on the bridge and a large increase in potential energy of the bridge components which could cause the onset of high destructive forces.
               
              The value of the forces created by the definition of the impulse depends on the speed of the conversion time of the momentum in force.
               
              For the protection of the bridge and its long duration in time it is necessary to find the materials that convert the momentum into force, which thanks to the impulse theorem are of low intensity and prevent the conversion of high kinetic energy of the wind and passing cars in low momentum values such as reducing the wind speed on the bridge structures and the speed of the cars in the passage of the road on the bridge.
               
              The design of civil and industrial structures are all based on the principles of static conservation of energy and momentum as isolated and separate worlds not communicating with each other.
               
              We must redefine the principles and conditions of equilibrium of the physical systems, no longer trivially resulting in nothing of the forces for displacements and the null moment of the forces of rotation with the relative principles of conservation of the momentum and the relative momentum momentum.
               
              In the case of impacts, one must consider that it is necessary to start from the values of the mechanical energies that are converted into momentum and the latter into forces
               
              f = ma.
               
              We must also reconsider atomic models because the same mechanisms are valid for electrical laws.
               
              The existence of electric kinetic energy must also be foreseen in the electric world
               
              Ece = 1 / 2qe2
               
              which is transformed into electric momentum
               
              p = ev
               
              and electric force fE
               
              fE = qE = dp / dt.
               
              It is necessary to consider that in the symmetrical way the same components made for the mechanical world are valued in the electric world, even if in this case it is less easy to control the quantity of electric charge in the bodies as the respective individual velocities of the electric charges like those of the electrons and protons.
               
              The electric charge can be defined as
               
              q = E / V
               
              and similar to the correct definition of mechanical mass according to the vision of Dr. Giuseppe Cotellessa no longer depends on the speed
               
              m = Ep / h
               
              Thus the mechanical potential h has the equivalent in the electric potential V
               
              In the physics of Newton presently at the electric potential power V corresponds the mechanical potential gh.
               
              These considerations are very important because they make us understand that current physics is inadequate for the interpretation of physical reality. These incorrect settings can cause serious disasters in the works made so far.
               
              The application of these considerations should receive the priority from the political world and the official mass media to reformulate the whole structure of physics so as to ensure the construction and renovation of public works that on the basis of these principles truly guarantee stability and safety.
               
              I preferred to quickly publish these important concepts as soon as I conceived them but to perfect them and publish them late for the importance of their effects and their consequences in the application world.